USA: NYT, intercettazioni senza mandato non diedero nessun risultato

17 gennaio 2006
Fonte: ADNKronos

Le contestate intercettazioni condotte senza mandato negli Stati Uniti non hanno portato a nessuna svolta nella lotta al terrorismo, scrive oggi il New York Times che per primo denuncio' lo scandalo. Il presidente George Bush, che ha ammesso di averle autorizzate, aveva definito il programma ''vitale'' per la lotta al terrorismo. Fonti dell'Fbi, l'agenzia federale che si occupa anche della lotta al terrorismo sul suolo americano, riferiscono che l'enorme mole di dati, raccolti dalla National Security Agency e inviati dopo gli attentati dell'11 settembre, ha soltanto caricato di lavoro gli agenti investigativi senza produrre grandi risultati. A quanto affermano piu' di una dozzina di agenti a riposo o ancora in servizio, le informazioni della Nsa ''li hanno portati a pochi potenziali terroristi nel paese di cui non conoscessero l'esistenza tramite altre fonti e distolto gli agenti dell'antiterrorismo da compiti considerati piu' produttivi''. Il direttore dell'Fbi Robert Mueller aveva intanto sollevato con l'amministrazione il dubbio ''se il programma avesse un fondamento legale'', ma aveva poi accettato la risposta positiva del dipartimento della Giustizia. ''Dovevamo dare la caccia ad un numero di telefono, scoprivamo che era un insegnante per il quale niente indicava che fosse mai stato coinvolto nel terrorismo internazionale e chiudevamo il caso''- ha raccontato un ex agente Fbi- ''Dopo che hai ricevuto un migliaio di numeri e nessuno porta a qualcosa, cominci a essere fustrato''. Le intercettazioni di telefonate ed e-mail potrebbero aver aiutato nella scoperta di un gruppo legato ad al Qaeda in Oregon, ma diverse fonti smentiscono l'asserzione dell'amministrazione Bush sul loro ruolo nella individuazione di un complotto terroristico a Londra nel 2004 e di un piano per colpire il ponte di Brooklyn a New York.

Articoli correlati

  • L'era digitale pretende un esercito digitale
    Disarmo
    USA

    L'era digitale pretende un esercito digitale

    Pubblicato il rapporto della commissione statunitense sull'uso dell'intelligenza artificiale in ambito militare
    3 marzo 2021 - Francesco Iannuzzelli
  • In difesa dei nativi americani
    Pace
    Il movimento di opposizione all’Indian Removal Act

    In difesa dei nativi americani

    Jeremiah F. Evarts (1781–1831) era un missionario, riformatore e attivista cristiano per i diritti degli indiani d'America. Si distinse per la difesa dei diritti degli indiani d'America.
    Redazione PeaceLink
  • Per una critica dell’innovazione capitalistica: il lavoro nella catena del valore delle armi
    Disarmo
    La sicurezza degli Stati passa attraverso il controllo capillare del territorio

    Per una critica dell’innovazione capitalistica: il lavoro nella catena del valore delle armi

    La nozione di sviluppo tecnologico è una nozione inscindibile da quella di sviluppo capitalistico, si trattava pertanto di smascherare la presunta neutralità della scienza
    29 marzo 2021 - Rossana De Simone
  • AI - La nuova corsa agli armamenti
    Disarmo
    Intelligenza artificiale e armi autonome

    AI - La nuova corsa agli armamenti

    USA e Cina, e non solo, gareggiano sul fronte pericoloso della delega delle operazioni militari a sistemi autonomi in contesti sempre più complessi, come i combattimenti in volo
    3 dicembre 2020 - Francesco Iannuzzelli
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)