I non governativi bellicosi

Libia e Siria, stesso copione mediatico

Il "Syrian Observatory for Human Rights" (Sohr) in agosto ha denunciato al mondo via Cnn che nella città di Hama diversi neonati erano morti nelle incubatrici perché “Assad aveva ordinato di togliere la corrente”. Chi non ricorda l’effetto-bomba di un’analoga notizia falsa nel 1991, colpevoli allora i soldati iracheni in Kuwait? Anche nel caso siriano la notizia e la relativa foto si sono poi rivelate una bufala, come diverse altre.
26 novembre 2011
Marinella Correggia

"Ti racconto una balla così ti abitui"

Dopo la Libia si ripete in Siria la bellicosa collaborazione fra sedicenti “centri per i diritti umani” e media internazionali, nella diffusione di notizie a effetto non verificabili fatte per accreditare la versione “un intero popolo disarmato contro un dittatore” (o più di recente un intero popolo armato solo per difendersi) e giustificare anzi chiedere ingerenze esterne anche militari.

 
Per esempio, sul sito del Syrian Observatory for Human Rights (Sohr) è precisato: “Tutte le nostre ultime notizie sono disponibili su Reuters e su Afp” (in diverse lingue): un’ottima cassa di risonanza, e gratuita. Il Sohr in agosto ha denunciato al mondo via Cnn che nella città di Hama diversi neonati erano morti nelle incubatrici perché “Assad aveva ordinato di togliere la corrente”. Chi non ricorda l’effetto-bomba di un’analoga notizia falsa nel 1991, colpevoli allora i soldati iracheni in Kuwait? Anche nel caso siriano la notizia e la relativa foto si sono poi rivelate una bufala, come diverse altre.  
Non essendo sul terreno, le stesse organizzazioni internazionali per i diritti umani tendono ad affidarsi – come i media – a questi gruppi ben poco imparziali (di recente un avvocato statunitense in visita in ospedali siriani ha smentito la denuncia di Amnesty, non corroborata da fatti ma solo da voci provenienti da fonti non rese note, secondo la quale medici e infermiere avrebbero torturato pazienti oppositori del regime. Copione simile in Libia: medici di Zawya sarebbero stati imprigionati da Gheddafi perché non accettavano di far morire i ribelli feriti; è venuto poi fuori che alcuni medici erano stati per qualche giorno in prigione per aver introdotto armi nel paese).  
Certi attori “non governativi” del fronte libico si ritrovano in Siria. Fra le organizzazioni che il 23 febbraio scorso firmarono una petizione a Obama, all’Ue e a Ban Ki Moon chiedendo di fermare la repressione in Libia con ogni mezzo, c’era (in veste di promotrice) la Lega libica per i diritti umani (Llhr) che aderisce alla Federazione internazionale per i diritti umani (Fidh) la quale è finanziata dalla National Endowment for Democracy (Ned), sedicente Ong statunitense - creata da Reagan nel 1982 e pagata dal Congress - definita dai critici un’agenzia che facilita il lavoro dei servizi segreti di Washington nella rimozione di governi sgraditi. Nell’aprile 2002 ebbe un ruolo anche nell’appoggiare il golpe fallito a Caracas contro il governo di Hugo Chavez. Altra promotrice della lettera libica ìera la ginevrina UN Watch, nel cui board siedono membri della destra statunitense.  
In Siria, il principale referente del Ned è il Damascus Center for Human Rights Studies, anch’esso partner della Fidh di cui sopra. Radwan Ziadeh, direttore del Damascus Center, è fra l’altro direttore del Syrian Center for Political and Strategic Studies a Washington. Tempo fa era presente, come i rappresentanti del Ned in Libia, alla cerimonia di premiazione degli “attivisti per I diritti umani” condotta dal Ned stesso. Quanto allo UN Watch, ha già lanciato diverse petizioni contro il governo siriano. E nessuna per invocare una mediazione di pace.
Chissà perché i media internazionali non danno voce a quelle figure dell’opposizione che si oppongono a ingerenze esterne e agli scontri armati fra siriani.
 

Articoli correlati

  • Damasco: la rivoluzione silenziosa delle donne in bicicletta
    Consumo Critico
    In Siria la bicicletta ha un significato speciale

    Damasco: la rivoluzione silenziosa delle donne in bicicletta

    Le due ruote possono servire per combattere incredibili battaglie, avviare processi democratici, smontare l’ordine tradizionale delle cose, contribuire a rendere l’aria più respirabile. E se si è donna, in bici, per le strade siriane si testimonia una reale volontà di cambiamento
    8 gennaio 2019 - Fulvia Gravame
  • Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia
    Conflitti

    Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia

    Abbandoniamo l’alta filosofia, le raffinate (o interessate?) analisi geopolitiche o sociologiche. Mettiamo in fila, uno dopo l’altro, le banali, lineari verità che questi tempi ci raccontano. Ma che sembra proibito dire, un po’ come il famoso bambino del “vestito nuovo dell’imperatore”.
    3 gennaio 2019 - Alessio Di Florio
  • Tra mamme, un ponte di solidarietà che va lontano
    Pace

    Tra mamme, un ponte di solidarietà che va lontano

    "La Nostra Associazione ha pensato di fare qualcosa di più grande, per cercare di arrivare lontane. Da mamme, da donne, da esseri umani non potevamo più stare ferme a guardare senza fare niente, e dall’unione della nostra impotenza e profonda sofferenza è nato il nostro progetto TMT for Siria“.
    27 maggio 2018 - Roberto Del Bianco
  • OPAC: "Cloro usato probabilmente in Siria a febbraio"
    Conflitti
    Gli ispettori inviati dall'ONU e che indagano sull'uso di armi chimiche non hanno addossato la responsabilità ad alcuna delle parti in conflitto

    OPAC: "Cloro usato probabilmente in Siria a febbraio"

    Le analisi si riferiscono ad un evento accaduto a febbraio a Saraqueb, città che dista 290 chilometri rispetto a Duma, sito dove è stato sospettato un attacco chimico ad aprile di quest'anno
    17 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.10 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)