Dopo il voto referendario

"Basta con la guerra civile e ideologica, basta con la polemica"

Ieri sera Renzi ci ha detto ancora una volta che esercitare la democrazia equivale a condurre "una vecchia battaglia ideologica e politica". Ce l'ha con il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e con le tante associazioni che hanno animato la campagna referendaria
18 aprile 2016
Antonia Battaglia

"L'Italia torni a fare l'Italia".

La conferenza stampa di Renzi (di ieri sera) poteva essere una canzone di Tiziano Ferro, ma purtroppo non lo è.

La sgridatina al popolo comincia con la lista delle crisi occupazionali (sottotitolo: crisi volute da voi, popolo che volete bloccare petrolio e sviluppo).

Ci cita, noi che abbiamo l'Ilva, "la madre di tutte le crisi". Vuol far pensare che "sta con noi". Michele Emiliano

Ce l'ha con il Presidente Michele Emiliano (l'ho "intravisto" tra le sue parole almeno 4 volte; Renzi deve aver visto la faccia di Emiliano su ogni scheda elettorale che ha immaginato, tutto il giorno, un'apparizione dietro l'altra ...).

Ce l'ha con "gli addetti ai lavori", le associazioni, con chi, non avendo la stampa nazionale a portata di pubblicazione, usa facebook e twitter per diffondere "demagogia".

Noi, popolo contro le trivellazioni, siamo tutti demagogici.

Un messaggio di divisione e odio quello di ieri sera. Gravissimo. Non certo il messaggio di un primo ministro che trae conclusioni (civili) sull'espressione di voto o di non voto del popolo che rappresenta.

Renzi ieri sera ci ha detto ancora una volta che esercitare la democrazia equivale a condurre "una vecchia battaglia ideologica e politica".

"Basta con la guerra civile e ideologica", dice, "basta con la polemica".

E conclude con un tocco veramente geniale, ci si chiede chi gli scriva i discorsi: "Le Regioni che vogliono erigersi a difensori del mare non si dimentichino dei depuratori".

Petrolio=Depuratori.

Sicuro sicuro Renzi?

Articoli correlati

  • Di Maio: "Aveva deciso il vecchio governo, non potevamo fare altrimenti"
    Ecologia
    Autorizzazioni rilasciate dal Mise per cercare idrocarburi nel Mar Ionio

    Di Maio: "Aveva deciso il vecchio governo, non potevamo fare altrimenti"

    Il Movimento NoTriv: "Il voltafaccia del governo è servito, la polvere è tale da non poter essere più nascosta sotto i tappeti". Critiche da Angelo Bonelli (Verdi). Michele Emiliano (Presidente Regione Puglia): "Delusione grandissima, ipocrisia di governo". Di Maio travolto dalle critiche su Facebook
    6 gennaio 2019 - Alessandro Marescotti
  • Notriv contro governo e M5s
    Ecologia
    Ricordate il referendum sulle trivellazioni? Il M5s dichiarava di volerle fermare. Adesso invece no

    Notriv contro governo e M5s

    Le associazioni Notriv contestano il nuovo approccio pentastellato finalizzato a ‘monetizzare il danno’. E aggiungono: “L’on. Liuzzi (M5s) si è ben guardata dal proporre un aumento royalties dell’80%. In proporzione addirittura uno stabilimento balneare paga molto di più di una società petrolifera”.
    1 dicembre 2018 - Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    Referendum costituzionale del 4 dicembre

    Voto no per tutelare l'ambiente per le future generazioni

    Con la modifica dell’art.117 si arriva ad una concentrazione nelle esclusive “mani“ del governo le autorizzazioni su porti, infrastrutture, energia, inceneritori eliminando qualsiasi possibilità di partecipazione delle comunità e dei governi locali nelle decisioni. Non è un caso che le lobby del petrolio e Confindustria si siano schierate per il Sì. Proprio il presidente di Confindustria Boccia al convegno di Comunione e Liberazione dell’estate scorsa motivava il Sì al referendum non per ragioni politiche ma economiche. E’ qui la sostanza, per nulla segreta, della riforma: far ripartire l’Italia piegando l’ambiente e la sua tutela a quelle logiche che vorrebbero il nostro paese essere terra di conquista per cementificatori, asfaltatori e petrolieri.
    2 dicembre 2016 - Angelo Bonelli
  • Le ragioni del NO alla riforma costituzionale - con Vittorio Agnoletto, Lucrezia Ricchiuti, Loris Maconi, Alessandro Braga
    Pace
    REFERENDUM

    Le ragioni del NO alla riforma costituzionale - con Vittorio Agnoletto, Lucrezia Ricchiuti, Loris Maconi, Alessandro Braga

    Organizza Il Comitato ANPI e aderenti del NO alle Modifiche Costituzionali di Nova Milanese
    21 ottobre 2016 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.10 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)