Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Brindisi-Rigassificatore-Taranto

500 ml di euro, 80 posti di lavoro diretti, 350 nell'indotto...
Il rigassificatore è una grande opportunità?
23 maggio 2006
Gianluca Scafa

“Il rigassificatore per noi non è la ‘mano del diavolo’, ma è in contraddizione con il tipo di sviluppo che vogliamo portare avanti per la crescita della città. Pertanto continueremo a muoverci nella direzione del NO, nell’esclusivo interesse della popolazione cittadina"

Questa la motivazione portata dal Sindaco di Brindisi

Per motivare ulteriormente la posizione del Comune di Brindisi, il presidente della Provincia, ha regalato al prefetto di Brindisi un dvd sui rischi dell'impianto di rigassificazione. Il dvd si intitola "Un'altra Brindisi è possibile"…………. anch’egli prende l’impegno per una scelta volta alla valorizzazione di altri tipi di sviluppo.

Si è detto molto sulla pericolosità dell’impianto in un contesto di già grave emergenza ambientale e sulla violazione dell’interesse, di tutti noi, ad essere informati su quelle che sono scelte importanti per la comunità;
chiediamoci pure quali le ragioni che hanno spinto, l’uscente Amministrazione comunale e l’attuale presidenza della Provincia, ad accettare questo evento come una opportunità di crescita del territorio.

Mettendo da parte facili giudizi, potrebbe ipotizzarsi che le attuali Amministrazioni, locale e provinciale, brancolino nel buio, incapaci di proporre alternative alle attuali forme di sviluppo del nostro territorio?
Forse paghiamo il prezzo di una scelta politica facile, quella che produce risultati e subito, invece di godere di un progetto serio ed ambizioso, volto a favorire uno sviluppo equo, rispettoso cioé dei diritti alla sicurezza, alla vita. Le scelte fatte in tutti gli ambiti che vedono un impatto sul trinomio Ambiente-Salute-Sviluppo pare siano dettate da questa logica.

Può essere una buona ragione, insieme a tutte le altre, per aderire, senza esitazione, al NO per il rigassificatore?
Credo di si; cosi come potrebbe essere Ragione sufficiente per mandare a casa coloro che trattano il nostro territorio con troppa leggerezza e disattenzione.

E’ veramente arrivato il tempo di assumersi la responsabilità di scelte importanti, forse rischiose, forse troppo a lungo termine per poterne vivere i benefici; sicuramente, unico modo per creare i presupposti che oggi mancano…. Chi ci potrà riuscire!!!

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    Ci costituiamo in base all'art. 11 della nostra Carta Costituzionale: "L'Italia ripudia la guerra"

    Documento del Comitato per la Pace di Taranto

    Sabato 26 febbraio saremo in presidio a Taranto esprimendo la nostra preoccupazione per l'escalation militare. Chiediamo all'Italia e all’Europa di adoperarsi diplomaticamente per evitare il conflitto. Diciamo no all'estensione della Nato all'Ucraina e a nuove armi nucleari Usa in Europa.
    21 febbraio 2022 - Comitato per la Pace di Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)