AIFO: Un appello per aiutare i disabili della Liberia

C'è da riempire un container che partirà a breve, con materiali essenziali per il Progetto di Riabilitazione su base comunitaria
13 gennaio 2006

La Liberia sta faticosamente uscendo da 14 anni di guerra civile che hanno distrutto e devastato il paese. Mentre a livello politico si intravedono segnali positivi, la popolazione continua a vivere momenti di grande difficoltà. Dopo molti anni di sfollamento i liberiani stanno oggi abbandonando i campi per rifugiati per ritornare ai loro villaggi, ma ad attenderli non c’è più nulla. In una situazione di generale abbandono, dove servizi e infrastrutture sono praticamente inesistenti, le persone disabili diventano veramente ultimi fra gli ultimi.  
Dal 1997 AIFO collabora con una ONG locale denominata Sampson Saywon Boah Institute (SSBI), che ha avviato il primo programma di Riabilitazione su Base Comunitaria di tutta la Liberia in favore delle persone disabili. L’intervento riabilitativo è multisettoriale, nel tentativo di assicurare alle persone disabili la possibilità di massimizzare le loro abilità fisiche e mentali, usufruire di servizi e raggiungere la piena integrazione sociale all’interno della sua stessa comunità. Attualmente l’area progettuale copre 4 distretti periferici della capitale Monrovia e nel 2006 sarà avviata l’espansione in altre 2 zone rurali.  
Ogni anno AIFO invia al progetto un container con materiali essenziali per la loro distribuzione alle persone disabili inserite nel programma (coperte, abiti, materiale scolastico, prodotti per l’igiene personale, giocattoli, etc…) e con attrezzature per lo svolgimento delle attività. Quest’anno la spedizione è prevista per il mese di marzo e avverrà con il contributo della Regione Lombardia. Per finire di riempirlo con quanto di più necessario, chiediamo l’aiuto di tutti voi per reperire i seguenti materiali ancora mancanti o disponibili in quantità non ancora sufficiente:  
- Ausilii per la mobilità (seggiole a rotelle, stampelle, tutori, canne bianche…)
- Apparecchi acustici e ausilii per non udenti
- Materiale per studenti non vedenti (Perkins/Marburg Braille; Trascrittore leggero in plastica Braille; Orologi Braille, Abacus; Taylor frame; Carta per Braille; Fogli di plastica per Braille; Thermophon; Macchine da scrivere portatili; Slate and Style; Dizionari Oxford and New World in Braille; Registratori con nastri; Libri letti)
- Strumenti musicali e accessori audio (chitarre, pianole, flauti dolci, microfoni, amplificatori, mixer, etc…)
- 1 generatore portatile
- 1 videoproiettore
- Abbigliamento e attrezzature sportive (palloni, etc…)
- 1 motosega
- 1 incubatrice
 

Note: AIFO accetta solo quanto specificato nel presente elenco in quanto non è attualmente necessario altro tipo di materiale. AIFO non è in grado di ritirare i materiali, che devono pervenire presso la sede di Bologna entro il 15 marzo 2006 (evidenziando “Container Liberia”). Per ogni informazione si prega di contattare Simona Venturoli della Divisione Progetti:
Tel. 051 4393222 E-mail: simona.venturoli@aifo.it
AIFO - Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau
via Borselli 4-6, 40135 Bologna

Articoli correlati

  • Giornata Mondiale del Rifugiato
    Migranti
    20 Giugno 1951

    Giornata Mondiale del Rifugiato

    L'Umanità messa in discussione
    19 giugno 2020 - Laura Tussi
  • Schede
    Breve scheda

    Raoul Follereau (1903- 1977)

    Fu promotore di un movimento di solidarietà con le vittime della lebbra e di lotta contro la lebbra. Incontrò i lebbrosi, li aiutò e per tutta la vita denunciò l'indifferenza nei confronti della loro condizione. Invitò i potenti della terra a convertire le spese militari per aiutare chi soffre
    Peppe Sini
  • Varese: progetto di assistenza sanitaria per immigrati
    Migranti
    L’ambulatorio è nato dall'impegno di un gruppo di volontari

    Varese: progetto di assistenza sanitaria per immigrati

    Sanità di Frontiera (SDF) è frutto di un' iniziativa autonoma di un  gruppo di volontari che, quando nel 2009 fu definito il "reato di clandestinità", immediatamente sorse dal nulla, sull'onda del forte sdegno provocato da questa aberrazione giuridica
    25 febbraio 2020 - Sanità di Frontiera
  • Lanciata una petizione online per chiedere il ripristino della scorta a Gennaro Ciliberto
    Sociale
    Denunciò il sistema degli appalti delle autostrade

    Lanciata una petizione online per chiedere il ripristino della scorta a Gennaro Ciliberto

    Nei giorni scorsi il drammatico appello del testimone di giustizia: "Sono nel mirino del clan D’Alessandro: hanno giurato di spararmi in testa"
    23 dicembre 2019
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)