Niente di nuovo sul menù elettorale italiano

23 gennaio 2013
Mark Duff
Fonte: BBC News - 10 gennaio 2013

Quando gli Italiani voteranno il 24/25 Febbraio saranno una tra le popolazioni più vecchie del mondo a dover scegliere tra dei candidati politici parimenti anziani. Saranno in grado di far fronte alla difficile situazione del Paese?

Silvio Berlusconi con il suo delfino Angelino Alfano

L’elezione sarebbe l’occasione giusta per una ventata d’aria fresca, dopo che la tempesta finanziaria globale del 2008 ha svelato la sclerosi economica e politica del paese.

Uno studio dell’Università Bocconi di Milano ha riscontrato che l’età media dei legislatori Italiani si aggira intorno ai 54 anni – in aumento rispetto ai 49 della metà degli anni ‘70. Solo la Francia, tra le maggiori democrazie Europee, ha rappresentanti più anziani.

Beppe Grillo – autoproclamatosi l’anticristo della politica Italiana – dice con tipiche parole dissacranti : “Sono stati presi in contropiede; stanno pianificando un futuro che non vedranno mai”.

Ci sono dei giovani che sembrano più vecchi della loro età e uomini e donne più anziani che invece hanno una mentalità ancora giovane e aperta a nuovi modi di pensare.

Il rovescio della medaglia è che i giovani italiani sono decisamente poco rappresentati. Pier Luigi Bersani, ex comunista, leader del partito politico più grande d’Italia, il Partito Democratico (PD), in testa nella corsa elettorale, è a 61 anni il ‘bambino’ di questa banda gerontocratica.

Silvio Berlusconi, leader del partito del centro-destra, Il Popolo della Libertà, ha 76 anni e, nonostante la chirurgia plastica, inizia a mostrare i suoi anni.

Il centrista Mario Monti, con la testa ancora stordita dagli applausi ricevuti per aver salvato l’Italia da un destino peggiore di quello della Grecia, compie 70 anni a Marzo.

Il trionfo dell’Apparatchik

Solo pochi mesi fa la gerontocrazia sembrava seriamente intenzionata a cedere il passo alle nuove generazioni e per un pò si credeva che l’impertinente di turno fosse pronto a fare il salto.

Matteo Renzi, sindaco di Firenze, fu descritto come il potenziale Tony Blair Italiano. Sfacciatamente ambizioso ma calmo, acuto, telegenico e, a 37 anni, indubbiamente giovanile.

Il vecchio apparatchik Bersani però lo ha battuto di gran lunga nella corsa alla guida del PD, lasciando il giovane pretendente a far la figura dell’indesiderato regalo di Natale: un cucciolo abbandonato fuori tra la spazzatura.

Non è a caso che il Signor Berlusconi abbia voluto gettarsi nella mischia politica, benchè in precedenza avesse accennato al fatto che anche lui era pronto a passare la mano a qualcuno più giovane.

"L’errore più grande di Renzi è stato credere di poter arrivare al potere giocandosi la carta dell’età" ha commentato Massimo Franco del Corriere della Sera. "Ci sono giovani che sembrano più vecchi della loro età e uomini e donne che invece hanno una mentalità giovane e aperta a nuovi modi di pensare", dice Franco. Cita il caso del più recente legittimo erede di Berlusconi, Angelino Alfano. Alfano ha solo 42 anni ma sembra vecchio e pensa da vecchio. Mario Monti, invece, che potrebbe essere un settuagenario in erba è sempre fedele a sè stesso e sempre pronto ad accogliere nuove idee. (La questione dei capelli fa la sua parte, ovviamente, in questo paese vanitosissimo: Alfano sta già diventando calvo mentre Monti sfoggia un’illustre zazzera di capelli grigi.)

Impulso conservatore

Il Professor Ferrara è Professore Ordinario di Politiche Sociali presso l’Università di Milano. I politici di oggi, dichiara, sono il prodotto degli anni del dopoguerra quando i partiti di qualsiasi credo politico puntavano lo sguardo ai modelli autocratici: la Sinistra all’ Unione Sovietica e il centrodestra al Vaticano.

“Non ci sono papi giovani

“Non ci sono papi giovani,” dichiara. “Questa è una cultura – da entrambe le parti – che premia l’età, l’infinita dedizione e la lealtà.”

Aggiungeteci anche il persistere di una cultura familiare tradizionale e patriarcale, spiega il Prof. Ferrera, unito a un sistema pensionistico che inghiotte enormi somme di denaro che potrebbero invece essere utilizzate per promuovere la mobilità sociale, e si finisce con una società nella quale i giovani dipendono dai più anziani dalla culla fino quasi alla tomba. “Tutto dipende da chi conosci, non da quello che sai, dice. “Il conservatorismo è strettamente legato alla politica e la gerontocrazia ne è il risultato finale.”

Franco lo definisce “il peccato originale dell’Italia” – l’origine del conformismo e la mancanza di dinamismo che soffocano quanto di meglio l’Italia ha da offrire e lasciano il potere in mano agli anziani. La generazione perduta Italiana – i 24/40enni che hanno una minima speranza di avere una casa loro o un lavoro decente – potrebbe però prendersi la rivincita.

Beppe Grillo – lui stesso non più un giovanotto a 64 anni ma pieno di idee per una democrazia guidata dai cittadini – sta aspettando in sordina il suo turno, pronto ad approffittare di una probabile protesta di dimensioni senza precedenti.

In alternativa, i delusi potrebbero addirittura non scomodarsi a votare.

Tradotto da Marika Romano per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.

Articoli correlati

  • La svolta euro ambientalista del governo giallo rosso non basta
    Europace
    Sul governo M5S, PD, Leu

    La svolta euro ambientalista del governo giallo rosso non basta

    Il segretario del PD Nicola Zingaretti ha chiesto discontinuità rispetto al governo precedente. Discontinuità che non ha avuto sul nome del presidente del Consiglio ma l'ha ottenuta su due punti che sono di fondamentale importanza per il nostro futuro: l'Europa e i cambiamenti climatici.
    5 settembre 2019 - Nicola Vallinoto
  • Un governo per gestire le emergenze climatica e democratica
    Editoriale
    Sulla crisi di governo

    Un governo per gestire le emergenze climatica e democratica

    Chiunque si assumerà la responsabilità di governare il Bel Paese dovrà fare i conti con le richieste del movimento sui cambiamenti climatici promosso da Greta Thumberg e con l’esigenza di invertire il ruolo egemonico dell’economia rispetto alla politica.
    16 agosto 2019 - Nicola Vallinoto
  • Il grande problema del M5s è stato il rapporto con la verità e con i movimenti
    Editoriale
    Crisi di governo, adesso molti pentastellati temono la disfatta elettorale

    Il grande problema del M5s è stato il rapporto con la verità e con i movimenti

    Il M5s non ha saputo mantenere un'alleanza con quei movimenti che si battevano per il disarmo, l'ecologia e le opere inutili voluti dalle lobby. Ma soprattutto sono state raccontate cose non vere pur di giustificare arretramenti e scelte diverse, sposando la campagna di Salvini contro le ONG
    9 agosto 2019 - Alessandro Marescotti
  • "Un'insurrezione nonviolenta per far cessare la strage degli innocenti"
    Migranti
    Appello di Peppe Sini a favore nei migranti e di chi li soccorre

    "Un'insurrezione nonviolenta per far cessare la strage degli innocenti"

    E' stato lanciato un appello per ripristinare la vigenza della Costituzione repubblicana. "Il razzismo - scrive Peppe Sini - e' un crimine contro l'umanita'. Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignita', alla solidarieta'. Salvare le vite e' il primo dovere".
    6 agosto 2019 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.27 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)