Sommario sulla stampa siriana: 22/3/2003

22 marzo 2003 - Susanna Valle

Quali sono le reazioni della stampa siriana di fronte all'attacco americano all'Iraq?

Un lungo articolo sull'"Attacco aggressivo e di vasta portata" apre ‘Al-Ba'ath' , il quotidiano del partito Socialista al potere in Siria dal 1970, di giovedi' 20 marzo 2003.

Si tratta di un primo resoconto, piuttosto dettagliato, degli avvenimenti, tra i quali spiccano l'abbattimento di un elicottero americano da parte della contraerea irakena, l'intervento di Saddam Hussein ma anche quello del Ministro dell'Informazione, l'avanzata delle truppe americane a sud del paese, le reazioni del Kuwait dopo la caduta di alcuni missili irakeni. È interessante notare come l'attacco a Baghdad venga considerato il primo attacco diretto ad una capitale araba dall'epoca del colonialismo, dopo la sua caduta, avvenuta circa 750 anni fa durante l'epoca abbaside.

Sembra inoltre che alcuni pozzi siano stati incendiati nelle regioni meridionali del paese, ma la notizia non e' confermata; il timore per l'uso di armi chimiche e' ormai diffuso, pur in mancanza di notizie certe.
I governi americano e britannico hanno riaffermato che la guerra potrebbe durare a lungo, mentre la Turchia ha assicurato la concessione dello spazio aereo; anche Chirac ed il governo tedesco sono intervenuti esprimendo dispiacere per i recenti avvenimenti e speranza in una rapida conclusione del conflitto.

Su "Teshreen" di venerdi' 21 marzo troviamo largo spazio alle reazioni internazionali a questo attacco: in particolare, il Papa viene definito ‘preoccupato ed addolorato' di fronte all'attacco, mentre il vice-delegato siriano negli Stati Uniti, Faysal Miqdad, definisce questa guerra ‘Inaccettabile legalmente e moralmente'. Anche a Damasco hanno sfilato due cortei: uno in citta', per un'immediata cessazione delle ostilita' contro l'Iraq, ed una presso il campo di Yarmuk, che ha riaffermato le rivendicazioni dei palestinesi insieme a quelle del popolo irakeno.

Da "Al-Thawra", di venerdi' 21 marzo, abbiamo evidenziato un articolo, all'interno del sommario riguardante gli ultimi avvenimenti in Iraq; esso descrive, con toni molto accesi, l' "invasione" americana dell'Iraq, la necessita' di risolvere la questione palestinese e, per il mondo arabo, di ritrovare una propria unita' interna che gli permetta di non essere piu' vittima degli abusi e dello sfruttamento di altri paesi, condizione che sembra caratterizzare la sua storia contemporanea.

Per quanto la posizione della Siria sia evidente gia' da questa breve rassegna, manca una riflessione vera e propria sulle conseguenze del conflitto, ed in particolare sul problema dei profughi: nonostante sembra si stiano gia' allestendo dei campi alla frontiera con l'Iraq, non vi sono accenni a come il Governo siriano intenda risolvere la questione. Sempre presenti sono le forti tensioni con Israele, del quale la Siria non ha mai riconosciuto l'esistenza, e con la Turchia, in ragione anche della questione curda. La Siria persevera comunque nella politica di sostegno all'Iraq e di opposizione all'embargo, adottata a partire dal 1999.

Siti consultabili (spesso gli articoli sono tradotti in inglese e/o francese):
www.albaath.com
www.teshreen.com
www.thawra.com

Articoli correlati

  • Tra mamme, un ponte di solidarietà che va lontano

    Tra mamme, un ponte di solidarietà che va lontano

    "La Nostra Associazione ha pensato di fare qualcosa di più grande, per cercare di arrivare lontane. Da mamme, da donne, da esseri umani non potevamo più stare ferme a guardare senza fare niente, e dall’unione della nostra impotenza e profonda sofferenza è nato il nostro progetto TMT for Siria“.
    27 maggio 2018 - Roberto Del Bianco
  • OPAC: "Cloro usato probabilmente in Siria a febbraio"
    Gli ispettori inviati dall'ONU e che indagano sull'uso di armi chimiche non hanno addossato la responsabilità ad alcuna delle parti in conflitto

    OPAC: "Cloro usato probabilmente in Siria a febbraio"

    Le analisi si riferiscono ad un evento accaduto a febbraio a Saraqueb, città che dista 290 chilometri rispetto a Duma, sito dove è stato sospettato un attacco chimico ad aprile di quest'anno
    17 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
  • Nuovo attacco militare contro la Siria
    Grave violazione del diritto internazionale

    Nuovo attacco militare contro la Siria

    Protagonista del nuovo attacco è Israele che ha lanciato missili contro postazioni militari iraniane in Siria. In questo clima incandescente il movimento per la pace deve far risentire la propria voce prima che questo vulcano esploda provocando una ulteriore escalation per fini geopolitici che nulla hanno a che fare con la tutela della pace e dei diritti umani.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
  • Siria, hanno bombardato senza prove
    Gli ispettori dell'ONU hanno fatto le analisi

    Siria, hanno bombardato senza prove

    Un mese fa, l'8 aprile 2018, i mass media trasmettevano immagini di un presunto attacco chimico in Siria. Il 12 aprile il presidente francese diceva di avere le prove. Dopo un mese nessuna prova è emersa. Gli ispettori UNU sono tornati a casa.
    8 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.21 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)