editori

Il Pil non è tutto

27 luglio 2006
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

«Se la Calabria avesse avuto negli anni '70 il tasso di lettura della Liguria, oggi avrebbe una produttività del lavoro di 50 punti maggiore». L'affermazione un po' stupefacente è contenuta in una ricerca commissionata dall'Associazione Italiana Editori. Verrà presentata agli Stati Generali dell'Editoria e segnala una correlazione tra la crescita economica di un paese e gli indici di lettura. A tale risultato si arriva analizzando due variabili: le si mette in un grafico XY che ne rappresenti i valori; se X e Y sono indipendenti, i punti si distribuiranno in una nuvola casuale. Se invece sono strettamente correlate si disporranno lungo una curva; se sono correlate almeno un po', allora saranno sempre lungo una curva, ma con una certa dispersione. Ma attenzione: il fatto che X e Y siano correlati, anche fortemente, non significa che X sia la causa di Y; potrebbe anche essere il contrario che Y determini X, o ancora che il loro andare di pari passo dipenda da un'altra variabileche le guida entrambe. Le variabili esaminate sono l'indice di lettura (la spesa media annua in libri degli italiani) e le dinamiche di produttività. L'Aie fa notare che le regioni del nord Italia, che contribuiscono al Pil per il 54 per cento, hanno una percentuale di lettori pressoché identica (del 53,4) e che quelle del sud, dove i lettori sono il 26, contribuiscono al Pil per il 25. Dunque s direbbe una correlazione schiacciante.
I numeri sono numeri, ma l'interpretazione suggerita è dubbia: chi più legge, più diventa ricco e produttivo. quot;Con la lettura il Pil si rafforzaquot; ha intitolato non per caso il Sole-24 Ore. Chi mai potrebbe negarlo, in una società basata sulla conoscenza,? Ma è anche vero il contrario: dove c'è più ricchezza c'è anche maggiore possibilità e propensione all'acquisto di beni culturali. Insomma le due variabili si influenzano a vicenda e fanno parte di un gruppo di fattori interagenti: non solo la lettura, ma anche la qualità di un sistema di istruzione; non solo il reddito, ma anche il valore che una comunità assegna alle idee. Gli editori fanno lobby, come è giusto e salutare (per gli amati libri), ma proprio perché produttori di cultura dovrebbero forse essere meno rozzamente economicisti.

Articoli correlati

  • Il miracolo della corda
    Cultura
    Recensione

    Il miracolo della corda

    Una storia che non si può narrare tanto facilmente. Ma Monica, la figlia di Elvio Alessandri, riesce nel suo intento fino ad arrivare a scrivere un libello narrativo e riflessivo sulla Resistenza partigiana dei suoi cari.
    21 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza
    Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • I 60 anni di Amnesty International a "Più Libri Più Liberi"
    Migranti
    Migranti e diritti

    I 60 anni di Amnesty International a "Più Libri Più Liberi"

    Spegnere la luce sui fatti può essere una grave violazione dei diritti umani. Ne parlano due giornaliste, un artista e un attivista
    14 dicembre 2021 - Lidia Giannotti
  • Il Primo Follower
    Consumo Critico
    Per fare la rivoluzione ambientale un leader non basta

    Il Primo Follower

    Come fanno alcune persone a trascinare sempre più followers nella loro "rivoluzione"? Il libro di Sergio Fedele vuole essere un manuale per attivisti ambientali.
    6 ottobre 2021 - Linda Maggiori
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)