Iraq: liberati i tre giornalisti romeni

25 maggio 2005

I 3 giornalisti, Marie Jeanne Ion (giornalista di Prima TV), Sorin Miscoci (il suo cameraman), eduard Ohanesian (corrispondente del giornale Libera ed Mohamed Munaf (la loro guida ed uomo d’affari americano-iracheno), rapiti il 28 Marzo nella periferia di Bagdad, sono stati liberati e sono dalle 13h44 sotto la protezione delle autorità romane.

I rapitori che si facevano chiamare “la squadra di Mouadh Ibn Jabal” avevano detto un ultimatum al 27 Aprile, volevano che la Romania annuncia il ritiro delle sue truppe in Iraq, in cambio della liberazione delle 4 persone.

Le autorità romane avevano dichiarato molte volte che non cambierebbero la loro politica straniera sotto la pressione dei rapitori.

Il presidente Traian Basescu, che aveva coordinato la cellula di crisi creata in Romania subito dopo il rapito delle 4 persone, “ci ha chiamato verso le 14h30 per dirci questa bella notizia” ha dichiarato all’agenzia Mediafax, il padre di Marie-Jeanne, Vasile Ion. “E’ una grande goia per noi. Abbiamo pregato per loro durante questi ultimi 53 giorni”

Note: Tradotto da Charlotte Bonin per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile per scopi non commerciali citando la fonte, l'autore e il traduttore.

Articoli correlati

  • Ti ricorderemo, Gino Strada
    Pace
    Un mese fa moriva Gino Strada

    Ti ricorderemo, Gino Strada

    Ha lasciato un segno nella Storia e nelle nostre coscienze, ci ha esortato a credere in un futuro senza guerre. Lavorava, soffriva per quello che vedeva e si interrogava.
    10 settembre 2021 - Maria Pastore
  • L'esportazione della democrazia e Gino Strada
    Pace
    Afghanistan

    L'esportazione della democrazia e Gino Strada

    Nessuno gli ha dato ascolto, se non la povera gente di cui ha guarito le ferite senza fare distinzione alcuna. Quello che sta succedendo è la bancarotta morale dell'Occidente.
    17 agosto 2021 - Gianfranco Mammone
  • La debacle in Afghanistan mostra che avremmo dovuto ascoltare, non criminalizzare, Julian Assange
    Pace
    Non uccidere il messaggero

    La debacle in Afghanistan mostra che avremmo dovuto ascoltare, non criminalizzare, Julian Assange

    Il fondatore di Wikileaks ci aveva da tempo avvertito che in Afghanistan le truppe USA/NATO non stavano “guadagnando le menti e i cuori” della popolazione; anzi, si stavano facendo odiare. Ma il messaggio non è stato ascoltato e il messaggero è ora in prigione in attesa di giudizio.
    17 agosto 2021 - Patrick Boylan
  • Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?
    Cultura
    Sul programma televisivo "La Caserma"

    Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?

    Quello che propongono i media a mo' di gioco, nella realtà è molto, molto più triste. Cosa vogliamo raccontare ai nostri ragazzi, la finzione o la realtà?
    26 maggio 2021 - Maria Pastore
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)