MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • Che cosa era la guerra?
    A ogni incontro, Gulala riporta una frase esplicativa nella sua semplicità, della poetessa americana Eve Merriam: “Io sogno di dare alla luce un bambino che chieda: Mamma, che cosa era la guerra?”

    Che cosa era la guerra?

    Brevi note dopo la cena-incontro solidale che da Campi Bisenzio ha dato voce a chi dall'Italia lavora per Kurdistan Save the Children. Un progetto che prosegue, un ponte reciproco con la regione tormentata del Nord Iraq.
    6 marzo 2017 - Andrea Misuri
  • E' morto Fidel Castro

    E' morto Fidel Castro

    26 novembre 2016 - Marinella Correggia

Guerra alla stampa

19 novembre 2004 - Giuliana Sgrena
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Dopo i giornalisti «embedded» arriverà anche la corte marziale per giornalisti non «embedded»? Non è uno scherzo. E' un nuovo scalino nella militarizzazione dell'informazione ben conosciuta nella guerra in Iraq, soprattutto in questi giorni a Falluja. Gli unici giornalisti presenti sono quelli «embedded» con le truppe Usa, che
peraltro, questa volta «arruolavano» solo americani e britannici. Se poi, anche da «embedded» censurati riescono a rivelare un «crimine di guerra», potrebbero finire in galera, in Italia. Ovvero, rivelare notizie sulle missioni militari italiane potrebbe essere estremamente pericoloso, si rischierebbero da cinque a venti anni di carcere. Il paradosso è che ci voleva questa infame e infamante riforma del codice penale militare, approvata ieri in prima lettura al Senato, per rivelare la vera natura della missione Antica Babilonia, che ha portato i militari italiani a Nassiriya. L'hanno chiamata missione di pace, anche se evidentemente non lo è, ma per non ammetterlo, anche le missioni di pace saranno regolate dal codice militare, come quelle di guerra.
Per tornare al testo della riforma, che speriamo non passi alla Camera, "chiunque si procura notizie concernenti la forza, la preparazione o la difesa militare, la dislocazione o i movimenti delle forze armate, il loro stato sanitario, la disciplina o le operazioni militari e ogni altra notizia che, non essendo segreta, ha tuttavia carattere riservato", rischia, in base agli articoli 72 e 73 del codice penale militare italiano sulla "illecita raccolta,
pubblicazione e diffusione di notizie militari", da due a dieci anni.
Se poi tali notizie fossero diffuse la reclusione va da un minimo di cinque anni a un massimo di venti. Ora non potremo più essere smentiti quando affermeremo che il nostro governo ci ha portato in guerra in Iraq e daremo persino una giustificazione a coloro che in Iraq ci considerano alla stregua dei militari italiani.
Allora viene da chiederci che cosa succederà quando riferiremo notizie sui progetti delle organizzazioni umanitarie in missione, quelle sì veramente di pace. Pensavamo che gli iracheni non avessero capito, quando facevano confusione tra i volontari delle organizzazioni umanitarie e i nostri soldati, invece avevano intuito
prima di noi le vere intenzioni dell'Italia.
Chi andrà ancora a Nassiriya a seguire i nostri con il pericolo di finire di fronte alla corte marziale?
O forse dovremmo già essere tutti in galera?

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)