MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Rispedirli nei Paesi di origine?
    Gli slogan di Salvini

    Rispedirli nei Paesi di origine?

    Solo pochi giorni fa abbiamo potuto raccogliere, nel centro medico di Lampedusa, le testimonianze di persone che erano riuscite a fuggire dai lager libici. Testimonianze da far accapponare la pelle.
    12 giugno 2018 - Pietro Bartolo
  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Il nostro vicino nucleare

    Il nostro vicino nucleare

    La così detta Françafrique è ancora oggi il pilastro del neocolonialismo francese e della sua stessa grandezza economico/militare
    11 maggio 2018 - Rossana De Simone
  • PsyOps
    I retroscena della guerra

    PsyOps

    Si chiamano Psychological Operations (PsyOps) e servono a manipolare l'opinione pubblica. I principali obiettivi delle PsyOPs oggi sono (paradossalmente) proprio i pacifisti. Come reagire? Diventanto esperti di fact checking, entrando nel vivo delle informazioni militari per verificarle con sistematicità, con metodo e con una buona dose di dubbio.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti

Premio Ilaria Alpi: più di duecento i video presentati in concorso

3 maggio 2005

Si rinnova il successo ottenuto dalle nuove sezioni del Premio Ilaria Alpi istituite nel 2004: sono 40 i partecipanti al premio Europa, riservato a giornalisti europei (il doppio rispetto al 2004) e 25 quelli al Premio Produzione, per i reportage inediti in lingua italiana (erano 16 nel 2004). L’ interesse che riscuote il Premio e la voglia di giornalismo qualificato che c’è anche oltrefrontiera evidenziano l’ottima qualità del lavoro che sono in grado di produrre i free-lance e i le etichette indipendenti.
Forte partecipazione delle redazioni dell’Europa occidentale (Spagna, Regno Unito, Svezia, Francia, Germania), ma non manca la voglia di farsi sentire delle nuove realtà europee emergenti (paesi est-Europa e Balcani). Diverse le tematiche affrontate ma l’attenzione è rivolta perlopiù alle vicende conflittuali dell’attualità internazionale.
Focus sugli esteri anche per i filmati partecipanti al Premio Produzione: numerosi i reportage presentati che raccontano di Africa e America latina, di cooperazione internazionale, quasi a dimostrazione di quanto il confine tra giornalismo free-lance e attivismo sociale sia labile. L’80% di coloro che concorrono a questa sezione ha meno di 32 anni.

I “numeri” del Premio Ilaria Alpi danno dunque un segnale evidente dell’importanza e l’interesse che il panorama giornalistico televisivo rivolge all’inchiesta. Sono 220 i video presentati al concorso nelle diverse sezioni, con un totale di 185 giornalisti partecipanti, di cui un terzo donne.

La tragedia dello Tsunami nel Sud-Est asiatico, l’infanzia violata, l’Africa, tra le tematiche più trattate nelle sezioni “storiche” del Premio. Come in ogni edizione moltissimi i reportage di guerra o su situazioni di post-conflitto. Colpisce però la scarsa presenza di inchieste sull’Iraq.
La mafia, la vita nelle periferie metropolitane, i disastri dell’inquinamento chimico e l’immigrazione clandestina gli argomenti più frequenti nelle inchieste riguardanti l’Italia. Circa 15 i filmati che concorrono per la sezione dedicata ai servizi in onda su tv locali e regionali, a dimostrazione della difficoltà che hanno le emittenti locali nel cercare di proporre, e realizzare, la denuncia giornalistica. Per la maggior parte arrivano da Puglia ed Emilia Romagna, ci sono poi Friuli, Veneto, Lombardia, Marche, Calabria.
Per i servizi in onda su televisioni nazionali è anche quest’anno la Rai in prima fila, con più di cinquanta video. Ma non mancano Mediaset e La7, e soprattutto le tv satellitari. Quindici infatti i filmati andati in onda su Sky Tv e RaiNews24. Presenti tre telestreet.

“L’undicesima edizione del premio Alpi consolida la caratteristica di una rassegna del giornalismo televisivo di inchiesta che non ha ormai uguali in Italia e che vede accrescere sensibilmente la sua dimensione internazionale grazie alla partecipazione di numerosi network europei” – così commenta i dati della partecipazione al Premio Italo Moretti, presidente della giuria che decreterà il vincitore – “Se era prevedibile la rappresentazione dello Tsunami e dei suoi disastrosi effetti, ci conforta la scelta di rappresentare realtà dimenticate dalla grande stampa, come quella dell'Africa, continente desaparecido nonostante la condizione tragica in cui vivono quelle popolazioni. La ridotta presenza del conflitto iracheno si spiega con la rinuncia da parte delle televisioni nazionali a mantenere in Iraq le proprie truppe, imposta da rapimenti e mancanza di sicurezza e dettata in alcuni casi dai governi europei. E’ davvero positiva, nella crisi del giornalismo d'inchiesta, la trattazione, per quanto riguarda l’Italia, di problemi ormai offuscati, come quello della mafia,o sempre attuali come l'inquinamento, o l'immigrazione prima di tutti gli altri. E premia l'apertura di una sezione riservata al giornalismo di coraggiosi autori, per così dire indipendenti, che riescono a sopravvivere tra mille difficoltà. Nel ricordo del sacrificio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, il premio Alpi continua così a mostrare quanto di meglio riesce a produrre un giornalismo che si pone come alternativa al sensazionalismo e all'effimero.”

Le giornate conclusive dell’undicesima edizione del Premio Ilaria Alpi si svolgeranno a Riccione dal 1 al 4 Giugno 2005. I premi saranno attribuita dalla giuria presieduta da Italo Moretti e composta da Ettore Mo, Luca Ajroldi, Alessandro Banfi, Claudio Brachino, Angela Buttiglione, Emilio Carelli, Antonio Di Bella, Emilio Fede, Giovanna Lio, Mauro Mazza, Paolo Meucci, Clemente Mimun, Paola Palombaro, Andrea Vinello, Romano Tamberlich. Si aggiungono per il Premio Produzione, Roberto Morrione, Paolo Ruffini, Gerardo Bombonato e Paolo Serventi Longhi e per il Premio Miran Hrovatin Stefano Paolillo e Gianfranco Rados.

Il premio Ilaria Alpi, ideato ed organizzato dall’Associazione “Ilaria Alpi - Comunità Aperta” è promosso da Regione Emilia Romagna, Comune di Riccione, Provincia di Rimini in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti dell'Emilia Romagna, RAI, Coop, BBC, MontBlanc, Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini, Hotel Luna e Block 60.
Il Premio è patrocinato dall'Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, dalla Camera dei Deputati, dalla Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, dall'Ordine dei Giornalisti Nazionale e, da quest’anno, dalla Commissione Nazionale Italiana Unesco.

INFO
Ufficio Stampa
Francesca Ciarallo, Giuditta Lughi
0541 691640 – 349 2258341
fciarallo@ilariaalpi.it
www.ilariaalpi.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)