Palestina

Il pacifismo israeliano messo nell'angolo dallo scontro di civiltà

Parla Michael Warschawski, dell'Alternative information centre
21 luglio 2006
Fonte: Liberazione (http://www.liberazione.it)

Michael Warschawski è un pacifista israeliano di quelli che lavora con i Social Forum, codirettore dell’Alternative information centre, organizzazione israelo-palestinese.

Vent’anni fa i pacifisti israeliani manifestavano contro la guerra in Libano. Oggi il Paese, a parte una esigua minoranza di persone, appare schierato col governo. Perché?

Il movimento pacifista tradizionale, come “Peace Now” per intenderci, ha smesso di esistere dal luglio del 2001. L’ala radicale invece è più unita e più forte. In questo momento la posizione dell’area “maggioritaria” è che Israele è stata attaccata e che dunque dobbiamo rispondere. Alla manifestazione contro la guerra che abbiamo organizzato domenica scorsa è venuto a titolo personale Mossi Raz, ex segretario di “Peace Now” e come lui sono venute centinaia di persone.

Chi era a Tel Aviv afferma di aver visto 300 persone circa.

Non è vero. Eravamo almeno settecento ed eravamo tutti ebrei, era una manifestazione organizzata in fretta. Domenica prossima speriamo che vengano anche dal nord. Abbiamo contattato i partiti arabi. Contiamo di essere almeno in 3000. Ci saranno i refusnik, la coalizione delle donne contro la guerra, Gush Shalom, Ta’ayush, i rabbini per i diritti umani e gli anarchici contro l’occupazione.

Contate di sortire qualche effetto nell’opinione pubblica?

Non abbiamo l’illusione di cambiare questa società. Come l’ingranaggio di un orologio, una volta noi eravamo la ruota piccola in grado di muovere quella più grande, che era la cassa di risonanza per rivolgerci all’opinione pubblica. Adesso giriamo a vuoto.

In questo momento la maggior parte degli israeliani sembra non temere le conseguenze che l’allargamento del conflitto nella regione potrebbe avere, anche per Israele. Si tratta di convinzione o disinformazione?

In Israele abbiamo un proverbio che dice, quando arriveremo al ponte penseremo ad attraversarlo. Esiste la percezione di essere parte di una guerra globale che difende la cultura ebrea e quella cristiana. Dunque non c’è scelta, in quanto la società israeliana si percepisce come parte del cosiddetto “scontro di civiltà”. Non c’è un obiettivo in questo conflitto. E’ la guerra preventiva permanente contro tutto quello che si può dipingere come terrorismo. Con l’Iran, secondo me, questa fase può degenerare in conflitto. Siamo in una situazione estremamente pericolosa della quale non possiamo calcolare le conseguenze ed alla quale occorre porre fine immediatamente prima che esploda in un conflitto regionale. Quando ho espresso alla radio di questa mia posizione un giornalista mi ha detto che siamo già in guerra con l’Iran e mi ha chiesto se, data tale condizione, non era meglio affrontare la faccenda prima che dopo. Vent’anni fa quando morivano i soldati al fronte si accusava il governo di non avere protetto i nostri soldati. Ora i missili su Haifa sono vissuti come un evento inevitabile, non un fallimento del governo.

Chi non ha il satellite e legge solo la stampa in ebraico riceve un’informazione adeguata su quanto accade ai civili in Libano?

La stampa israeliana non si può considerare “militarizzata”. Esiste piuttosto in questa fase una militarizzazione della mentalità. Che si riflette anche nell’informazione. Basti pensare alle voci che si sono levate dalla sinistra, da Yossi Beilin ad altri. Ho sentito Yeoshua parlare come uno di destra. Non è il governo che dice ai giornali di sinistra quello che devono scrivere. I media israeliani riflettono piuttosto l’opinione pubblica che in questo momento con i missili in casa propria è indifferente ai morti dall’altra parte. Ma dobbiamo respingere la mentalità dello scontro tra civiltà. Immagina le conseguenze dell’ingresso di altri Stati in questo conflitto.

Articoli correlati

  • Militarismo e cambiamenti climatici - The Elephant in the Living Room
    Disarmo
    il settore militare non solo inquina, ma contamina, trasfigura e rade al suolo

    Militarismo e cambiamenti climatici - The Elephant in the Living Room

    “E’ stato stimato che Il 20% di tutto il degrado ambientale nel mondo è dovuto agli eserciti e alle relative attività militari”
    31 ottobre 2019 - Rossana De Simone
  • Niente di peggio per l'ambiente che la guerra
    Ecologia
    Documentario Ispra - RED COD Un arsenale sommerso

    Niente di peggio per l'ambiente che la guerra

    Mare cristallino sopra, armamenti e "rifiuti" di guerra sotto. Cosa lasciano la guerra (e la "pace") nei mari di tutto il mondo. Una pattumiera bellica.
    15 ottobre 2019 - Gabriele Caforio
  • Francesca Borri fermata all'areoporto del Cairo
    MediaWatch
    Ha collaborato con PeaceLink, seguendo le vicende di Taranto e dell'ILVA

    Francesca Borri fermata all'areoporto del Cairo

    Il fermo non ha alcuna motivazione. Le è stato tolto il cellulare rendendo impossibile contattarla. PeaceLink ritiene quest'azione un evidente abuso di potere e auspica che al più presto la situazione venga risolta consentendole di svolgere liberamente la sua attività di giornalista.
    11 ottobre 2019 - Redazione PeaceLink
  • La Colombia stanca di guerra
    Latina
    Lo Stato fa di tutto per allontanare le pace

    La Colombia stanca di guerra

    Prosegue il dibattito sulla scelta di una parte delle Farc di riprendere le armi
    18 settembre 2019 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)