Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • A 25 mesi dall’omicidio di Berta Cáceres i mandanti sono ancora liberi

    A 25 mesi dall’omicidio di Berta Cáceres i mandanti sono ancora liberi

    In giugno l’inizio del processo per le persone coinvolte nel crimine della dirigente indigena
    5 aprile 2018 - Giorgio Trucchi
  • Argentina: domiciliari per i torturatori del regime militare?
    La provocazione del Servizio penitenziario federale a pochi giorni dal quarantaduesimo anniversario del colpo di stato

    Argentina: domiciliari per i torturatori del regime militare?

    A beneficiarne, tra gli altri, ci potrebbero essere Alfredo Astiz, Horacio Martínez Ruiz, Victor Gallo, Jorge “el Tgre” Acosta, Julio Simón e l’ex cappellano militare Cristian Von Wernich
    24 marzo 2018 - David Lifodi
  • Un libro di Davide Reina

    "Per un'economia giusta"

    L'autore dice basta allo sfruttamento incondizionato delle risorse, basta alla crescita continua, basta alla speculazione finanziaria, basta alla ricchezza esclusiva, basta i manager onnipotenti e iperpagati. E da specialista della materia propone la sua via d'uscita
  • Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari
    È scandaloso quanto sta succedendo, abbiamo molti trattati internazionali contro le armi nucleari, ma questi non vengono rispettati

    Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari

    Esistono i trattati che vietano l’uso di armi nucleari, ma siamo pieni di basi statunitensi che pretendono di difendere la democrazia difendono solo i loro interessi. Occorre ribellarsi di fronte all’ingiustizia
    13 novembre 2017 - Oscar Litwin

Argentina, scompare il supertestimone nel processo per genocidio. Marcia di protesta a La Plata

24 settembre 2006
Fonte: Liberazione (http://www.liberazione.it)

Una marcia di protesta è stata organizzata a La Plata, in Argentina, mentre cresce la preoccupazione e si teme per la sorte di Jorge Julio Lopez, il 77enne testimone chiave di un processo per genocidio ai danni dell’ex capo della polizia di Buenos Aires, Miguel Etchecolatz. Lopez, di cui non si hanno più notizie da domenica scorsa è stato uno dei testi principali nel processo a carico dell’alto ufficiale, che martedì scorso è stato condannato all’ergastolo per sequestri, torture e omicidi compiuti durante l’ultimo governo militare (1976-1983). Alla marcia di La Plata, capitale della provincia di Buenos Aires dove si è svolto il processo, hanno partecipato centinaia di persone. Secondo la dirigente dell’Associazione degli ex detenuti-desaparecidos, Adriana Calvo, la scomparsa di Lopez è «un chiaro messaggio per la condanna all’ergastolo per genocidio di Etchecolatz e di minaccia nei confronti di testimoni in simili processi».
Lopez, in particolare, aveva riconosciuto l’imputato Etchecolatz come colui che lo aveva fatto rapire e torturare nel 1976. Chiedendo al ministro dell’Interno argentino, Anibal Fernandez, di assicurare che Lopez venga ritrovato al più presto «vivo», la Calvo ha sottolineato che le organizzazioni umanitarie sono in possesso di «indizi, prove e fatti concreti» che dimostrano che Lopez è stato sequestrato.

Come scrive la stampa argentina che dedica ampio spazio alla vicenda, solo pochi giorni prima di scomparire nel nulla aveva ricevuto «telefonate anonime nelle quali gli avevano fatto ascoltare rumori evocanti torture».

Di fronte all’assenza del minimo indizio sulla sua sorte, il governo della provincia di Buenos Aires ha fatto pubblicare sui principali quotidiani argentini un avviso contenente una ricompensa di 200.000 pesos (50.000 euro) per chiunque fornisca informazioni utili per rintracciare l’uomo che sembra avere l’incredibile sorte di due volte desaparecido.

I media sostengono fra l'altro che l'incredibile somiglianza fisica di Lopez con quella del suo carnefice, ed il fatto che i due abbiano la stessa età, rafforzerebbe l’ipotesi di un gesto di rappresaglia simbolico.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)