Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Viaggio di notte,

Il fumo denso dell'Ilva, Assessore Losappio, faccia qualcosa di sinistra!

Lettere al Direttore Generale dell'Arpa Puglia e all'Assessore Losappio
19 luglio 2007
Teo Dura e Fiorella Sallustio

18072007 Abito a Taranto, ma lavoro a Bari, con orari di lavoro distribuiti su tre turni (purtroppo trattasi di lavoro stagionale, nonostante i miei 43 anni!). Ogni giorno, per recarmi sul posto di lavoro e per rientrare a casa, percorro, alla guida della mia auto, la Strada Statale TA-BA. Da sempre, quando transito nei pressi dello Stabilimento ILVA, ho preso la buona abitudine di serrare i finestrini ed ogni altra presa d'aria dell'auto. Tuttavia ieri sera, nonostante le suddette precauzioni, mentre rientravo a casa, intorno alle ore 23,00, ho avvertito un'apprezzabile irritazione alla gola e agli occhi, dovuta ad un fumo denso ed acerrimo che si sprigionava appunto dagli impianti dell'ILVA. Per quel che mi riguarda non è la prima volta che accade (circa 40 giorni fa, per esempio, ho assistito ad una coloratissima ed intensa fumata di color rosso mattone!), ma ho notato, in relazione agli orari in cui viaggio, che le emissioni più intense avvengono o, intorno alle 23,00, o alle 04,30, cioè verosimilmente, nelle ore notturne. Mi chiedo, e interrogo soprattutto gli Enti e le Pubbliche Amministrazioni, quando si prenderanno i dovuti provvedimenti, affinché si possa rendere questa città più vivibile dal punto di vista della qualità ambientale. SOTTOLINEO: non auspico che si chiuda lo Stabilimento (vivo sulla mia persona le problematiche immense legate all'assenza di lavoro), ma che siano prese tutte le misure, degne di un paese civile, atte a limitare, ove possibile, ogni forma di inquinamento, a tutela dell'ambiente e soprattutto della salute pubblica, altrimenti oltre ai fumi dell'ILVA, ci toccherà sopportare, come ahimè succede da diversi anni, anche i "fumi" prodotti dai vari "bla-bla" e "quale futuro" dei nostri politici, e sinceramente mi sembra un po' troppo.

Teo Dura
Taranto

-------------------------------------------------------------

Le scrivo da Taranto, la Città che più di altre oggi necessita del suo sostegno e della sua attenzione. Conosce bene i gravi problemi che affliggono il capoluogo ionico e per molti di questi, magari negli anni passati, si è animato, indignato, infervorato promettendo che un giorno entrando nella “stanza dei bottoni” avrebbe cercato con impegno e caparbietà di cambiare questo stato di cose. Se penso alla sua storia come militante di rifondazione comunista, posso immaginare i temi che l’hanno appassionata, penso alle lotte per l’uguaglianza e la giustizia sociale, le lotte al fianco della classe operaia, dei più deboli,la difesa dell’ambiente, il rispetto della natura. Gli ideali più nobili, insomma, che hanno caratterizzato la storia della sinistra italiana. Oggi molti suoi amici e compagni sono diventati personaggi pubblici, compreso Lei. Personalità che ricoprono ruoli di primo piano, a livello regionale, provinciale ma anche nazionale. Una situazione ideale per lavorare in sintonia a tutti i livelli istituzionali e per garantire l’attuazione di politiche di reale cambiamento nella nostra regione. Ma, ahimè, qualcosa per la mia amata Taranto sembra non girare per il verso giusto. Nella nostra città il dibattito ambientale è sempre più acceso, al cospetto di un inquinamento ormai insostenibile anche a livello sanitario. L’Arpa ha finalmente mosso i suoi primi passi al fianco della città, ma il silenzio dell’assessore regionale stride non poco col grido di allarme della nostra comunità. Ho appreso dal sito della Regione che giorno 20 Luglio è stato programmato un importantissimo incontro per la presentazione del programma anti-inquinamento atmosferico della Puglia che vedrà la partecipazione delle più illustri personalità del settore, dal ministro Pecoraro Scanio, al sottosegretario Laura Marchetti, passando per l’Assessore all’Ecologia Michele Losappio. Non riesco a nascondere il mio disappunto per la scelta della sede che rimane Brindisi e non Taranto. Non me ne vogliamo gli amici di Brindisi, ma questa volta la Regione avrebbe potuto e dovuto muoversi diversamente, rendendo chiaro a tutti che la Regione è al fianco della città più colpita in Europa in termini di inquinamento atmosferico. E’ da qui che la Regione avrebbe dovuto dare il simbolico inizio al cambiamento. Ma niente, addirittura non si è pensato di invitare al tavolo sull’ambiente neppure le maetranze del nostro territorio, pur essendo Brindisi a pochissimi chilometri di distanza da qui. Ma forse Taranto e i tarantini possono ancora aspettare e patire. Che dire della sede e del personale di cui dispone la sezione Arpa di Taranto. Che io ricordi, nessuna azione concreta è stata intrapresa dal suo Assessorato per migliorare una situazione che oserei definire umiliante. Nelle prossime settimane, il Ministero dell’Ambiente sarà chiamato a rilasciare l“autorizzazione integrata ambientale” (AIA), vale a dire le autorizzazioni alle emissioni inquinanti per aziende come l’Ilva e l’Eni, stabilendo limiti e prescrizioni che condizioneranno le nostre vite per gli anni a venire. Visti gli assurdi squilibri che caratterizzano la legge italiana oggi in vigore, che consente ai grossi insediamenti industriali di inquinare 10.000 volte di più di un inceneritore di rifiuti urbani, invito Lei e il suo entourage a spendersi in difesa del rispetto della vita in Puglia e in particolare a Taranto. Per dirla come un noto attore italiano: Assessore Losappio faccia qualcosa di sinistra! Cordialmente

Fiorella Sallustio
Taranto

Articoli correlati

  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)