MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Reporters sans frontières pubblica il suo rapporto annuale 2007

L'organizzazione ha reso pubblico, il primo febbraio, il suo rapporto annuale 2007, che delinea lo stato della libertà di stampa in 98 paesi. Questo documento ritorna sulla prinicpali violazioni dei diritti dei giornalisti avvenuti nel 2006 e offre prospettive tematiche e regionali sullo stato delle libertà dei media e di Internet in tutto il mondo.
5 febbraio 2007 - Reporters sans Frontières (www.rsf.org)


Il rapporto completo è consultabile sul sito www.rsf.org e scaricabile in versione completa o suddiviso per zone geografiche; è disponibile in quattro lingue (inglese, francese, spagnolo e arabo).
'Questo rapporto censisce le peggiori violazioni della libertà di stampa commesse nei paesi repressivi, dalla Corea del Nord all'Eritrea, passando per Cuba e il Turkmenistan. Ma s'interessa ugualmente alle democrazie in cui restano progressi da fare e alcune acquisizioni sono minacciate' dichiara Reporters sans Frontières.
'Siamo già ora inquieti per l'evoluzione della situazione nel 2007 – ha aggiunto l'organizzazone – Sei giornalisti e quattro collaboratori dei media sono stati uccisi nel mese di gennaio'.
'Ma, al di là della cifre concernenti i giornalisti uccisi o imprigionati- si legge nel preambolo al rapporto - Reporters sans Frontières vuol suonare un campanello d'allarme al termine di un anno, il 2006, segnato dalla poca ambizione, e a volte anche dalla rinuncia, da parte dei paesi democratici nella difesa dei valori che sono ritenuti incarnare. Se tutti o quasi si preoccupano dei diritti dell'uomo, ci si può chiedere, visti i silenzi e le pratiche degli uni e degli altri, ha l'autorità morale per incarnare una difesa senza compiacenza di tali libertà'.
La vicenda delle caricature di Maometto pubblicate in Danimarca ha cristallizzato l'attenzione del mondo intero sulla questione della libertà di espressione e del rispetto delle credenze religiose. Anche lì, gli stati democratici non hanno neanche assicurato il servizio minimo nei confronti della Danimarca, le cui rappresentante diplomatiche sono state prese di mira, e dei giornalisti minacciati o arrestati. Come se, nel timore di avere discussioni con i regimi arabi e musulmani, l'Europa avesse sostanzialmente abdicato ogni volontà di farsi sentire.
In Medio Oriente, i giornalisti hanno pagato ancora il prezzo dell'instabilità cronica della regione. Almeno 65 professionisti dell'informazione sono stati uccisi in Iraq e i rapimenti si sono moltiplicati nel paese,così come nei territori palestinesi. E, malgrado le ripetute promesse dei loro dirigenti, gli stati del mondo arabo non hanno visto avanzate democratiche significative.
In America Latina, l'assassinio di una decina di giornalisti in Messico in quasi-impunità, il perdurare della detenzione di oltre una ventina di giornalisti a Cuba, il degradare della situazione in Bolivia, finora il paese del Sud con la migliore posizione nella graduatoria di RsF, rappresentano inquietudini che devono incitare la comunità internazionale ad una maggiore vigilanza.
Le violazioni della libertà di stampa in Asia raggiungono livelli allarmanti: 16 professionisti dei media uccisi, almeno 328 indagati, 517 aggrediti o minacciatti e non meno di 478 media censurati nel 2006. La censura lì resta un fenomeno largamente diffuso. Poco numerosi sono i paesi asiatici in cui tutto può essere detto o scritto.
Il disprezzo verso i giornalisti è stato la costante di numerosi stati africani. I governi del Corno d'Africa sono stati i più autoritari nei confronti della stampa nel 2006. Inoltre, l'impunità dimora nel continente e gli assassini di giornalisti in gambia e Burkina Faso, in particolare, beneficiano sempre della protezione di governi complici o di responsabili politici onnipotenti.
Infine, le dittature del web sembrano essere passati ad una velocità superiore, Almeno 60 persone sono state imprigionate per aver pubblicato sulla Rete testi critici verso le autorità. La Cina, pioniera in materia, genera emulatori: Vietnam, Siria, Tunisia, Libia, Iran,... le prigioni per blogger e altri cyberdissidenti si moltiplicano.

Note:

Scarica il rapporto (francese): http://www.rsf.org/IMG/pdf/rapport_fr_bd.pdf
Scarica il rapporto (inglese): http://www.rsf.org/IMG/pdf/rapport_en_bd-3.pdf
Tradotto da Chiara Rancati per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile per scopi non commerciali citando la fonte, l'autore e il traduttore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)