CINA

Premio di Reporters sans frontières a cyberdissidente cinese

Solo in Asia si va in carcere per uso di internet
Fonte: Asianews - 24 giugno 2004

Roma (AsiaNews) - Sono tutti asiatici i Paesi dove l’uso “sovversivo” di internet viene punito con il carcere. La Cina detiene il primato di questa classifica con 63 cyberdissidenti imprigionati. Seguono il Vietnam (7), le Maldive (3) e la Siria (2). È quanto emerge in “Internet sotto sorveglianza 2004”, il Rapporto di Reporters sans frontières (Rsf), presentato in questi giorni.

Molti governi asiatici bloccano l’accesso ai siti internet dei giornali indipendenti o a quelli dedicati a religioni proibite e ai diritti umani. Le autorità saudite, ad esempio, hanno bloccato l’accesso a 400 mila pagine web per “preservare i cittadini dai contenuti offensivi o che violano i principi della religione islamica”. La Cina è la più grande prigione al mondo per i dissidenti telematici e vanta la più sviluppata tecnologia di intercettazione del web. In Iran, il giro di vite contro i siti indipendenti non ha fermato lo sviluppo della Rete: oggi è il Paese mediorientale in cui internet è in fase di maggior sviluppo. Birmania e Nord Corea seguono un’altra politica: la limitazione di internet a un’infima minoranza di utenti, tutti appartenenti al regime.

Proprio ad un prigioniero telematico cinese è stato assegnato il premio Cyberliberté 2004 di Rsf: Huang Qi è in carcere dal gennaio 2001 a Chengdu, nel Sichuan, con l’accusa di “sovversione e incitamento al rovesciamento del potere statale”.

Huang Qi aveva aperto il suo sito internet (www.tianwang.com ora chiuso dalle autorità cinesi) dove, su pagamento, le persone potevano mettere informazioni su persone scomparse. Il Chine Youth Daily nel 1999 aveva definito il sito di Huang Qi “il più importante evento telematico in Cina”. Il sito aveva guadagnato molta notorietà ed era sempre più visitato. Molti utenti pubblicavano anche articoli su vari temi come la corruzione statale, la povertà delle campagne, le attività per la democrazia, la Falungong e il massacro di piazza Tiananmen. Il 3 giugno 2000, qualche ora prima di essere arrestato, Huang Qi aveva inviato un’email ai suoi lettori: “Arrivederci a tutti – scriveva - . La polizia sta venendo per arrestarmi. Abbiamo davanti a noi una lunga strada. Grazie a tutti quelli che appoggiano la causa della democrazia in Cina”.

Durante la sua prigionia, Huang Qi ha subito diverse violenze da parte della polizia. (LF)

Note: Fonte: http://www.asianews.it/view.php?l=it&art=1039

Copyright © 2003 AsiaNews
Tutti i diritti riservati

Articoli correlati

  • Kritik_Se / Allora / Altrimenti… ti uccido
    Disarmo
    Ciò che non è riproducibile è l’intelligenza umana

    Kritik_Se / Allora / Altrimenti… ti uccido

    Lo sviluppo tecnologico è destinato a mutare profondamente i rapporti di potere nella società globale
    3 luglio 2019 - Rossana De Simone
  • Dietro l’attacco Usa agli smartphone cinesi
    CyberCultura
    L'americana Apple scavalcata come vendite dalla cinese Huawei, al primo posto la sudcoreana Samsung

    Dietro l’attacco Usa agli smartphone cinesi

    Sotto pressione del Pentagono e delle agenzie di intelligence, gli Usa hanno bandito gli smartphone e le infrastrutture di telecomunicazioni della società cinese Huawei, con l’accusa che possono essere usati per spionaggio, e premono sugli alleati perché facciano altrettanto.
    4 dicembre 2018 - Manlio Dinucci
  • Lo scontro fra Italia e Francia nella crisi libica
    Disarmo
    le importazioni italiane di greggio statunitense sono arrivate a un record a giugno

    Lo scontro fra Italia e Francia nella crisi libica

    Il Presidente del Consiglio ha chiesto a Trump che le compagnie petrolifere americane non abbandonino la Libia per evitare l’avanzata della società francese Total
    9 settembre 2018 - Rossana De Simone
  • La sfida fra le grandi potenze mondiali per la supremazia tecnologica. Oltre la guerra commerciale e militare
    Disarmo
    I casi di Google, Amazon, KAIST

    La sfida fra le grandi potenze mondiali per la supremazia tecnologica. Oltre la guerra commerciale e militare

    “sistemi di apprendimento autonomo, processi decisionali collaborativi uomo-macchina, operazioni umane assistite, operazioni avanzate con sistemi senza equipaggio e reti di armi autonome”
    3 maggio 2018 - Rossana De Simone
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)