MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio

Informazione: ISF, frase Bush su Al-Jazeera non solo scherzo

23 novembre 2005
Fonte: ANSA

FIRENZE, 23 NOV - ''Il Presidente Bush ora dice che la sua frase sulla necessita' di bombardare Al Jazeera in Irak fu solo una battuta di spirito. Dovrebbe invece ricordare che un aereo militare Usa mise in pratica quella idea all' alba dell' 8 aprile 2003 a Bagdad'', uccidendo ''il collega Tareq Ayyub che stava seguendo le fasi del violento scontro militare in corso sulla riva del Tigri dal tetto della sede dell' emittente del Qatar''. Lo ricorda in una nota l' associazione Isf (Information Safety and Freedom), rilevando come la direzione di Al Jazeera ''avesse comunicato le coordinate della propria sede alle forze della coalizione una settimana prima dell' occupazione di Bagdad''. ''Poche ore dopo quell' attacco, verso le 12, - prosegue Isf - un carrarmato Abrahams colpi' l' Hotel Palestine abitato dai giornalisti uccidendo il collega Taras Protsyuk della Reuters e il collega Jose' Couso della spagnola Telecinco. Un rapporto investigativo pubblicato dall' associazione americana Cpj (Committee for to Protect Journalists) ha poi dimostrato che gli ufficiali statunitensi che autorizzarono quell' attacco erano a conoscenza che l' albergo ospitava i giornalisti internazionali''. ''Dobbiamo anche aggiungere - si legge nel comunicato di ISF - che in seguito il governo irakeno ha espulso dal Paese l' emittente del Qatar colpevole di diffondere notizie e voci che risultavano critiche rispetto agli interessi della Coalizione e dei suoi alleati interni''. ''La liberta' di stampa resta un miraggio in Irak dove le associazioni dei giornalisti e molti colleghi continuano a denunciare la morsa fra minacce e violenze attuate dai terroristi , ma anche da Governo e forze alleate'' , prosegue il comunicato. ''Dall'inizio della guerra in Irak sono stati 75 i giornalisti caduti e molti in episodi che hanno coinvolto militari della Coalizione. Su ognuno di questi casi le autorita' militari usa hanno applicato l' etichetta 'accident', chiudendo la pratica esattamente come nella vicenda della collega Giuliana Sgrena, dove perse la vita il dirigente del Sismi Nicola Calipari. Forse il Presidente Bush - conclude la nota - invece di fare dello spirito, dovrebbe almeno chiedere scusa ai familiari''.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)