Sommario sulla stampa siriana: 22/3/2003

22 marzo 2003
Susanna Valle

Quali sono le reazioni della stampa siriana di fronte all'attacco americano all'Iraq?

Un lungo articolo sull'"Attacco aggressivo e di vasta portata" apre ‘Al-Ba'ath' , il quotidiano del partito Socialista al potere in Siria dal 1970, di giovedi' 20 marzo 2003.

Si tratta di un primo resoconto, piuttosto dettagliato, degli avvenimenti, tra i quali spiccano l'abbattimento di un elicottero americano da parte della contraerea irakena, l'intervento di Saddam Hussein ma anche quello del Ministro dell'Informazione, l'avanzata delle truppe americane a sud del paese, le reazioni del Kuwait dopo la caduta di alcuni missili irakeni. È interessante notare come l'attacco a Baghdad venga considerato il primo attacco diretto ad una capitale araba dall'epoca del colonialismo, dopo la sua caduta, avvenuta circa 750 anni fa durante l'epoca abbaside.

Sembra inoltre che alcuni pozzi siano stati incendiati nelle regioni meridionali del paese, ma la notizia non e' confermata; il timore per l'uso di armi chimiche e' ormai diffuso, pur in mancanza di notizie certe.
I governi americano e britannico hanno riaffermato che la guerra potrebbe durare a lungo, mentre la Turchia ha assicurato la concessione dello spazio aereo; anche Chirac ed il governo tedesco sono intervenuti esprimendo dispiacere per i recenti avvenimenti e speranza in una rapida conclusione del conflitto.

Su "Teshreen" di venerdi' 21 marzo troviamo largo spazio alle reazioni internazionali a questo attacco: in particolare, il Papa viene definito ‘preoccupato ed addolorato' di fronte all'attacco, mentre il vice-delegato siriano negli Stati Uniti, Faysal Miqdad, definisce questa guerra ‘Inaccettabile legalmente e moralmente'. Anche a Damasco hanno sfilato due cortei: uno in citta', per un'immediata cessazione delle ostilita' contro l'Iraq, ed una presso il campo di Yarmuk, che ha riaffermato le rivendicazioni dei palestinesi insieme a quelle del popolo irakeno.

Da "Al-Thawra", di venerdi' 21 marzo, abbiamo evidenziato un articolo, all'interno del sommario riguardante gli ultimi avvenimenti in Iraq; esso descrive, con toni molto accesi, l' "invasione" americana dell'Iraq, la necessita' di risolvere la questione palestinese e, per il mondo arabo, di ritrovare una propria unita' interna che gli permetta di non essere piu' vittima degli abusi e dello sfruttamento di altri paesi, condizione che sembra caratterizzare la sua storia contemporanea.

Per quanto la posizione della Siria sia evidente gia' da questa breve rassegna, manca una riflessione vera e propria sulle conseguenze del conflitto, ed in particolare sul problema dei profughi: nonostante sembra si stiano gia' allestendo dei campi alla frontiera con l'Iraq, non vi sono accenni a come il Governo siriano intenda risolvere la questione. Sempre presenti sono le forti tensioni con Israele, del quale la Siria non ha mai riconosciuto l'esistenza, e con la Turchia, in ragione anche della questione curda. La Siria persevera comunque nella politica di sostegno all'Iraq e di opposizione all'embargo, adottata a partire dal 1999.

Siti consultabili (spesso gli articoli sono tradotti in inglese e/o francese):
www.albaath.com
www.teshreen.com
www.thawra.com

Articoli correlati

  • Come i Palestinesi vedono la guerra siriana
    Palestina
    I Palestinesi sono ora convinti che la loro causa non sia una priorità dell’opposizione siriana

    Come i Palestinesi vedono la guerra siriana

    Un sondaggio del settembre 2012 rilevò che quasi l’80% degli intervistati in Cisgiordania e Gaza sostenevano i manifestanti e l’opposizione siriana. Ma nel corso degli anni, quando la rivolta siriana si trasformò in un sanguinoso conflitto settario, le posizioni iniziarono a cambiare.
    Adnan Abu Amer
  • I golpisti della lingua
    Editoriale
    Perché si è persa la memoria storica

    I golpisti della lingua

    Il fatto che - dopo il crollo del Muro di Berlino - il termine "rivoluzione" venga riutilizzato per la Siria è una evidente operazione di modifica delle percezioni. Con la guerra si può decidere di dare a gruppi di terroristi tagliagole la patente di rivoluzionari. Questo è un golpe linguistico.
    23 luglio 2012 - Alessandro Marescotti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
  • Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti
    Pace
    Sabato 25 gennaio 2020 giornata di mobilitazione internazionale per la pace

    Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti

    “La guerra è un male assoluto e va ‘ripudiata’, come recita la nostra Costituzione all’Art. 11: essa non deve più essere considerata una scelta possibile da parte della politica e della diplomazia”.
    15 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)