"Afghanistan venti anni dopo", dibattito a cura della Rete Italiana Pace e Disarmo

"La guerra in Afghanistan è stata un fallimento, ecco perché devono attaccare i pacifisti"

Guerra, verità e impatto sulle popolazioni: il ruolo del giornalismo e della società civile. Video del dibattito fra Stefania Maurizi, Riccardo Iacona, Mao Valpiana e Francesco Vignarca. Si parla della prigionia di Assange che ha svelato la vera guerra in Afghanistan e i narcotrafficanti al governo.
7 settembre 2021
Redazione PeaceLink

Dal sito di "Italiani per Assange"

Nel suo intervento Stefania Maurizi, autrice del libro "Il potere segreto" (Chiarelettere), dice: "Questa guerra è stata la più lunga combattuta dagli Stati Uniti e la più tecnologicamente avanzata. Non ci dimentichiamo che dai file di Snowden noi abbiamo appreso spiavano le comunicazioni dell' intera popolazione afghana. Avevano una marea di informazioni mostruosa in tempo reale, avevano la tecnologia più sofisticata, avevano i droni, avevano delle unità speciali, avevano le forze della coalizione con le loro intelligence. Eppure hanno perso con una forza medioevale. Io credo che sia estremamente imbarazzante per loro. Ecco perché devono attaccare i pacifisti. Perché è veramente imbarazzante per loro dover ammettere questo, dover ammettere che l'azione militare è stato un assoluto fallimento" (dal minuto 47).

Riccardo Iacona: "Nel 2009 sono tornato per l'ultima volta in Afghanistan e ho fatto vedere come il mercato dell'oppio era cresciuto in maniera esponenziale sotto la NATO. Ho fatto vedere come non si costruiva niente a Kabul. E poi è venuto l'anno incredibile del 2010 per l'Afghanistan, l'anno d'oro del giornalismo di inchiesta inaugurato da Assange che per questo sta pagando un prezzo altissimo, perché rischia 175 anni di prigione, sono quasi tre anni che è in detenzione preventiva arbitraria dentro un carcere di massima sicurezza a Londra. Ha gettato luce sull'Irak e sull'Afghanistan. E sull'Afghanistan ci sono 91 mila files di rapporti stilati dagli stessi soldati americani sul campo che raccontavano la guerra vera e sbugiardavano la propaganda americana. E c'era anche il racconto della corruzione, del fatto che al governo c'erano dei narcotrafficanti". (minuto 12) 

Articoli correlati

  • Pagina web della Campagna Guantanamo
    PeaceLink
    Le cose fatte e da fare

    Pagina web della Campagna Guantanamo

    L'obiettivo della campagna è quello di chiedere la chiusura della prigione americana di Guantanamo. La campagna si rivolge al presidente del Consiglio Mario Draghi e ai parlamentari italiani ed europei perché facciano pressione sul governo USA e lo richiamino al rispetto dei diritti umani.
    15 settembre 2021 - Campagna Guantanamo
  • Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia
    Laboratorio di scrittura
    A settecento anni dalla morte di Dante

    Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia

    Viviamo in una zona di confort irreale, come se esistessimo solo noi. Non conosciamo gli eroi del nostro tempo, sono perseguitati e non li sosteniamo. Da questa letargica indifferenza ci risvegliamo quando la TV ci fa sentire in colpa e magari organizza un nuovo criminale "intervento umanitario".
    15 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • «Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre»
    MediaWatch
    Droni, l’ex analista Usa che ha svelato i danni collaterali

    «Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre»

    Un caso di coscienza. Daniel Hale, figlio di un battista della Virginia, è stato condannato a quattro anni di reclusione per aver rivelato informazioni segrete sulle operazioni anti terrorismo durante l’amministrazione Obama. «Non un giorno senza rimorso»
    15 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Il drone americano ha colpito l'auto ma non c'era nessun terrorista, solo civili innocenti
    Conflitti
    Il video analizzato dal New York Times tocca l'illegalità delle uccisioni con i droni

    Il drone americano ha colpito l'auto ma non c'era nessun terrorista, solo civili innocenti

    Centrata in pieno l'auto del presunto attentatore dell'Isis ma in realtà era guidata da Zemari Ahmadi, un ingegnere che trasportava taniche d'acqua e collaborava con un gruppo di aiuto americano. Ci sono sette bambini fra i dieci civili uccisi a Kabul il 29 agosto dal drone USA.
    14 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)