Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Lo ha detto l’assessore Bruno Pastore al dibattito di TarantoViva

Diossina: il Comune di Taranto incalzerà la Regione

Al presidente Nichi Vendola sarà chiesto di adottare un provvedimento di legge
che ricalchi quello del Friuli-Venezia Giulia che abbassa ulteriormente il limite delle emissioni
12 agosto 2007
Fonte: corgiorno

02082007 Il Comune di Taranto incalzerà la Regione Puglia affinchè adotti una legge regionale sulla falsa riga di quella approvata dalla Regione Friuli-Venezia Giulia che abbassa ulteriormente i limiti per l’emissione di diossina. Lo ha affermato venerdì sera l’assessore comunale all’Ambiente, Bruno Pastore, nel corso dell’incontro-dibattito promosso dall’associazione TarantoViva sul tema "La questione ambientale e il ruolo delle Associazioni. Prospettive di cambiamento reale". Un pressing, quello del Comune, ribadito dal sindaco Stefàno che ieri mattina ha incontrato una delegazione dell’associazione composta da Girolamo Albano (Presidente), Roberto Petrachi (vicepresidente), Maria Giovanna Bolognini (segretario) Stefano De Pace, Mario Collura e il prof. Roberto De Giorgi.

L’ambiente, dunque, un tema di scottante attualità che ha visto impegnati in un serrato e interessante dibattito oltre ai rappresentanti di TarantoViva il prof. Giorgio Assenanto, direttore di Arpa Puglia, l’assessore comunale alla Sanità, Bruno Pastore, Roberto De Giorgi di Rete jonica per l’ambiente, l’ing. Biagio De Marzo e il dott. Angelo Palomba, il collega Michele Tursi e la prof.ssa Lunetta Franco di Legambiente. Che ci sia l’esigenza, in ordina alle tematiche ambientali, di ripartire dal recupero di una alta moralità pubblica, da amministratori che perseguano il bene pubblico e non il personale profitto, è emerso chiaro dall’intervento introdutivo di Girolamo Albano e Mario Collura di TarantoViva i quali hanno sottolineato che da parte delle aziende e dall’Ilva in particolare «si deve ottenere una crescita del senso civico».

Albano e Collura hanno poi evidenziato come nel momento in cui in altre parti del mondo l’industria pesante ed a modesto contenuto tecnologico, maggiormente inquinante sta abbandonando l’Europa e subisce la delocalizzazione nel terzo mondo in via di industrializzazione, «a Taranto, nella maggiore acciaieria d’Europa vengono concentrate attività sospese altrove in Italia, le emissioni inquinanti crescono anzichè diminuire, i parchi minerali non vengono coperti e ci si chiede quanta altra diossina, metalli pesanti ed anidride carbonica debbano ancora essere emessi.

03082007 Siamo venuti a conoscenza del fatto - hanno aggiunto i due esponenti di TarantoViva - che l’Ilva emette 93 grammi di diossina all’anno sui 103 grammi emessi in tutta Italia (dati desunti dal database Ines Eper 2005). Sono stati effettuati in giugno controlli sulle emissioni di diossina dall’Arpa Puglia. In attesa di conoscere la situazione di fatto, ci siamo fatti l’idea che la sola Ilva abbia in 40 anni disperso in atmosfera più o meno la stessa quantità di diossina che fuoriuscì dagli impianti della Icmesa di Seveso nel 1978». Solo che «all’epoca dei fatti vennero enfatizzati gli effetti della tossicità acuta legata alla diffusione di diossina» quindi di conseguenza «venne bonificata l’area contaminata e stoccati in un sarcofago terreni superficiali e macchine», mentre a Taranto «non si pone la questione della tossicità acuta. Ma ci chiediamo se i circa 4 chili di diossina sparati in atmosfera dalla sola Ilva in 40 anni di attività, entrati nelle vie aeree e nel ciclo alimentare, non rappresentino una evidente causa per l’incremento di tumori e patologie respiratorie registrati a Taranto».

Ragion per cui gli esponenti dell’associazione TarantoViva sono dell’opinione che bisogna chiedere con forza norme regionali o addirittura nazionali «che riducano i livelli consentiti di emissioni di diossina da parte delle acciaierie allineandoli a quelli vigenti in Europa. D’altra parte l’entusiasmo, l’amore per la città, il desiderio di autotutela e di partecipazione diretta da parte della cosiddetta cittadinanza attiva - hanno concluso Albano e Collura - devono essere considerati un valore aggiunto su cui fare affidamento e leva nell’evoluzione e nel progresso della comunità e quindi una risorsa utilissima».

Articoli correlati

  • Onore ai 32 mila
    Taranto Sociale
    Sono stati loro a incarnare la forza della coscienza collettiva

    Onore ai 32 mila

    Undici anni fa PeaceLink a Taranto sollecitava la partecipazione al referendum Ilva con un messaggio chiaro: "Prima che l'inquinamento ti fermi, ferma l'inquinamento".
    13 aprile 2024 - Alessandro Marescotti
  • Inquinamento ILVA, il dossier di PeaceLink inviato alla Commissione Petizioni del Parlamento Europeo
    Taranto Sociale
    Audizione di Alessandro Marescotti

    Inquinamento ILVA, il dossier di PeaceLink inviato alla Commissione Petizioni del Parlamento Europeo

    Nonostante le prescrizioni dell'Autorizzazione Integrata Ambientale sembrino essere state rispettate sulla carta, l'ILVA continua a produrre un'inquietante quantità di inquinamento, con un preoccupante aumento dei livelli di benzene, noto cancerogeno.
    8 aprile 2024 - Associazione PeaceLink
  • Taranto: città laboratorio dell’ambientalismo basato sulla citizen science
    Citizen science
    La democratizzazione dei dati ambientali

    Taranto: città laboratorio dell’ambientalismo basato sulla citizen science

    Grazie alla tecnologia e alla disponibilità di dati ambientali, Taranto è diventata una delle città più monitorate d'Italia, e i cittadini hanno accesso a una vasta gamma di informazioni, tra cui i livelli di benzene, resi noti online ora per ora tramite le centraline di monitoraggio.
    8 aprile 2024 - Alessandro Marescotti
  • Piattaforma rivendicativa della manifestazione del 23 aprile a Taranto
    Ecologia
    Partenza dal piazzale Bestat alle ore 17

    Piattaforma rivendicativa della manifestazione del 23 aprile a Taranto

    Occorre fermare le emissioni dell'ILVA che sono alla base di gravi danni alla salute e all'ambiente. E al contempo avanziamo la richiesta di un risarcimento alla comunità e di un nuovo sviluppo che parta dalla rigenerazione del territorio.
    19 marzo 2024 - Associazioni Riunite Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)