Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

ICAN (Campagna Internazionale per l’Abolizione delle Armi Nucleari)

Un mondo senza armi nucleari è un sogno possibile

Dal sito ufficiale www.icanw.org, riportiamo alcune informazioni sulla campagna iCAN e sulle modalità di adesione.
14 ottobre 2010
Tradotto da per PeaceLink

Cos’è la campagna ICAN? ican-logo

ICAN (Campagna Internazionale per l’Abolizione delle Armi Nucleari) è un movimento globale di base a favore del disarmo nucleare totale attraverso una Convenzione sulle Armi Nucleari, legalmente vincolante e sottoponibile a verifica. Scopo del trattato è mettere al bando la produzione, i test, l’utilizzo e il possesso di armi nucleari, e stabilire un termine entro il quale giungere alla loro eliminazione. Una bozza di convenzione stilata da alcune organizzazioni non governative ha ottenuto l’appoggio del Segretario Generale ONU Ban Ki-moon.

Il lancio della campagna ICAN è avvenuto nel 2007 da parte dell’International Physicians for the Prevention of Nuclear War (IPPNW), una federazione globale di professionisti nel campo della medicina. Oggi, più di 200 organizzazioni in 50 paesi fanno parte di ICAN e migliaia di persone ne hanno sottoscritto l’impegno per un mondo libero dalle armi nucleari. ICAN dà voce alla schiacciante maggioranza di cittadini in tutto il mondo che sono a favore dell’abolizione.

Non c’è un’altra arma che possa uccidere centinaia di milioni di persone in poche ore e provocare la fine della civiltà umana. Le armi nucleari sono illegali, immorali e causano genocidio. Il loro scopo è illegittimo, e sono inutili rispetto alle reali minacce alla sicurezza odierne (i cambiamenti climatici, la povertà, la sovrappopolazione e le pandemie). Anzi, sottraggono fondi da destinare a questi problemi.

ICAN spera, nei prossimi anni, di dar vita ad un irresistibile movimento di opinione che si opponga alle armi nucleari in tutti i paesi del mondo e mira ad ispirare i leaders politici a negoziare un trattato per l’abolizione di queste terribili armi di distruzione, prima che possano essere utilizzate di nuovo. Dobbiamo lavorare insieme per un futuro ad armi nucleari zero.

Perché l’abolizione delle armi nucleari è un problema che riguarda tutti?

La minaccia rappresentata da 23.300 armi nucleari è un problema di tutti. Ecco perché centinaia di gruppi diversi di oltre 60 paesi si sono riuniti sotto un’unica bandiera – la Campagna Internazionale per l’Abolizione delle Armi nucleari (ICAN) – nello sforzo di convincere i governi a negoziare un trattato completo e vincolante per eliminare questi armi.

Insieme abbiamo già iniziato a dar vita ad un movimento popolare globale a sostegno di questo trattato, noto come convenzione sulle armi nucleari. Con l’appoggio e il coinvolgimento della tua organizzazione, possiamo far prendere il volo alla campagna – fino ad arrivare al traguardo di zero armi nucleari. Aderire alla campagna è facile e gratuito: basta compilare un modulo. Ti terremo aggiornato informandoti su come diventare attivo nella campagna.

Oggi abbiamo l’opportunità storica di realizzare un mondo senz’armi nucleari e di garantire la nostra sopravvivenza. Potrebbe essere la migliore occasione che ci sia mai capitata, ma non sappiamo quanto a lungo durerà. Il tempo di agire è ora. Le armi nucleari sono le più distruttive mai create, e rappresentano la più grande minaccia al futuro del pianeta. Nessun’altra arma è in grado di distruggere una città o nazioni intere nel giro di pochi minuti. Fino a quando esisteranno le armi nucleari, nessuno sarà davvero al sicuro. Il rischio della loro diffusione e del loro utilizzo sta aumentando, in un mondo sempre più provato dai cambiamenti climatici e dall’esaurimento delle risorse. La costruzione e il mantenimento delle armi nucleari sottraggono vaste risorse e minano la sicurezza dell’uomo.

Le 23.300 armi nucleari presenti oggi sono una minaccia per tutti, ovunque. Stati Uniti e Russia ne detengono circa il 95 per cento. Anche il Regno Unito, la Francia, la Cina, il Pakistan, l’India, Israele e Nord Corea ne sono in possesso. La loro stessa esistenza ne determina la proliferazione. Se non ce ne liberiamo oggi, il loro utilizzo futuro sarà inevitabile, ed avrà conseguenze catastrofiche.

I leaders politici stanno facendo dichiarazioni coraggiose sull’abolizione delle armi nucleari. Sta a noi aiutarli a trasformare le loro parole in azioni. Il nostro progetto di convenzione sulle armi nucleari rappresenta la strada più realistica verso un mondo senza bombe. Una bozza di convenzione sviluppata dalla società civile ha ottenuto il più alto sostegno diplomatico – da parte del Segretario Generale ONU Ban Ki-moon.

Per favore, prendi in considerazione la possibilità di diventare partner di ICAN e aiutaci a costruire un movimento unito ed efficace per l’abolizione delle armi nucleari.
Abbiamo un mucchio di materiali educativi e di sensibilizzazione sulle armi nucleari e, nello specifico, il bisogno urgente di una convenzione.

Anche da casa puoi aiutare ICAN!

ICAN fa grande affidamento sul lavoro dei volontari. Il tuo contributo può essere davvero importante. Ti basta mettere a disposizione poche ore del tuo tempo a settimana. Potresti lavorare da uno dei nostri uffici o più semplicemente da casa. Anche in questo caso è sufficiente compilare un modulo!

Note: In questo link, il modulo per le organizzazioni che vogliono diventare partner della campagna: http://www.icanw.org/node/4967

Per proporsi come volontario/a: http://www.icanw.org/volunteer

Per informazioni e approfondimenti sulle armi nucleari:

Lo stato delle forze nucleari nel mondo
http://www.fas.org/programs/ssp/nukes/nuclearweapons/nukestatus.html

Nuclear Force Guide
Fonti informative e risorse per effettuare ricerche
http://www.fas.org/nuke/guide/index.html

Tavola analitica delle nazioni con armi nucleari
http://www.fas.org/nuke/guide/summary.htm

Articoli correlati

  • PeaceLink: liberiamoci dalla guerra ovunque
    Disarmo
    Intervista a Rossana De Simone di PeaceLink

    PeaceLink: liberiamoci dalla guerra ovunque

    Dal collettivo studentesco alla fabbrica. Rossana De Simone racconta la sua esperienza di giovane lavoratrice e delegata sindacale
    14 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Appello per il disarmo di papa Francesco
    Disarmo
    Messaggio alla Pontificia Accademia delle Scienze

    Appello per il disarmo di papa Francesco

    “Per quanto grande possa essere la responsabilità dei politici, essa non esime gli scienziati dal riconoscere le proprie responsabilità etiche nello sforzo di fermare non solo la produzione, il possesso e l’uso di armi nucleari, ma anche lo sviluppo di armi biologiche”.
    Redazione PeaceLink
  • A rischio il trattato New START, l'unico che limita le armi nucleari di Russia e Stati Uniti
    Disarmo
    Trump e i suoi collaboratori lo hanno sempre considerato un pessimo accordo per gli USA

    A rischio il trattato New START, l'unico che limita le armi nucleari di Russia e Stati Uniti

    Stiamo giungendo alla stretta finale sul futuro del New START e con esso di tutta la politica di controllo degli armamenti. Le prospettive non appaiono rosee. In assenza di un nuovo accordo segnerebbela fine della cinquantennale politica del controllo degli armamenti
    29 settembre 2020 - Alessandro Pascolini
  • Invito ad aderire al Trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari
    Disarmo
    Una novità che invita gli attuali governi ad una svolta

    Invito ad aderire al Trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari

    Cinquantasei ex presidenti, primi ministri, ministri degli esteri e ministri della difesa di 20 stati membri della NATO, nonché Giappone e Corea del Sud, hanno appena pubblicato una lettera aperta
    21 settembre 2020 - Tim Wright
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)