MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • F-35

    F-35

    La cinica conclusione nella Relazione speciale sulla partecipazione italiana al Programma F-35 Lightning II della Corte dei conti e la cupa posizione dei sindacati confederali. Di fatto le forze aeree straniere che utilizzano l’F-35 saranno costrette a finanziare con 150 milioni di dollari i laboratori software degli Stati Uniti occupati quasi per il 50% da personale statunitense
    1 settembre 2017 - Rossana De Simone
  • Le bugie sull’Afghanistan
    Nessuna ricostruzione nonostante i 100 miliardi di dollari spesi dagli USA

    Le bugie sull’Afghanistan

    Un triste bilancio sulla missione USA in Afghanistan mentre Trump rilancia e promette "più uomini fino alla vittoria finale"
    24 agosto 2017 - Matthew Hoh
  • New York

    L'era atomica sta per finire - di Alfonso Navarra

    Oggi all'ONU si è varato un Trattato per proibire gli ordigni nucleari.
    7 luglio 2017 - Laura Tussi
  • A New York la riunione ICAN
    Campagna internazionale per la messa al bando delle armi nucleari

    A New York la riunione ICAN

    La mattina di mercoledi 6 luglio affollata riunione dell’ICAN, con quasi un centinaio di partecipanti e molti interventi. La linea che è emersa definisce prioritario il portare a casa il Trattato di fronte alle pressioni ed ai ricatti che crescono per arenare la proibizione giuridica delle armi nucleari.
    6 luglio 2017 - Alfonso Navarra

USA: NYT, intercettazioni senza mandato non diedero nessun risultato

17 gennaio 2006
Fonte: ADNKronos

Le contestate intercettazioni condotte senza mandato negli Stati Uniti non hanno portato a nessuna svolta nella lotta al terrorismo, scrive oggi il New York Times che per primo denuncio' lo scandalo. Il presidente George Bush, che ha ammesso di averle autorizzate, aveva definito il programma ''vitale'' per la lotta al terrorismo. Fonti dell'Fbi, l'agenzia federale che si occupa anche della lotta al terrorismo sul suolo americano, riferiscono che l'enorme mole di dati, raccolti dalla National Security Agency e inviati dopo gli attentati dell'11 settembre, ha soltanto caricato di lavoro gli agenti investigativi senza produrre grandi risultati. A quanto affermano piu' di una dozzina di agenti a riposo o ancora in servizio, le informazioni della Nsa ''li hanno portati a pochi potenziali terroristi nel paese di cui non conoscessero l'esistenza tramite altre fonti e distolto gli agenti dell'antiterrorismo da compiti considerati piu' produttivi''. Il direttore dell'Fbi Robert Mueller aveva intanto sollevato con l'amministrazione il dubbio ''se il programma avesse un fondamento legale'', ma aveva poi accettato la risposta positiva del dipartimento della Giustizia. ''Dovevamo dare la caccia ad un numero di telefono, scoprivamo che era un insegnante per il quale niente indicava che fosse mai stato coinvolto nel terrorismo internazionale e chiudevamo il caso''- ha raccontato un ex agente Fbi- ''Dopo che hai ricevuto un migliaio di numeri e nessuno porta a qualcosa, cominci a essere fustrato''. Le intercettazioni di telefonate ed e-mail potrebbero aver aiutato nella scoperta di un gruppo legato ad al Qaeda in Oregon, ma diverse fonti smentiscono l'asserzione dell'amministrazione Bush sul loro ruolo nella individuazione di un complotto terroristico a Londra nel 2004 e di un piano per colpire il ponte di Brooklyn a New York.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)