Palestina

Gaza emergenza medicine - L'appello per i bambini di Gaza

Laura Tussi29 luglio 2014

Restiamo Umani - Stay Human

Gaza emergenza medicine
                  
L'appello per i bambini di Gaza

Chi ha lavorato per due anni a sostegno della pediatria a Gaza, raccoglie fondi e si  coordina per  inviare medicine a Gaza con l'UNRWA, l'OMS, e con Mediacl Aid for Palestine, UK ed Interpal. La situazione degli ospedali di Gaza è drammaticamente grave per la mancanza di farmaci di emergenza mentre sono sotto gli attacchi (più di 700 feriti ad oggi) e per i reparti di terapia intensiva, di dialisi, di oncologia e di malattie croniche. 
La chiusura dei tunnel, una linea di vita anche per i farmaci, ha ridotto l'inventario e la disponibilità dei farmici che già prima degli attacchi era sotto il 30%. La crisi economica che ne è seguita ha reso ancora più difficile ottenere farmaci. 
Ora, i medici sono disperati perché non possono affrontare le emergenze che continuano ad arrivare (si veda il comunicato della Presse, un colloquio con il direttore di Medicina, Al Shifa Hospital Dr.S.Skaik 10 luglio). Alcuni ospedali hanno chiuso reparti, in parte a causa dei danni causati dagli attacchi, e le emergenze si concentrano sugli ospedali pubblici, senza riserve anche semplicemente per suture, antibiotici, analgesici, e per i farmaci salvavita. Presto le persone potrebbero concentrano nella città di Gaza e il suo più grande ospedale, se c'è una invasione di terra. 

I dati dello stato di cose immediatamente prima degli attacchi possono essere trovati http://www.newweapons.org/?q=node/151 

E la situazione a oggi, 10 Luglio 2014 http://www.ochaopt.org/documents/ocha_opt_sitrep_10_07_2014.pd 
I donatori possono inviare un sostegno immediato a Maniverso organizzazione non-profit che fa parte del gruppo di sostegno per i bambini di Gaza, in modo che il primo aiuto possa essere inviato immediatamente e in modo coordinato.  Si prega di continuare a sostenere questa richiesta anche nel tempo, perché saranno necessari gli aiuti a Gaza, almeno per qualche tempo, anche se, come tutti ci auguriamo, la fase critica degli attacchi finirà 
C'è un banner sul sito www. Maniverso. Org  

Emergency GAZA 
Pagamenti * sul conto corrente postale n ° 68817899 intestato a: Associazione Maniverso ... organizzazione non-profit; • Con bonifico bancario sul conto Banca Prossima IBAN IT29 D033 5901 6001 0000 0069 894 BIC BCITITMX intestato a: Organizzazione Umanitaria ... Maniverso organizzazione non-profit. • Con assegno intestato a Associazione Maniverso ... organizzazione non-profit, per essere inviato in busta chiusa a: AssociazioneManiverso ... Onlus, via Perlan, 1 30174 Mestre, allegare i propri dati per l'invio di una ricevuta per la vostra donazione.
 



Articoli correlati

  • Il 18 maggio 1944 moriva il partigiano Dante di Nanni
    Editoriale
    Contribuì alla rinascita dell’umanità lacerata e persa

    Il 18 maggio 1944 moriva il partigiano Dante di Nanni

    In momenti cupi come quello del periodo nazifascista, molti giovani hanno sacrificato la propria vita per il raggiungimento della Pace e della Libertà, per porre fine a una feroce guerra. Vogliamo mantenere viva la Memoria.
    17 maggio 2020 - Laura Tussi e Fabrizio Cracolici
  • Il principio speranza
    Pace
    Il sistema concentrazionario e gli orrori del nazifascismo 

    Il principio speranza

    Il principio speranza di Ernst Bloch e il principio responsabilità di Hans Jonas sono importanti moniti per la pace. La biblioteca civica popolare di Nova Milanese e l’archivio storico della città di Bolzano hanno raccolto più di 200 videotestimonianze
    12 maggio 2020 - Laura Tussi
  • Come i Palestinesi vedono la guerra siriana
    Palestina
    I Palestinesi sono ora convinti che la loro causa non sia una priorità dell’opposizione siriana

    Come i Palestinesi vedono la guerra siriana

    Un sondaggio del settembre 2012 rilevò che quasi l’80% degli intervistati in Cisgiordania e Gaza sostenevano i manifestanti e l’opposizione siriana. Ma nel corso degli anni, quando la rivolta siriana si trasformò in un sanguinoso conflitto settario, le posizioni iniziarono a cambiare.
    Adnan Abu Amer
  • Agenda ONU 2030: la pace vive!
    Pace
    Partendo dai grandi padri partigiani e dalle grandi madri costituenti della democrazia

    Agenda ONU 2030: la pace vive!

    Pedagogia della pace, didattica della storia, narrativa della memoria, ecodidattica sono locuzioni di senso e significato che implicano un interesse nei confronti della storia passata, della tutela dei grandi beni comuni della pace, della memoria e dell’ambiente
    9 maggio 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)