Palestina

Palestina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580

In rilievo

Motore di ricerca in
RSS logo

Restiamo liberi

Mahmoud Abbas ha promesso la pena di morte per gli assassini di Vittorio Arrigoni. Questa non è la Palestina di diritti e giustizia per cui è vissuto: è la Palestina sfigurata da cui è stato ucciso
18 aprile 2011 - Francesca Borri

vittorio arrigoni Mohammed Swerki, cuoco al servizio della guardia presidenziale di Fatah, fu suicidato giù da una finestra, a Gaza, per essere entrato con il suo vassoio del pranzo nell'ufficio sbagliato. La risposta di Fatah fu Husam Abu Qinas: giù da una finestra, a Ramallah, perché legato a Hamas. Durante Piombo Fuso, mentre gli israeliani strangolavano una popolazione già stremata da anni di occupazione e poi embargo, senza neppure consentirle la fuga, Fatah e Hamas non hanno trovato niente di più urgente in cui impegnarsi che un regolamento dei conti: un inferno parallelo. Perché nessuna guerra, alla fine, ha combattenti migliori di altri - immunità morali: nessuno è illeso.

Certo: a sequestrare Vittorio potrebbe essere stato uno dei gruppi salafiti di cui l'International Crisis Group, solo un paio di settimane fa, denunciava la forza crescente. I salafiti sostengono un'interpretazione letteralista dell'Islam, e accusano Hamas di non applicare il Corano con sufficiente rigore: soprattutto, di battersi per uno stato palestinese, invece che per l'unità musulmana - di essere un movimento ormai laico e nazionalista. Ma onestamente, a sequestrare Vittorio potrebbe essere stato anche qualcuno in cerca di pretesti per serrare il controllo, il giogo sul territorio. Perché la forza crescente, a Gaza, non è affatto la forza dell'Islam, salafita o meno, ma quella dei ventenni che avrebbero voluto un'altra Tunisia, un altro Egitto: e si sono ritrovati manganellati. A Gaza da Hamas, a Ramallah da Fatah.

Vittorio non è stato colpito perché occidentale, ma perché libero. E questo, in guerra, ti fa pericoloso per chiunque. Juliano Mer Khamis si definiva ebreo e palestinese: è stato ucciso non perché ebreo, ma perché palestinese: perché icona non tanto della convivenza, quanto di una società aperta e critica, capace di ripensarsi e rinnovarsi. Una società senza padroni. Hamas, ieri, invitava a fondarsi solo sulle informazioni fornite dal ministero degli Interni. Vittorio viveva a Gaza proprio perché potessimo non fondarci sulle informazioni fornite dagli addetti stampa di chi comanda.

In vent'anni, e milioni di dollari di aiuto allo sviluppo, le sole istituzioni che l'Autorità Palestinese ha costruito sono gli apparati di polizia e sicurezza: e non per il mantenimento dell'ordine pubblico, ma la repressione del dissenso, mentre l'economia precipitava alle dipendenze dell'elemosina internazionale - e i bambini alla malnutrizione. In cambio di nicchie individuali di potere e ricchezza, larga parte della leadership palestinese ha accettato di gestire l'occupazione: è ormai parte del problema, non della soluzione. Ed è contro tutto questo, come Vittorio sapeva e scriveva, e soprattutto approvava, che la società civile, la maggioranza palestinese sta tentando di ribellarsi. La priorità, si oppone, è l'unità nazionale. Ma Mahmoud Abbas, che era pronto a barattare il rapporto Goldstone con la concessione di nuove frequenze alla società di telecomunicazioni dei suoi figli, promette adesso ai salafiti la pena di morte per alto tradimento: questa non è la Palestina libera per cui Vittorio è vissuto: è la Palestina sfigurata da cui è stato ucciso.

Qualcuno avanza l'ipotesi di una regia israeliana. Magari per intimidire la prossima Freedom Flotilla - e più in generale, gli internazionali. Il popolo palestinese, si dice, non avrebbe interesse a compiere crimini così autolesionisti. Onestamente, il popolo palestinese non avrebbe interesse neppure a lanciare razzi, e invece sono anni che Hamas ancora si ostina con questi razzi di cartapesta che semplificano il lavoro degli israeliani. Forse è il momento di riconoscere che non tutto, in Palestina, arriva dall'occupazione e dalla trappola di Oslo. Chi finisce per essere più palestinese dei palestinesi, come Vittorio, come Juliano, sa che la società perfetta non esiste. Che i confini tra noi e loro, tra gli oppressi e gli oppressori, non coincidono con le frontiere degli stati. Con le linee verdi. "Vedo gli innocenti confondersi e gli assassini ballare", suonava un vecchio De Gregori: "e gli innocenti corrompersi e gli assassini brindare" - restiamo liberi.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)