MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • Che cosa era la guerra?
    A ogni incontro, Gulala riporta una frase esplicativa nella sua semplicità, della poetessa americana Eve Merriam: “Io sogno di dare alla luce un bambino che chieda: Mamma, che cosa era la guerra?”

    Che cosa era la guerra?

    Brevi note dopo la cena-incontro solidale che da Campi Bisenzio ha dato voce a chi dall'Italia lavora per Kurdistan Save the Children. Un progetto che prosegue, un ponte reciproco con la regione tormentata del Nord Iraq.
    6 marzo 2017 - Andrea Misuri
  • E' morto Fidel Castro

    E' morto Fidel Castro

    26 novembre 2016 - Marinella Correggia

La Casa Bianca ha manipolato le informazioni sull´Iraq


Paul Pillar, che tra il 2000 e il 2005 è stato il massimo analista sui fatti del Medio Oriente dei servizi segreti degli Stati Uniti, ha accusato il governo di George W. Bush di aver manipolato e politicizzato i servizi segreti nel periodo precedente la guerra contro l´Iraq.
24 febbraio 2006 - Jim Lobe
Fonte: IPS

In un articolo pubblicato dalla rivista "Foreigns Affaire" l´analista, che ha lasciato la CIA l´anno scorso, ha anche accusato l´amministrazione di Bush di ignorare buona parte delle analisi preparate dagli esperti dei servizi segreti, includendo le predizioni del caos che avrebbe seguito l´invasione dell´Iraq nel marzo del 2003.

Pillar ha affermato che il governo ha trasformato il modello tradizionale di separazione delle funzioni tra gli esperti dei servizi segreti e dei politici, che prendono decisioni sulla base delle investigazioni fatte dai primi.

L´amministrazione Bush non ha usato i servizi segreti per prendere decisioni, ma per giustificare una decisione già presa e Washington è andata in guerra senza chiedere valutazioni strategiche su nessun aspetto in Iraq, ha scritto.

L´esperto ha affermato che come capo dell´ufficio dei servizi segreti nazionali per il Medio Oriente e l´Asia meridionale, aveva ricevuto una prima richiesta del governo per una valutazione sull´Iraq un anno dopo l´invasione.

Le accuse di Pillar, contenute nel suo articolo pubblicato il 10 febbraio, sono le più gravi da quando venne reso pubblico il Memorandum di Downing Street sul quotidiano di Londra "The Sunday Times", nel maggio del 2005.

Il Memorandum rivelava gli atti di una riunione del gabinetto di guerra del primo ministro della Gran Bretagna, Tony Blair, nel luglio del 2002.

Il documento citava il capo dei servizi segreti inglesi, Alastair Campbell, che era appena tornato da un viaggio a Washington e aveva informato che Bush avrebbe eliminato Saddam Hussein con un´azione militare e che per questo i servizi segreti e ei fatti erano stati organizzati attorno a questa politica.

La divulgazione del Memorandum aveva provocato un´ondata di proteste tra vari funzionari dei servizi segreti degli Stati Uniti già ritirati, che avevano manifestato contro la guerra e avevano posto sulla difensiva l´amministrazione Bush e i legislatori del Partito Repubblicano al governo del Comitato di Intelligenza del Senato.

I congressisti repubblicani riuscirono però a bloccare tutte le iniziative dei loro colleghi del Partito Democratico nel Comitato, che chiedevano un´investigazione sull´uso delle informazioni dei servizi segreti, prima della guerra.

Il fatto che Pillar, un testimone molto importante si sia unito pubblicamente al coro di condanne al governo, rappresenta un serio contrattempo per Bush.

Il leader della minoranza democratica del Senato, Harry Reid, ha chiesto un´investigazione immediata per verificare se la Casa Bianca ha manipolato e reso pubbliche selettivamente informazioni segrete per fare una campagna di relazioni pubbliche prima, durante e dopo l´invasione in Iraq.

Ogni giorno di più, ha affermato Reid, è probabile che le accuse di Pillar siano sempre più difficili da respingere, anche alle luce di nuove rivelazioni.

Giovedì 16 febbraio è stato sottolineato che l´ex consulente della sicurezza nazionale del vice presidente Dick Cheney, I. Lewis "Scooter" Lobby, accusato d´aver mentito alle autorità federali a proposito del suo ruolo in un operativo della CIA, ha testimoniato che fu autorizzato dallo stesso Cheney e da altri funzionari della Casa Bianca a filtrare informazioni classificate, cioè segrete a giornalisti nel periodo precedente la guerra.

Il proposito di quelle rivelazioni che continuarono anche dopo l´invasione, secondo la rivista "The National Journal", fu costruire un appoggio pubblico per andare a fare la guerra.

Libby ha attuato come vincolo tra la Casa Bianca e le unità speciali del Pentagono a carico dell´ex vice ministro alla difesa, Douglas Feith.

Queste unità hanno valutato l´intelligenza di base relazionata soprattutto con presunti vincoli tra l´allora presidente iracheno Saddam Hussein (1979 - 2003), la rete terrorista Al Qaeda e inviarono le loro relazioni all´ufficio di Cheney e alla Casa Bianca senza sottoporla all´esame di analisti dei servizi segreto professionisti.

Nel suo articolo, anche se non rivela nomi, Pillar identifica il gruppo politico di valutazione antiterrorista di Feith come responsabile della distorsione delle norme del processo di intelligenza in vari elementi: per esempio stabilendo presunti vincoli tra Al Qaeda e Saddam Hussein e presentando relazioni che accusavano i servizi segreti di fare analisi difettose per non vedere la presunta alleanza. Che il governo giungesse a una soluzione politica così differente indica che la sua decisone di eliminare Saddam Hussein era indotta da altri fattori, cioè dal desiderio di distruggere le anchilosate strutture dal potere nel Medio Oriente e accelerare l´espansione d´una politica e d´una economia più liberali nella regione, aveva scritto. Prima della guerra, secondo Pillar, la comunità dei servizi segreti aveva considerato le principali sfide che dovevano affrontare le autorità dopo l´invasione dell´Iraq e aveva pronosticato la formazione d´una società irachena profondamente di!
visa, che poteva scatenare un conflitto violento, a meno che l´occupante non sapesse stabilire la sicurezza e ponesse l´Iraq nel cammino della prosperità nelle prime settimane o mesi, dopo la caduta di Saddam Hussein.

Inoltre era stato predetto che la guerra e l´occupazione avrebbero dato un impulso all´Islam politico, avrebbero incrementato la simpatia per gli obiettivi terroristi e che l´Iraq sarebbe diventato una calamita per gli estremisti di qualsiasi parte del Medio Oriente.

La valutazione però, fu realizzata solamente per iniziativa della comunità dei servizi segreti, l´intelligenza, e il governo non ha mai richiesto queste analisi. ha sottolineato Pillar.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)