Sociale

RSS logo

Mailing-list Volontariato

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Volontariato

...

Articoli correlati

Diritto alla salute

Accesso ai farmaci, le promesse mancate
11 settembre 2005 - Vittorio Agnoletto
Fonte: Liberazione (http://www.liberazione.it)

L'accesso ai farmaci è uno degli otto Obiettivi per lo sviluppo del millennio. O meglio, lo dovrebbe essere.

Già, perchè ad oggi i paesi ricchi non stanno rispettando gli impegni presi. Sul fronte della lotta all'Aids, il prezzo dei farmaci rende inaccessibili le cure al 90% di sieropositivi che vivono nel Sud del mondo, dove i medicinali sono quasi tutti importati. Solo l'India ha potuto esportare farmaci generici, arrivando a minacciare l'oligopolio delle multinazionali farmaceutiche. Che ben presto si sono prese la rivincita. Infatti dal 22 marzo scorso anche in India i nuovi trattamenti sono brevettabili. La legge, votata anche dai parlamentari della sinistra indiana al governo (nonostante la pressione realizzata su di loro anche dal Gue) riguarda i farmaci immessi sul mercato dal ‘95. Ciò significa che nel tempo la fonte di generici accessibili si esaurirà.

Tutto questo è in contraddizione con la Dichiarazione di Doha in materia di Accordo sugli aspetti commerciali dei diritti di proprietà intellettuale (Trips) e salute pubblica, approvata al vertice Wto del 2001. Tale dichiarazione, che sanciva l'impegno a promuovere l'accesso ai medicinali per tutti, non risolse il problema per i paesi senza industria farmaceutica. L'uso della licenza obbligatoria, infatti, non riguardava i medicinali destinati all'esportazione: i paesi poveri erano autorizzati ad importare, ma quelli in grado di produrli non potevano esportarli. La soluzione a questo problema si fece attendere fino all'agosto 2003, quando a Ginevra in sede Wto i paesi membri trovarono un accordo che formalmente consentiva l'esportazione dei farmaci verso Stati con problemi di sanità pubblica, cosa che solo Canada e Norvegia hanno fatto. Europa e Stati Uniti, invece, non hanno ancora recepito tale decisione. L'Ue, in particolare, ha aspettato ben 14 mesi prima di proporre un regolamento attuativo e lo stesso Parlamento europeo ne ha iniziato l'iter di valutazione solo lo scorso giugno. Mentre si attendono i tempi della burocrazia, si contano migliaia di morti. Va poi ricordato che al di fuori del contesto multilaterale è molto più facile per i paesi ricchi imporre a quelli poveri clausole di tutela dei brevetti ancora più rigide (i Trips plus) con la minaccia di ritorsione commerciale in altri settori produttivi strategici.

E l'Italia? Continua a fare promesse, pubblicizzando nuovi impegni, come il fondo per vaccini, mentre la realtà è che non ha ancora pagato la quota 2004 del Fondo Globale per la lotta contro l'Aids, la tubercolosi e la malaria.

Per cambiare questa tendenza negativa, sia a livello nazionale che a quello globale, bisogna provvedere ai fondi per curare i sei milioni di persone sieropositive che hanno bisogno urgente di trattamento antiretrovirale entro la fine dell'anno. Occorre aumentare i contributi per la prevenzione, la cura, l'assistenza e finanziare il Fondo globale.

Sul lungo termine è necessario lavorare per la costruzione di sistemi sanitari pubblici capaci di formare il proprio personale e pianificare autonomamente gli interventi. Per realizzare tale indipendenza dei Paesi con minori possibilità economiche bisogna però superare due ostacoli. Da una parte i Piani di aggiustamento strutturale (Pas) del Fmi e della Banca mondiale, oggi chiamati Documenti strategici di riduzione della povertà (Prsp), che vincolano i contributi per lo sviluppo dei Paesi poveri alla liberalizzazione dei mercati e alla privatizzazione dei servizi pubblici essenziali. Dall'altra, l'Accordo generale sul commercio dei servizi (Gats) del Wto che ha come scopo quello di eliminare le frontiere commerciali sui servizi del welfare, creando un business appetibile per le multinazionali (la sanità rappresenta un mercato mondiale di 3500 miliardi di dollari!).

Nel frattempo, l'Ue continua a piegarsi alle lobby farmaceutiche, perfino in materia di medicinali pediatrici. Lo scorso 7 settembre, nell'ambito del voto sul Regolamento europeo per i medicinali usati sui bambini, il Parlamento europeo ha deciso che la validità del brevetto farmaceutico venisse prolungata di sei mesi. Questo significa che i generici, identici ai brevettati ma molto meno cari, saranno disponibili nelle farmacie europee con sei mesi di ritardo.

Ci attendono due importanti appuntamenti: il 28 settembre a Strasburgo si voterà il Regolamento europeo sull'esportazione dei farmaci verso Paesi con problemi di sanità pubblica e a Honk Hong dove a dicembre si terrà la 6° Conferenza ministeriale del Wto. Allora sapremo se i Paesi del Sud del mondo, e chi lavora al loro fianco nella battaglia per il sacrosanto diritto alla salute, riusciranno ad ottenere almeno un'inversione di rotta rispetto alla drammatica della situazione attuale.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)