"Afghanistan venti anni dopo", dibattito a cura della Rete Italiana Pace e Disarmo

"La guerra in Afghanistan è stata un fallimento, ecco perché devono attaccare i pacifisti"

Guerra, verità e impatto sulle popolazioni: il ruolo del giornalismo e della società civile. Video del dibattito fra Stefania Maurizi, Riccardo Iacona, Mao Valpiana e Francesco Vignarca. Si parla della prigionia di Assange che ha svelato la vera guerra in Afghanistan e i narcotrafficanti al governo.
7 settembre 2021
Redazione PeaceLink

Dal sito di "Italiani per Assange"

Nel suo intervento Stefania Maurizi, autrice del libro "Il potere segreto" (Chiarelettere), dice: "Questa guerra è stata la più lunga combattuta dagli Stati Uniti e la più tecnologicamente avanzata. Non ci dimentichiamo che dai file di Snowden noi abbiamo appreso spiavano le comunicazioni dell' intera popolazione afghana. Avevano una marea di informazioni mostruosa in tempo reale, avevano la tecnologia più sofisticata, avevano i droni, avevano delle unità speciali, avevano le forze della coalizione con le loro intelligence. Eppure hanno perso con una forza medioevale. Io credo che sia estremamente imbarazzante per loro. Ecco perché devono attaccare i pacifisti. Perché è veramente imbarazzante per loro dover ammettere questo, dover ammettere che l'azione militare è stato un assoluto fallimento" (dal minuto 47).

Riccardo Iacona: "Nel 2009 sono tornato per l'ultima volta in Afghanistan e ho fatto vedere come il mercato dell'oppio era cresciuto in maniera esponenziale sotto la NATO. Ho fatto vedere come non si costruiva niente a Kabul. E poi è venuto l'anno incredibile del 2010 per l'Afghanistan, l'anno d'oro del giornalismo di inchiesta inaugurato da Assange che per questo sta pagando un prezzo altissimo, perché rischia 175 anni di prigione, sono quasi tre anni che è in detenzione preventiva arbitraria dentro un carcere di massima sicurezza a Londra. Ha gettato luce sull'Irak e sull'Afghanistan. E sull'Afghanistan ci sono 91 mila files di rapporti stilati dagli stessi soldati americani sul campo che raccontavano la guerra vera e sbugiardavano la propaganda americana. E c'era anche il racconto della corruzione, del fatto che al governo c'erano dei narcotrafficanti". (minuto 12) 

Articoli correlati

  • Italiani per Hale
    PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    10 ottobre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Oggi Julian Assange riceverà la tessera onoraria del sindacato dei giornalisti italiani
    Sociale
    Si può seguire la conferenza stampa live su FaceBook

    Oggi Julian Assange riceverà la tessera onoraria del sindacato dei giornalisti italiani

    Una parte significativa del giornalismo italiano si muove e prende posizione. Oggi alle 17.30, Julian Assange riceverà la tessera onoraria di Articolo 21, il sindacato nazionale dei giornalisti, presso la Federazione Nazionale della Stampa Italia (FNSI), Corso Vittorio 349 a Roma.
    9 dicembre 2021 - Patrick Boylan
  • I giornalisti che fanno luce sui crimini segreti dei potenti non vanno perseguitati ma protetti
    Editoriale
    La guerra del governo americano contro la libera informazione deve finire

    I giornalisti che fanno luce sui crimini segreti dei potenti non vanno perseguitati ma protetti

    Stiamo barcollando sull’orlo del precipizio, rischiamo di essere trascinati in un mondo pericoloso e opprimente, in cui i giornalisti tacciono sotto il timore di procedimenti giudiziari, e i cittadini devono sussurrare nel buio.
    6 novembre 2021 - Julian Assange
  • Non solo Assange, Daniel Hale e la verità sui droni Usa
    Disarmo
    Il 27 luglio 2021, è stato condannato lo specialista di droni Daniel Hale a 45 mesi di prigione

    Non solo Assange, Daniel Hale e la verità sui droni Usa

    Hale ha detto a un giudice federale di sentirsi obbligato a far trapelare informazioni a un giornalista per il senso di colpa per la propria partecipazione a un programma che stava uccidendo indiscriminatamente civili in Afghanistan lontano dal campo di battaglia. Civili ! contro ogni convenzione.
    29 ottobre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)