Analisi del libro del filosofo John Rawls

"Hiroshima, non dovevamo"

Il guaio grave e' che negli Stati Uniti ancora prevale la tesi ufficiale che giustifico' accanitamente le bombe di Hiroshima e Nagasaki. Clinton disse: "Truman ha fatto quel che si doveva fare". La maggioranza degli americani riteneva che gli Usa non dovessero presentare scuse al Giappone.
6 agosto 2021
Peppe Sini

Peace is the answer: la pace è la risposta

Rawls, entro i vecchi limiti dello jus in bello (regole da rispettare nella guerra), proponeva sei principi o postulati che impegnano "una societa' democratica decente".

Li riassumo:

1) lo scopo di una guerra giusta e' una pace giusta e duratura anche coi nemici del momento (osservo che lo stesso chiede Kant, Per la pace perpetua, VI articolo preliminare);

2) una societa' democratica combatte soltanto contro uno stato non democratico, espansionista, minaccioso;

3) nella guerra contro un tale nemico, una societa' democratica distingue attentamente tra governanti, soldati, popolazione civile e considera responsabili della guerra soltanto i primi;

4) una societa' democratica rispetta i diritti umani dei nemici, sia civili che militari, primo perche' sono sempre membri della societa' umana, secondo per insegnare loro con l'esempio, percio' non li attacca mai direttamente salvo che in caso di crisi estrema;

5) i popoli giusti devono prefigurare, durante la guerra, il tipo di pace e di rapporti internazionali a cui mirano (cfr. Kant citato);

6) la valutazione pratica dell'opportunita' di un'azione deve sempre essere severamente limitata dai principi suesposti.

Si puo' dedurre dall'insieme che non furono veri "uomini di stato" ne' quelli che imposero alla Germania nel 1919 la pace punitiva di Versailles, culla del nazismo, ne' quelli che decisero l'uso dell'atomica. Hiroshima - dice Rawls ed e' ormai accertato - non configurava il caso di crisi estrema; Truman e Churchill, che non rispettarono quei limiti alla conduzione della guerra, non furono veri "uomini di stato"; Truman e' "fallito come uomo di stato" (p. 31); sia Hiroshima che i bombardamenti incendiari sulle citta' giapponesi o su Dresda furono "gravi torti" e "gravi errori" (p. 29). I governanti non ebbero tempo per riflettere, la guerra impedisce di pensare.

E' cio' che il pensiero della pace afferma: la guerra non continua la politica, ma la nega. E nega la democrazia.
Dobbiamo infatti dedurre (pur distinguendo fra i loro governanti e la societa' civile, da cui vennero subito alcune condanne dell'uso dell'atomica: v. p. 46), che gli Stati Uniti non furono "una societa' democratica decente" in quella circostanza che ha determinato la storia universale successiva.

Il guaio grave e' che ancora nel 1995 la tesi ufficiale giustifico' accanitamente le bombe di Hiroshima e Nagasaki. Clinton concluse: "Truman ha fatto quel che si doveva fare". Il 76% degli
americani (84% oltre i 65 anni) riteneva che gli Usa non dovessero presentare scuse al Giappone.


Articoli correlati

  • "Gli esseri umani vivono sotto l'incubo di un uragano atomico"
    Storia della Pace
    Dall'enciclica "Pacem in terris" di papa Giovanni XIII

    "Gli esseri umani vivono sotto l'incubo di un uragano atomico"

    Il Papa scriveva nel 1963: "Giustizia, saggezza ed umanita' domandano che venga arrestata la corsa agli armamenti, si riducano simultaneamente e reciprocamente gli armamenti gia' esistenti, e si mettano al bando le armi nucleari".
    6 agosto 2021 - Redazione PeaceLink
  • Il nuovo Hibakusha
    Editoriale
    Ma la storia continua, come i danni e le sofferenze per tutti i test nucleari succeduti negli anni.

    Il nuovo Hibakusha

    Una piccola notizia che passa in secondo piano, mentre commemoriamo il bombardamento di Hiroshima il 6 agosto di 76 anni fa. Che però ribalta l’anniversario al di là del solo ricordo storico e lo riporta ancora una volta alla sua concretezza.
    6 agosto 2021 - Roberto Del Bianco
  • Un minuto di silenzio contro le bombe atomiche
    Pace
    Comunicato del MIR nell’anniversario delle bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki

    Un minuto di silenzio contro le bombe atomiche

    Anche quest’anno tutti quanti ripetono: “Non deve mai più succedere”. Ma la minaccia atomica permane, perché ancora 13.000 testate nucleari sono pronte a distruggere le città come fu per Hiroshima e Nagasaki. Per questo sosteniamo il Trattato dell’ONU di proibizione delle armi nucleari (TPAN).
    6 agosto 2021 - Pierangelo Monti
  • A Palermo l’intestazione di una via ad Hiroshima e Nagasaki
    Pace
    In occasione dell’anniversario dei bombardamenti atomici sul Giappone

    A Palermo l’intestazione di una via ad Hiroshima e Nagasaki

    “L’intestazione di una via ad Hiroshima e Nagasaki - dichiara il portavoce della Consulta della pace Francesco Lo Cascio - è ancor più importante vista la partecipazione del sindaco e della città alla rete internazionale di 'Mayors for Peace', promossa dal sindaco di Hiroshima".
    5 agosto 2021 - Antonella Di Maggio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)