MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    giornalismi 2

    Le inchieste, quelle serie

    11 gennaio 2007
    Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

    L'inchiesta del Los Angeles Times sugli investimenti della Fondazione Bill e Melinda Gates è in pieno svolgimento. Sono sei puntate e stanno dimostrando che mentre con una mano la Fondazione dona miliardi per combattere le malattie nei paesi poveri, come Aids e malaria, l'altra mano investe il 95 per cento del capitale in una moltitudine di imprese, molte delle quali non sono socialmente responsabili né verso l'ambiente, né verso i diritti dei lavoratori. La schizofrenica divisione dei compiti è teorizzata dai coniugi Gates: un conto sono le azioni benefiche, altro è la valorizzazione del capitale che altrimenti si deprezzerebbe. L'inchiesta si presta a due riflessioni. Intanto che per farla il quotidiano ha usato tre inviati (in Nigeria, Sud Africa e San Francisco) e 4 reporter-analisti di staff. Hanno lavorato probabilmente per mesi, tra interviste e reperimento di documenti spesso quasi inaccessibili. Hanno sentito tutte le fonti, compresa la Fondazione che su diverse questioni non ha voluto rispondere. E' un ottimo esempio di ottimo giornalismo; di giornali che sanno ancora fare il loro mestiere senza farsi condizionare da nessun potere. Per farlo il giornale ha senza dubbio speso molti dollari, perché le inchieste serie costano e gli editori seri (non quelli italici) lo sanno. La seconda osservazione riguarda la filantropia. La scelta dei Gates infatti non è l'unica possibile: altre fondazioni industriali esercitano il loro diritto di voto per influenzare le politiche delle aziende di cui hanno azioni, spingendole verso politiche responsabili e non predatorie. Questo probabilmente è un modo meno appariscente di «fare del bene», ma senza dubbio contribuisce a rendere il mondo delle corporation un po' più decente. Che i Gates non lo capiscano e non lo vogliano fare non è drammatico e indica quanto pesante sia il ruolo dell'ideologia finanziaria.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)