Laboratorio di scrittura

A settecento anni dalla morte di Dante

Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia

Viviamo in una zona di confort irreale, come se esistessimo solo noi. Non conosciamo gli eroi del nostro tempo, sono perseguitati e non li sosteniamo. Da questa letargica indifferenza ci risvegliamo quando la TV ci fa sentire in colpa e magari organizza un nuovo criminale "intervento umanitario".
15 settembre 2021

All'inizio pensavo che troppe persone fossero indifferenti verso la morte dei bambini di Taranto. E mi chiedevo perché.

Poi ho visto che tantissime persone sono indifferenti verso la morte dell'ingegnere afghano centrato in pieno, assieme ad altri nove civili, fra cui sette bambini, da un drone americano mentre cercava di portare dell'acqua alle persone di Kabul. Daniel Hole, appena condannato a 4 anni negli Usa per aver rivelanto i crimini commessi con i droni americani

Poi ho visto che quasi nessuno in Italia sta chiedendo la liberazione del giovane americano che è in carcere per aver rivelato i crimini commessi con i droni, e ho toccato con mano l'indifferenza causata dalla mancanza di informazione.

Poi ho scoperto che una moltitudine di persone, anche istruite, non sa neppure che è esistita per venti anni una prigione dove - dopo l'11 settembre 2001 - sono state torturate persone arrestate senza accuse formalizzate, e che quel carcere è ancora aperto nell'indifferenza di larga parte dell'opinione pubblica, e che quella prigione è a Guantanamo, e che è gestita dalla CIA. Ce ne siamo dimenticati o non lo abbiamo mai saputo?

C'è stata in questi anni un'impressionante e diffusa violazione dei diritti umani in nome di ragioni ritenute superiori a ogni altra cosa, dall'ILVA di Taranto fino all'Afghanistan, dove in carcere - fra le viscere della terra - sono stati torturati anche i bambini perché sospettati di terrorismo da un governo afghano (ora caduto) che abbiamo sostenuto con le nostre tasse. Ci siamo interessati dei manuali di tortura della CIA o dei droni che ci sono stati presentati come infallibili? O dei lager libici finanziati da noi? L'indifferenza è voltare le spalle al mondo

Infine ho scoperto di essere stato anche io, nel mio piccolo, disinformato e indifferente verso tante persone di cui non conoscevo neppure il nome. Alcuni sono eroi perseguitati, casi che fanno sussultare la coscienza, come Assange. E, credetemi, mi sono vergognato di questa indifferenza che spiega tante cose, da Taranto a Guantanamo, e ci avvolge in un morbido bozzolo di indifferenza, in una zona di confort irreale e ipocrita, dandoci l'impressione che esistiamo solo noi, con i nostri problemi, e noi soltanto. Come è possibile che la gente presti attenzione si bambini di Taranto se non non abbiamo alcuna attenzione al mondo, ai suoi drammi e ai suoi eroi quotidiani che non conosciamo neppure?

E quello che mi fa star peggio è che da questa letargica indifferenza ci risvegliamo, con il telecomando in mano, quando la TV ci fa sentire in colpa e organizza un nuovo criminale "intervento umanitario" per scendere con il piede sbagliato dal nostro soffice letto di ignavia.

Rilfessioni a 700 anni dalla morte di Dante. Per non abituarci al male.

Note: Droni, l’ex analista Usa che ha svelato i danni collaterali: «Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre». Un caso di coscienza. Daniel Hale, figlio di un battista della Virginia, è stato condannato a quattro anni di reclusione per aver rivelato informazioni segrete sulle operazioni anti terrorismo durante l’amministrazione Obama. Ha detto: «Non ho vissuto un solo giorno senza rimorso». Daniel Hale è un eroe. Ho firmato per la sua liberazione. E tu? https://www.codepink.org/danielhale

Articoli correlati

  • Pagina web della Campagna Guantanamo
    PeaceLink
    Le cose fatte e da fare

    Pagina web della Campagna Guantanamo

    L'obiettivo della campagna è quello di chiedere la chiusura della prigione americana di Guantanamo. La campagna si rivolge al presidente del Consiglio Mario Draghi e ai parlamentari italiani ed europei perché facciano pressione sul governo USA e lo richiamino al rispetto dei diritti umani.
    15 settembre 2021 - Campagna Guantanamo
  • «Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre»
    MediaWatch
    Droni, l’ex analista Usa che ha svelato i danni collaterali

    «Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre»

    Un caso di coscienza. Daniel Hale, figlio di un battista della Virginia, è stato condannato a quattro anni di reclusione per aver rivelato informazioni segrete sulle operazioni anti terrorismo durante l’amministrazione Obama. «Non un giorno senza rimorso»
    15 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Il drone americano ha colpito l'auto ma non c'era nessun terrorista, solo civili innocenti
    Conflitti
    Il video analizzato dal New York Times tocca l'illegalità delle uccisioni con i droni

    Il drone americano ha colpito l'auto ma non c'era nessun terrorista, solo civili innocenti

    Centrata in pieno l'auto del presunto attentatore dell'Isis ma in realtà era guidata da Zemari Ahmadi, un ingegnere che trasportava taniche d'acqua e collaborava con un gruppo di aiuto americano. Ci sono sette bambini fra i dieci civili uccisi a Kabul il 29 agosto dal drone USA.
    14 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?
    Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)