Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Un documento di Marescotti (PeaceLink) alla presentazione del libro di Casson

«Taranto una città da bonificare dal Pcb»

«E’ passata inosservata una serie di analisi dell’Arpa Puglia che attesta come i terreni prelevati ai Tamburi, al Cisi e a Statte siano rispettivamente 7, 4 e 10 volte sopra i limiti di legge».
25 ottobre 2007
Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink)
Fonte: Tarantosera

ILVA di Taranto Sarà letta una relazione da Alessandro Marescotti in occasione della conferenza con la quale il magistrato Felice Casson presenterà il libro “La fabbrica dei veleni” . Il presidente di PeaceLink chiederà con quel documento di “indagare” sulla “manina occulta” che ha inserito nel “Testo unico” dell’ambiente del 2006 un innalzamento dei imiti del PCB nel terreno, che ora sono 60 volte superiori a quelli precedenti. «Senza quella “manina occulta” - dichiara Marescotti - oggi non Taranto sarebbe in gran parte da bonificare».

Di seguito l’anticipazione di uno stralcio del documento che sarà letto dal presidente di PeaceLink «A Taranto i policlorobifenili, noti spesso con la sigla PCB, sono presenti nel terreno in quantità preoccupante. I PCB sono cancerogeni e una recente ricerca di laboratorio ha dimostrato che possono contribuire al rischio di cancro al seno danneggiando il DNA, promuovendo la crescita tumorale o aumentando la suscettibilità attraverso l’alterazione dello sviluppo della ghiandola mammaria.

Tre studi recenti su donne con cancro al seno hanno scoperto che l’esposizione a PCB era correlato ad una probabilità maggiore che il cancro al seno fosse recidivo, aggressivo e fatale. “Tali scoperte suggeriscono la possibilità che le esposizioni continuino ad essere rilevanti oggi, sebbene i PCB siano stati messi al bando nel 1978”, afferma uno studio pubblicato nel giugno 2007 dal Chemical Injury Information Network. Ma a Taranto il PCB - nonostante i trasformatori all’apirolio siano andati in pensione - non è mai stato messo al bando perché continua ad essere presente sui terreni e ad essere in circolazione.

E’ passata inosservata infatti una serie di analisi dell’Arpa Puglia che attesta come i terreni prelevati ai Tamburi, al Cisi e a Statte siano rispettivamente 7, 4 e 10 volte sopra i limiti del D.M. 471/99 (limite di 1000 ng/Kg). «Peccato che il precedente governo nel D.M. 152/2006 (il “Testo Unico” sull’ambiente) abbiano elevato tali limiti di 60 volte (ora il limite è di 60000 ng/Kg) per i terreni residenziali e il verde pubblico.

Se quindi fossero oggi in vigore i limiti adottati nel 1999 una parte considerevole dei terreni di Taranto sarebbe da bonificare per la presenza di PCB. I dati che oggi PeaceLink diffonde - alla presenza del giudice Casson - sono stati resi disponibili dall’Arpa Puglia a Brindisi il 20 luglio 2007 nell’ambito della Conferenza sui cambiamenti climatici.

«Al giudice - e ora parlamentare - Felice Casson chiediamo espressamente di “indagare” sulla “manina occulta” che ha inserito nel “Testo unico” dell’ambiente del 2006 un innalzamento di 60 volte per i limiti del PCB nel terreno. Senza quella “manina occulta” oggi Taranto sarebbe in gran parte da bonificare. Quella “manina occulta” è probabilmente la stessa che ha inserito dei limiti per la diossina mille volte più alti rispetto ai limiti europei.

E’ importante che si indaghi su questi “esperti” che giocano con la nostra salute e con le leggi della nostra Repubblica. Questo consulenti che compilano gli allegati alle leggi devono uscire dall’anonimato e vanno individuati per le loro precise responsabilità, che sono altissime»

Articoli correlati

  • Onore ai 32 mila
    Taranto Sociale
    Sono stati loro a incarnare la forza della coscienza collettiva

    Onore ai 32 mila

    Undici anni fa PeaceLink a Taranto sollecitava la partecipazione al referendum Ilva con un messaggio chiaro: "Prima che l'inquinamento ti fermi, ferma l'inquinamento".
    13 aprile 2024 - Alessandro Marescotti
  • Inquinamento ILVA, il dossier di PeaceLink inviato alla Commissione Petizioni del Parlamento Europeo
    Taranto Sociale
    Audizione di Alessandro Marescotti

    Inquinamento ILVA, il dossier di PeaceLink inviato alla Commissione Petizioni del Parlamento Europeo

    Nonostante le prescrizioni dell'Autorizzazione Integrata Ambientale sembrino essere state rispettate sulla carta, l'ILVA continua a produrre un'inquietante quantità di inquinamento, con un preoccupante aumento dei livelli di benzene, noto cancerogeno.
    8 aprile 2024 - Associazione PeaceLink
  • Taranto: città laboratorio dell’ambientalismo basato sulla citizen science
    Citizen science
    La democratizzazione dei dati ambientali

    Taranto: città laboratorio dell’ambientalismo basato sulla citizen science

    Grazie alla tecnologia e alla disponibilità di dati ambientali, Taranto è diventata una delle città più monitorate d'Italia, e i cittadini hanno accesso a una vasta gamma di informazioni, tra cui i livelli di benzene, resi noti online ora per ora tramite le centraline di monitoraggio.
    8 aprile 2024 - Alessandro Marescotti
  • Piattaforma rivendicativa della manifestazione del 23 aprile a Taranto
    Ecologia
    Partenza dal piazzale Bestat alle ore 17

    Piattaforma rivendicativa della manifestazione del 23 aprile a Taranto

    Occorre fermare le emissioni dell'ILVA che sono alla base di gravi danni alla salute e all'ambiente. E al contempo avanziamo la richiesta di un risarcimento alla comunità e di un nuovo sviluppo che parta dalla rigenerazione del territorio.
    19 marzo 2024 - Associazioni Riunite Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)