MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Una pioggia di euro

Del consistente contributo economico che l'Ue versa nelle casse del governo tunisino, soltanto una porzione minima è rivolta alla questione della libertà di stampa
28 settembre 2005 - Paolo Giaccaria
Fonte: Volontari per lo Sviluppo - 28 settembre 2005

A partire dal biennio 1995-96, allorquando l’Unione Europea ha varato il programma MEDA a sostegno del Processo di Barcellona, la Tunisia è indubitabilmente uno dei principali beneficiari dell’aiuto europeo alla cooperazione e allo sviluppo. Durante la prima fase della programmazione MEDA (1995-1999) la Tunisia si è collocata al terzo posto dopo Egitto e Marocco in termini di stanziamenti (428 milioni di euro su un totale di 2.580), per salire poi addirittura al secondo posto nel periodo 2000-2003 (con circa 306 milioni su quasi 1.800 stanziati complessivamente per i PTM).
Per entrare nello specifico del tema qui trattato, possiamo svolgere alcune brevi considerazioni a partire dai documenti ufficiali che esprimono la politica di cooperazione tra UE e Tunisia, vale a dire il Document de Strategie 2002-2006 e le due edizioni del Programme Indicatif National (2002-2004 e 2005-2006). Se consideriamo il documento di strategia e il primo programma nazionale, osserviamo come la libertà di espressione e/o di stampa ricorra abbastanza frequentemente nel testo, anche se meno di termini come “aggiustamento”, “competitività” e “modernizzazione” (6 volte contro 12, 14 e 23). In compenso, il programma per il biennio 2005-2006 non contiene nessun riferimento alla libertà di espressione, limitandosi a un vago accenno alle libertà fondamentali.
Dal punto di vista dell’organizzazione dei programmi di cooperazione, la libertà di stampa e di espressione viene contestualizzata nel quadro più ampio della creazione di uno stato di diritto e della riforma delle istituzioni statuali, con un impegno complessivo di circa 32 milioni di euro nel periodo 2002-2004.
Se, infine, consideriamo al presenza di specifici progetti legati allo sviluppo dei media – e, si suppone, della libertà di stampa – vediamo che l’intervento dell’Unione si è limitato al finanziamento di un progetto di sostegno ai media tunisini, pari a 2,15 milioni di euro, nel 2002. E’ ovviamente troppo presto per valutare l’effettivo impatto di questo progetto, anche perché l’accordo è stato firmato solamente nel 2004. Rimane la certezza che, a dispetto dell’enfasi che le celebrazioni per il decennale della Conferenza di Barcellona pongono sullo sviluppo del media e sulla libertà di stampa, l’impegno dell’Unione Europea e degli stati membri non è stato sinora all’altezza delle ambizioni e delle aspettative (tabella 1).

Tabella 1 – Allocazione degli stanziamenti MEDA nel periodo (2002-2006) – Milioni di Euro
2002-2004 2005-2006
Economia e produzione 143 70
Educazione 52 64
Infrastrutture 20 10
Società civile e governance 31,5
Media 2,15
Totale 248,65 144
Fonte: Programme Indicatif National (2002-2004 e 2005-2006

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)