Questi episodi atroci si ripetono, da parte dei “ribelli”, fin da aprile, ma nessuno ne ha parlato perché non rientrano nella narrazione sugli “alleati locali della Nato”

Guerra in Libia, anche Radio 24 fa disinformazione

Ci permettiamo però di segnalarvi un servizio della francese France 24 secondo il quale invece ad Abu Slim i “ribelli” alleati della Nato hanno sterminato intere famiglie di ex funzionari
27 agosto 2011
Marinella Correggia

Tv libica bombardata dalla Nato

Stamattina a Radio 24 un tal Bongiorni da Tripoli ha detto cavolate immani e contraddittorie. 
 
DITE A ROBERTO BONGIORNI DI FARE IL GIORNALISTA: AD ABU SLIM SONO STATE STERMINATE FAMIGLIE DI EX FUNZIONARI FI GHEDDAFI, NON RIBELLI!

Davvero Roberto Bongiorni di Radio 24 è un giornalista? Il suo servizio sull’ospedale nel quartiere di Tripoli Abu Slim  andato in onda sabato 27 alle 8 di mattina è un’incredibile accozzaglia di contraddizioni e propaganda. Dovreste avere più coraggio e mandare persone che sappiano cercare la verità.  
-          Ovviamente il mantra che egli recita è accusare i “miliziani di Gheddafi”,  come avviene da febbraio. E’  tutto un “si dice ma non è confermato”, che i detti miliziani abbiano ammazzato varie persone prima di lasciare il quartiere.   Ci permettiamo però di segnalarvi un servizio della francese France 24 secondo il quale invece ad Abu Slim i “ribelli” alleati della Nato hanno sterminato intere famiglie di ex funzionari (anche di grado basso) che erano asserragliate in quei palazzi. La descrizione delle vendette è completata dalla cronaca dall’ospedale: dove nella notte del massacro, pochi giorni fa, sono arrivati in massa donne, bambini e anziani gravemente feriti.  
-          Del resto lo stesso “giornalista” fa un cenno  al fatto che i “ribelli” avrebbero abbattuto le porte (non si capisce se dell’ospedale – ma che sta parlando di quello) a colpi di kalashnikov. Perché subito dopo il Bongiorni salta a dire che i miliziani di Gheddafi avrebbero fatto una strage? Normalmente, è chi entra armato in un luogo pieno di feriti a compiere la successiva strage.  
-          Segnalate al Bongiorni il massacro di neri non armati da parte dei “ribelli” (Associated Press citato suhttp://www.michelcollon.info/Massacre-de-Noirs-par-les-rebelles.html ). Del resto questi episodi atroci si ripetono, da parte dei “ribelli”, fin da aprile; ma nessuno ne ha parlato perché non rientrano nella narrazione sugli “alleati locali della Nato”.  
Questa devastante guerra con ormai moltissimi morti – nei bombardamenti e negli scontri – è stata resa possibile dalla disinformazione e dalle invenzioni. Basta!

Articoli correlati

  • Guerra in Libia, il grido dei migranti dai centri di detenzione
    Conflitti
    Ecco dove sono intrappolati

    Guerra in Libia, il grido dei migranti dai centri di detenzione

    Oltre 600 persone a Quaser Bin Gashir da due giorni senza cibo ed elettricità. Tra loro più di 100 bambini, donne incinte e 7 in allattamento.
    8 aprile 2019 - Redattore Sociale
  • Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia
    Conflitti

    Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia

    Abbandoniamo l’alta filosofia, le raffinate (o interessate?) analisi geopolitiche o sociologiche. Mettiamo in fila, uno dopo l’altro, le banali, lineari verità che questi tempi ci raccontano. Ma che sembra proibito dire, un po’ come il famoso bambino del “vestito nuovo dell’imperatore”.
    3 gennaio 2019 - Alessio Di Florio
  • Dulce et decorum est
    Storia della Pace
    Testo in inglese con traduzione in italiano

    Dulce et decorum est

    Una poesia scritta durante la Prima Guerra Mondiale dal poeta inglese Wilfred Owen, uno degli esponenti dei cosiddetti "war poets". Nella poesia scrive: "Il gas! Il gas! Svelti ragazzi! Come in estasi annasparono, infilandosi appena in tempo le goffe maschere antigas".
    Wilfred Owen
  • Lager in Libia. L’orrore delle torture in una sentenza che ha fatto storia
    Migranti
    Chi è Osman Matammud e perché un tribunale italiano se ne è occupato

    Lager in Libia. L’orrore delle torture in una sentenza che ha fatto storia

    Paolo Bogna commenta per la testata cattolica Avvenire una importante sentenza su un migrante imputato per fatti avvenuti in Libia. Non potremo più dire che non sapevamo cosa accade nei centri di detenzione in Libia definiti dal PM «una situazione paragonabile a quella di un lager nazista».
    22 novembre 2018
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.27 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)