Un protagonista della resistenza nonviolenta italiana

Riconoscimenti di Paolo Sabbetta

Medaglia d'oro, Onorificenza, Cittadinanza onoraria
21 novembre 2008
Mirella Belsanti
Fonte: Documentazione originale

Paolo Sabbetta ha ottenuto dei riconoscimenti personali, tra i più significativi annoveriamo la Medaglia commemorativa per il servizio prestato in Libia, l'Onorificenza di Cavaliere Al merito della Repubblica Italiana per aver salvato venti uomini dalla deportazione, la lapide affissa presso la Tenuta di Tormancina e la cittadinanza onoraria del comune di Monterotondo.

Medaglia commemorativa per il servizio militare prestato in Libia

Onorificenza di Cavaliere Al merito della Repubblica italiana conferita a Paolo Sabbetta Targa commemorativa affissa nell'edificio della Direzione di Tormancina inaugurata il 6 luglio 2008

6 Luglio 2008 Cittadinanza onoraria rilasciata a Sabbetta  dal Comune di Monterotondo (Riconoscimenti di Paolo Sabbetta)

 

Articoli correlati

  • Gli orrori di Piacenza
    Pace
    Un appello

    Gli orrori di Piacenza

    Gli orrori commessi da alcuni carabinieri a Piacenza confermano una volta di piu' la necessita' e l'urgenza che tutte le persone appartenenti alle forze dell'ordine siano formate alla nonviolenza.
    25 luglio 2020 - Peppe Sini
  • L'esempio di Duccio Galimberti
    Pace
    Una riflessione

    L'esempio di Duccio Galimberti

    Arrestato dai fascisti, il 28 novembre 1944, seviziato e ridotto in fin di vita, non parla. Viene fucilato il 4 dicembre 1944.
    25 luglio 2020 - Laura Tussi
  • La strage di Reggio Emilia
    Pace
    Dopo questi orribili fatti il governo Tambroni si dimise

    La strage di Reggio Emilia

    Partigiani e operai assassinati nella strage del 7 luglio 1960: fu un cortocircuito tra la società civile e antifascista e le istituzioni
    6 luglio 2020 - Laura Tussi
  • L'eccidio di Fondotoce del 20 giugno 1944
    Pace
    Fondotoce è una frazione di Verbania in Piemonte, lì sorge il “Parco della Memoria e della Pace”

    L'eccidio di Fondotoce del 20 giugno 1944

    Vennero fucilati 43 partigiani vicino al canale che congiunge il Lago di Mergozzo al Lago Maggiore. Ogni vittima ha donato la vita per la Pace e i diritti umani. Ora spetta a noi non vanificare il loro sacrificio e proprio per questo non li possiamo dimenticare.
    19 giugno 2020 - Laura Tussi e Fabrizio Cracolici
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)