Dopo il voto referendario

"Basta con la guerra civile e ideologica, basta con la polemica"

Ieri sera Renzi ci ha detto ancora una volta che esercitare la democrazia equivale a condurre "una vecchia battaglia ideologica e politica". Ce l'ha con il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e con le tante associazioni che hanno animato la campagna referendaria
18 aprile 2016
Antonia Battaglia

"L'Italia torni a fare l'Italia".

La conferenza stampa di Renzi (di ieri sera) poteva essere una canzone di Tiziano Ferro, ma purtroppo non lo è.

La sgridatina al popolo comincia con la lista delle crisi occupazionali (sottotitolo: crisi volute da voi, popolo che volete bloccare petrolio e sviluppo).

Ci cita, noi che abbiamo l'Ilva, "la madre di tutte le crisi". Vuol far pensare che "sta con noi". Michele Emiliano

Ce l'ha con il Presidente Michele Emiliano (l'ho "intravisto" tra le sue parole almeno 4 volte; Renzi deve aver visto la faccia di Emiliano su ogni scheda elettorale che ha immaginato, tutto il giorno, un'apparizione dietro l'altra ...).

Ce l'ha con "gli addetti ai lavori", le associazioni, con chi, non avendo la stampa nazionale a portata di pubblicazione, usa facebook e twitter per diffondere "demagogia".

Noi, popolo contro le trivellazioni, siamo tutti demagogici.

Un messaggio di divisione e odio quello di ieri sera. Gravissimo. Non certo il messaggio di un primo ministro che trae conclusioni (civili) sull'espressione di voto o di non voto del popolo che rappresenta.

Renzi ieri sera ci ha detto ancora una volta che esercitare la democrazia equivale a condurre "una vecchia battaglia ideologica e politica".

"Basta con la guerra civile e ideologica", dice, "basta con la polemica".

E conclude con un tocco veramente geniale, ci si chiede chi gli scriva i discorsi: "Le Regioni che vogliono erigersi a difensori del mare non si dimentichino dei depuratori".

Petrolio=Depuratori.

Sicuro sicuro Renzi?

Articoli correlati

  • Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione
    Sociale
    Referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari del 20 e 21 settembre

    Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione

    Non crediamo nei finti risparmi che nascondono gli enormi sprechi della spesa militare e del finanziamento delle milizie libiche per deportare migranti
    7 settembre 2020
  • Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia
    Sociale
    Nel linguaggio giuridico un "vulnus" è l'offesa di un diritto

    Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia

    Occorre domandarsi se un risparmio di spesa incerto, e scarsamente incidente sui costi della politica, costituisca un vantaggio tanto significativo da giustificare gli effetti distorsivi che la riforma rischia di determinare sulla democrazia, sulla rappresentanza politica e sul pluralismo.
    5 settembre 2020 - Area democratica per la giustizia
  • Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari
    Sociale
    Una richiesta alle persone amiche

    Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari

    Vorrei chiedervi di fare cinque cose che mi sembrano necessarie ed urgenti per contrastare la disinformazione e la manipolazione che probabilmente determinerebbero l'esito del referendum in assenza di un'azione di documentazione e coscientizzazione.
    3 settembre 2020 - Peppe Sini
  • Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte
    Sociale
    Riduzione da 630 a 400 deputati e da 315 a 200 senatori

    Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte

    Dobbiamo chiederci: avere meno rappresentanti ci consentirà di far sentire meglio la nostra voce quando chiederemo giustizia sociale, investimenti, distribuzione equa delle risorse, un lavoro e una vita decente per tutti?
    25 agosto 2020 - Domenico Gallo
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)