MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • Messico: guerra aperta agli operatori dell’informazione
    I giornalisti sotto il fuoco incrociato dei narcos e dello Stato

    Messico: guerra aperta agli operatori dell’informazione

    Il coraggio di Javier Valdez e dei suoi colleghi, caduti per la libertà di espressione nel segno del giornalismo indipendente
    1 giugno 2017 - David Lifodi
  • Che cosa era la guerra?
    A ogni incontro, Gulala riporta una frase esplicativa nella sua semplicità, della poetessa americana Eve Merriam: “Io sogno di dare alla luce un bambino che chieda: Mamma, che cosa era la guerra?”

    Che cosa era la guerra?

    Brevi note dopo la cena-incontro solidale che da Campi Bisenzio ha dato voce a chi dall'Italia lavora per Kurdistan Save the Children. Un progetto che prosegue, un ponte reciproco con la regione tormentata del Nord Iraq.
    6 marzo 2017 - Andrea Misuri

Bucarest- gli ex-ostaggi romeni in Iraq sono stati vittime di affaristi.

7 giugno 2005
Fonte: www.courrierinternational.fr - 27 maggio 2005

I 3 giornalisti ex-ostaggi in Iraq, sarebbero vittime del affarismo della loro guida americano-iracheno e di un ricchissimo romeno - siriano, accusati venerdì dalla procura di Bucarest, di avere “organizzato e finanziato” il loro rapito il 28 Marzo, vicino a Bagdad.
La procura ha affermato che “il rapito e le minacce fatte dal gruppo che ha detenuto per 55 giorni i 3 giornalisti e la loro guida in Iraq, avevano come obiettivo di creare una forte emozione nell’opinione pubblica romena, destinata ad attirare l’attenzione sul uomo d’affari Omar Hayssan”.
“O.Hayssan sperava, cosi, essere scagionato in qualche dossier nei quali era accusato di crimine organizzato e di numerose infrazioni economiche “ aggiungeva la procura.
M.Hayssan, aveva riconosciuto nella mattina, davanti alla corte d’appello di Bucarest avere organizzato l’invio dei tre giornalisti romeni in Iraq, per “avere una credibilità” come investitore presso le autorità irachene.
“ come conoscevo la giornalista del canale Prima TV Marie-jeanne Ion e suo padre”, Vasile Ion, senatore del partito sociale democratico (PSD, al potere fino a dicembre 2004)” gli ho proposto di andare in Iraq per fare delle interviste di nuovi responsabili politici e lei ha accettato” ha aggiunto M.Hayssan.
M.Hayssan e diventato fortunato nel immobile e nel agro-alimentare, ed era membro influente del PSD, di cui avrebbe finanziato le campagne elettorali, prima di esserne escluso nello scorso Aprile.
La guida dei giornalisti, l’americano – siriano Mohamed Munaf avrebbe contatto la direzione del quotidiano Romania Libera, con il quale Omar Hayssan aveva concluso dei contratti pubblicitari per le sue affari. “Il direttore di questo quotidiano ha subito designato Eduard Ohanesian, per questo documentario” ha detto M.Hayssan.
Dei dirigenti della stampa di Bucarest si sono pubblicamente interrogati sull’”ingenuità”, “i problemi deontologico “ e ,”il dilettantismo” di questo tipo di “patrocinio” di documentari di giornalisti in una regione pericolosa.
Quindi, Mohamed Munaf, avrebbe, finanziato il viaggio dei giornalisti, i quali dormivano in un albergo, fuori della “zona verde” rassicurata della capitale irachena.
Di più, la presidenza romena aveva indicato che le autorità sono state informate della loro presenza in Iraq, via la loro ambasciata a Bagdad, solo il giorno dopo il loro arrivo
Questo venerdi, qualche ora prima che la procura l’accusa, con M.Munaf, di avere “organizzato e finanziato” questa presa di ostaggi, M.Hayssan aveva confermato davanti alla corte d’appello avere avuto nessuna informazione sul rapito il 28 marzo, di Marie-jeanne Ion, Eduard Ohanesian, Sorin Miscoci, il cameraman di Prima TV, e Mohamed Munaf, tutti liberati domenica.
E’ solo il giorno dopo del rapito che lui ha ricevuto “una telefonata di un uomo che parlava in arabo, chiedendomi un riscatto di 4 milioni di euro per la liberazione dei giornalisti e della loro guida” dice O.Hayssan.
Mohamed Munaf e Omar Hayssan sono sotto mandato d’arresto preventivo, per un periodo di 29 giorni, rilasciato venerdì dalla corte d’appello di Bucarest per “terrorismo”.
Questo mandato d’arresto è stato dato nell’assenza de M.Munaf chi, dopo essere stato liberato domenica, è sempre detenuto in Iraq dalle forze americane, per degli interrogatori.
“tutto quello che voglio è sapere la verità su quello che ci è successo in Iraq. I colpevoli devono pagare, perché non capisco perché qualcuno dovrebbe inviare della gente alla morta” ha detto venerdì sera, Marie-jeanne Ion.

Note:

Tradotto da Charlotte Bonin per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile per scopi non commerciali citando la fonte, l'autore e il traduttore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)