Migranti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • "L'Italia espelle diplomatici russi in servile ossequio alla fedeltà atlantica e sulla base di fake news!"
    Dal comunicato della Rete NoWar:

    "L'Italia espelle diplomatici russi in servile ossequio alla fedeltà atlantica e sulla base di fake news!"

    Con l'affare Skripal, la Gran Bretagna aizza la Guerra Fredda. Orchestra una grossolana montatura contro la Russia e poi, all'unisono, quasi tutti i paesi della NATO espellono “per solidarietà” oltre 100 diplomatici russi. Eppure la GB ha emesso un verdetto senza prove, senza inchiesta indipendente, senza far vedere i rilievi del laboratorio. Un linciaggio bell'e buono.
    31 marzo 2018 - Rete NoWar - Roma
  • Il saluto romano è ancora reato?

    Il saluto romano è ancora reato?

    29 maggio 2016 - Laura Tussi
  • Il Tar Lazio e i poligoni militari

    Il Tar Lazio e i poligoni militari

    C'erano rapporti, perizie e le nanoparticelle di uranio nei suoi organi, ma a un militare ammalato era sempre stato negato un risarcimento. Il Tar sta ai fatti e smentisce i Ministeri
    28 luglio 2014 - Lidia Giannotti
  • Incontro di studio a Taranto sul decreto-legge 207/2012 (salva Ilva)
    Il 9 aprile la Consulta ha salvato la legge

    Incontro di studio a Taranto sul decreto-legge 207/2012 (salva Ilva)

    Il 3 aprile, presso la Facoltà di Giurisprudenza, si è affrontato il tema dei dubbi di costituzionalità della legge che pone nel nulla il sequestro degli impianti Ilva. La sentenza della Consulta chiarirà in che termini tali dubbi siano stati ritenuti infondati e in parte non esaminabili. Intanto il procedimento penale continua
    10 aprile 2013 - Lidia Giannotti

Cassazione, nessuna espulsione per i migranti indigenti senza permesso di soggiorno

La loro «impossidenza», sostiene la Corte Suprema, costituisce «causa giustificativa» per dire no all?allontanamento
19 settembre 2006
Fonte: Liberazione (http://www.liberazione.it)

Gli immigrati irregolari in condizioni di «assoluta» indigenza non possono essere espulsi dal nostro territorio. La loro «impossidenza», dice infatti la Corte di Cassazione, costituisce «causa giustificativa» per dire no all’allontanamento dal nostro territorio. In questo modo la Prima sezione penale ha respinto il ricorso del Procuratore generale presso la Corte d’appello di Roma che chiedeva che Malina A. N., rumena senza permesso di soggiorno che alloggiava presso uno scalo ferroviario della capitale e che già aveva ricevuto l’ordine di allontanamento, fosse espulsa dal nostro territorio nonostante la sua indigenza. La Suprema Corte, facendo proprio il dettato della Corte Costituzionale del 2004, nella sentenza 30774 della Prima sezione penale, ha osservato che «autorevolmente è stato osservato che la causa giustificativa» dell’espulsione di un immigrato «non può essere costituita dal mero disagio economico di regola sottostante al fenomeno migratorio, ma ben può essere integrata da una condizione di assoluta impossidenza dello straniero, che non gli consenta di recarsi nel termine alla frontiera e di acquistare il biglietto di viaggio». Respinto quindi il ricorso del pg che, nel suo ricorso, aveva sottolineato come il «mero disagio economico» non potesse costituire giusta causa al blocco dell’espulsione della clandestina rumena che per «volontà» propria si trovava senza mezzi e senza lavoro. Alla donna aveva già dato ragione il Tribunale di Roma, nel gennaio 2006, alla luce del fatto che la donna era «sprovvista del denaro occorrente al rimpatrio, circostanza plausibile essendo emerso che alloggiava presso uno scalo ferroviario». Invano il pg presso la Corte d’appello di Roma ha presentato ricorso in Cassazione, rifacendosi alla sentenza del 2004 della Consulta che ha sostenuto che le ragioni per il no all’allontanamento dal territorio di un immigrato devono avere «connotazioni di necessità inevitabile».

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)