Le violenze in Kenya colpiscono i partners AIFO: incendiata la sede a Korogocho

Koskobar-K, organizzazione umanitaria di Korogocho, partner del progetto AIFO, ha subito la distruzione del suo ufficio di coordinamento
25 febbraio 2008

Questa notte, intorno alle ore 3,00, gli uffici dell'organizzazione Koskobar-K, partner del progetto AIFO di Riabilitazione su base comunitaria a Korogocho (Kenya), sono stati dati alle fiamme nel corso di violenti disordini scoppiati nelle ore notturne. I partners dell'AIFO riferiscono che il palazzo in cui ha sede Koskobar-K era stato abusivamente occupato da un gruppo di dimostranti. La polizia è intervenuta per cacciare gli occupanti e reinsediare gli abitanti del palazzo. L'attacco della polizia ha scatenato una serie di atti di violenza che hanno prodotto l'incendio che ha distrutto gli uffici dell'organizzazione umanitaria. Una stima dei danni è tuttora in corso.

Koskobar-K (Koskobar Slum Community Based Rehabilitation - Kenya) è un'organizzazione comunitaria di autoaiuto, che riunisce 6 gruppi che operano nello slum di Korogocho a livello comunitario nel campo della disabilità. In particolare si occupano delle persone con disabilità fisiche e mentali, delle persone più povere e vulnerabili, definite persone con disabilità socio-economiche, compresi quelle che lavorano nella discarica e le donne sole; ed infine dei bambini, in particolare orfani e di strada. Fin dalla sua nascita, nel 2003, Koskobar-K è partner dell'AIFO nel progetto di riabilitazione su base comunitaria che comprende attività di sensibilizzazione sulla disabilità, diversi corsi di formazione professionale per gruppi femminili, il finanziamento di microprogetti per avviare attività generatrici di reddito (sartoria, merletterai, chioschi per la vendita dell'acqua potabile, calzoleria, lavorazione del cuoio) e il sostegno sociosanitario di un gruppo di ex-malati di lebbra.

Le violenze in corso a Korogocho vedono la contrapposizione tra gli abitanti delle aree di Grogan e Ngomongo. In molte zone il rischio di subire aggressioni è altissimo e agli abitanti di un'area è impedito di addentrarsi nell'area rivale.

Articoli correlati

  • Chiara Castellani è in Italia
    Kimbau
    Dottoressa e missionaria laica in Congo RD

    Chiara Castellani è in Italia

    Un impegno di solidarietà e di pace in difesa dei più poveri. Da oggi comincia il tour di conferenze e incontri con i gruppi locali di sostegno. Guarda il video e consulta il calendario degli appuntamenti e condividi sui social gli incontri programmati in Italia.
    16 novembre 2018 - Alessandro Marescotti
  • Appello di padre Alex Zanotelli ai giornalisti italiani: "Rompiamo il silenzio sull’Africa"
    Editoriale
    Si parla troppo poco dell'Africa

    Appello di padre Alex Zanotelli ai giornalisti italiani: "Rompiamo il silenzio sull’Africa"

    Riproponiamo l'appello che padre Zanotelli fece ai giornalisti italiani il 18 luglio 2017 perché lo riteniamo ancora più attuale ora dopo il vertice europeo del 29 giugno e ancora di più dopo la strage dello stesso giorno in cui sono morti tre lattanti e almeno cento migranti mentre le ONG erano ferme nei porti per scelta del governo italiano e degli altri Paesi mediterranei
    30 giugno 2018 - Redazione PeaceLink
  • Il nostro vicino nucleare
    Disarmo

    Il nostro vicino nucleare

    La così detta Françafrique è ancora oggi il pilastro del neocolonialismo francese e della sua stessa grandezza economico/militare
    11 maggio 2018 - Rossana De Simone
  • Pace
    Diritto alla salute e cittadinanza globale

    Chiara Castellani

    L'Agenda Onu 2030 riporta fra gli obiettivi il diritto alla salute e la lotta alle diseguaglienze, alla povertà, alla fame. Tutte cose per le quali Chiara Castellani ha dedicato la sua vita prima in America Latina e poi in Africa
    16 dicembre 2016 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)