Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Aspettando una soluzione

Sull'accordo tra Sindacati ed Ilva sulla sicurezza dei lavoratori
21 giugno 2005
Gianluca Scafa

“Non posso che esprimere soddisfazione per l’accordo tra sindacati ed Ilva sulla sicurezza dei lavoratori… il rispetto della vita deve essere sempre e comunque garantito”

Chi ha scritto queste parole?

A)Un rappresentante della grande industria
B) un cittadino di Taranto
C) Un uomo delle istituzioni

Concetti ridondanti, soddisfazione solo in parte condivisibile se si entra nel merito dell’accordo e negli aspetti tecnici degli interventi previsti per ottenere un livello accettabile di sicurezza sul posto di lavoro.
Non voglio entrare nel merito di questo accordo, non ne avrei i mezzi e le competenze ma mi è bastato leggere qualche breve riflessione per comprendere quanto piccolo sia questo passo per il quale il Presidente della Provincia esprime una cosi grande soddisfazione.

Ma ormai la soddisfazione è da tempo che regna sovrana su tutto quello che riguarda l’ilva di Taranto.
Una azienda dei primati l’Ilva: gli incidenti sul lavoro, le malattie professionali, l’inquinamento ambientale, la dimensione operativa, l’estensione territoriale, la vicinanza alla città, i processi penali a carico della dirigenza, questi i primati dell’azienda.

In un contesto del genere, esprimere soddisfazione per un progetto che vede alzare l’intervento medio antinfortunistico ad un minuto e otto secondi al giorno per dipendente sembra essere uno scherzo di cattivo gusto; il risultato è che si distoglie l’attenzione da una questione che è ai limiti dell’accettabilità.
A Taranto il tempo si è fermato e non si riesce a venire a capo di nulla.
C’è una azienda che porta avanti il proprio progetto privato spesso scavalcando la stessa dignità di lavoratori e cittadini, c’è una amministrazione locale e provinciale che non ha la forza di tracciare un percorso di alternative e nemmeno un valido progetto di rispetto dei cittadini, una amministrazione Regionale che, ormai insediata, non da seguito a quello che è stato uno dei punti salienti della campagna elettorale del Presidente Vendola.

L’invito che rivolgo alle Amministrazioni, tutte, con il cuore di cittadino di Taranto, poiché non pare ci siano i mezzi per essere risolutivi rispetto ai principali problemi di questa città, è che ci lascino almeno stare nel nostro dolore e con i nostri problemi senza offrirci sorrisi e strette di mano e passerelle che in qualche modo rappresentano una offesa al comune buon senso.

Distinti saluti al Sindaco Rossana Di Bello, al Presidente Gianni Florido, al Presidente Vendola.
Tre politici, tre uomini che non avranno il mio voto, la mia attenzione e quella di molti cittadini finché non prenderanno decisioni RISOLUTIVE per la questione ambientale e per la tutela dei lavoratori.

Gianluca Scafa

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    Ci costituiamo in base all'art. 11 della nostra Carta Costituzionale: "L'Italia ripudia la guerra"

    Documento del Comitato per la Pace di Taranto

    Sabato 26 febbraio saremo in presidio a Taranto esprimendo la nostra preoccupazione per l'escalation militare. Chiediamo all'Italia e all’Europa di adoperarsi diplomaticamente per evitare il conflitto. Diciamo no all'estensione della Nato all'Ucraina e a nuove armi nucleari Usa in Europa.
    21 febbraio 2022 - Comitato per la Pace di Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)