Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Prosegue il dibattito sull'ambiente avviato dal Procuratore, Franco Sebastio

"Azienda siderurgica e città: Un rapporto sbilanciato"

22 luglio 2007
Luisa Campatelli
Fonte: corgiorno

19072007 Che il rapporto tra città e Ilva sia sbilanciato è fuori discussione. Ed è anche abbastanza evidente che i conflitti e le tensioni che caratterizzano il sofferto legame con la grande industria dipendono anche dall’incapacità delle istituzioni(politiche innanzitutto) di far valere diritti prioritari e non negoziabili come quelli alla salute e alla sicurezza. Se Riva ha tutto l’interesse a far prevalere la logica della produttività, a spaventare e rendere impotenti i suoi interlocutori sventolando lo spauracchio dei licenziamenti, è anche vero che se l’imprenditore si fosse trovato di fronte gente ferma e decisa sulle cose da chiedere e ottenere, le trattative fin qui svolte avrebbero avuto ben altro esito e oggi non dovremmo ancora domandarci se sia giusto pagare un prezzo così alto in cambio di 13mila stipendi (non tutti tarantini è ovvio).

E non dovremmo amaramente constatare che, perdonate la forzatura, se i rubinetti sono a secco è anche colpa dell’Ilva che per i suoi impianti usa la stessa acqua che i pugliesi adoperano per bere. O più correttamente è colpa di chi, ai tavoli concertativi, non ha preteso che l’azienda si dotasse di un sistema utile a evitare questa situazione. Il risultato dell’inadeguatezza del lavoro fin qui svolto in nome e per conto della città da chi ha avuto ed ha ruoli strategici all’interno di Comune, Provincia, Regione, Governo centrale è che mentre il gruppo Riva fa registrare utili da record, mentre Cornigliano, a Genova, festeggia il suo impianto ecocompatibile, Taranto continua ad aspettare. E a pagare gli effetti pesantissimi del trasferimento di tutta la produzione “a caldo” (quella più inquinante, per intenderci) dopo che a Genova è stato chiuso l’altoforno.

Sono numeri da capogiro quelli che certificano l’exploit che il gruppo Riva ha fatto registrare nel 2006: utili di 669,4 milioni di euro, con un aumento del 44 per cento rispetto all’anno precedente, fatturato consolidato netto di 9.454,9 milioni di euro, pari all’11 per cento in più del 2005. Commentando il dato complessivo, l’imprenditore lombardo fa sapere che nel 2007 investirà 700 milioni di euro per il rinnovamento degli impianti e la riduzione dei livelli di inquinamento e che nei prossimi cinque anni altri 770 milioni saranno investiti nello stabilimento di Genova. Una parte dei 700 milioni citati dovrebbe essere investita per rendere meno inquinante il colosso tarantino, quello dove si continuerà a fare il lavoro “sporco”, quello con i parchi minerali che sembrano montagne e il fumo che in alcune ore (soprattutto di notte, quando nessuno vede...) è così denso da sembrare nebbia marrone.

Dieci milioni di tonnellate di acciaio prodotte ogni anno sono la misura di quanto l’Ilva conti non solo per i Riva ma per l’intero sistema economico italiano. Dieci milioni che potrebbero diventare sei se il tetto di emissioni di C02 concesse al livello nazionale dovesse abbassarsi in virtù del protocollo di Kyoto. Proprio in questi giorni Emilio Riva ha espresso la sua preoccupazione in una dichiarazione fatta ad un quotidiano economico. “Corriamo il rischio di non poter più produrre 4 milioni di tonnellate di acciaio” ha commentato senza aggiungere altro. La prima volta che l’imprenditore lanciò l’allarme sulle ripercussioni che l’Ilva potrebbe avere dall’abbassamento dei livelli di emissione di C02 consenti, due parlamentari tarantini (Franzoso e Vico) fecero un’interrogazione evidenziando la necessità che lo stabilimento ionico fosse salvaguardato.

Non sappiamo cosa accadrà ora. Quel che è certo è che nessun parlamentare ionico è finora intervenuto dopo la diffusione dei dati sulle emissioni di diossina provenienti dall’Ilva che se per la legge italiana vanno bene sono invece considerate fuori legge dalle norme in vigore in moltri altri Paesi, Europa compresa. Nè ci risulta che da ambienti politici e istituzionali siano finora giunte prese di posizione sull’esigenza che la Regione Puglia così come ha già fatto il Friuli Venezia Giulia faccia propria la normativa europea in modo da abbassare la soglia consentita e salvaguardare così la popolazione. Questo a proposito di rapporti sbilanciati.....

Luisa Campatelli

Articoli correlati

  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11
    Ecologia
    Nuovo invito a scendere in piazza

    Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11

    Processo per la morte del piccolo Lorenzo Zaratta, deceduto con un tumore al cervello. Chiediamo giustizia per i cittadini di Taranto e del mondo! Udienza preliminare e costituzione delle parti civili: chiesto il processo per omicidio colposo per nove dirigenti dell'ex Ilva.
    9 ottobre 2021 - Fulvia Gravame
  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"
    Cultura
    "Vendo Bagnoli" è la canzone dedicata alla chiusura del polo siderurgico napoletano

    Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"

    "L'Italsider di Bagnoli - ha detto a Taranto - poi fu chiusa e si disse che si sarebbe valorizzato il turismo in quell’area perchè si poteva fare. Anche Taranto è una bella città che ha potenzialità turistiche e io mi auguro che si possa delineare un futuro migliore per tutti voi”.
    Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)