Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

L’associazione «Bambini contro l’inquinamento», ieri ha organizzato la marcia di protesta ai «Tamburi», in memoria di 3 giovanissime vittime di un ambiente malato

Taranto marcia contro il «mostro»: Non vogliamo più quest’aria malata

Alla manifestazione di ieri hanno aderito anche numerosi esponenti politici. In prima linea, fra gli altri, il sindaco Stefàno e il presidente della Provincia, Gianni Florido. Proprio Florido ha sinora seguito con il presidente della Regione Vendola la firma e l’attuazione dell’atto d’intesa con l’Ilva.
29 ottobre 2007
Maria Rosaria Clemente
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

ILVA di Taranto Sono in tanti le mamme e i papà dietro i bambini che dicono «no» all'inquinamento. Sono dietro gli striscioni preparati a scuola, dietro la voglia di cambiamento dei loro figli. Ma dovrebbero, potrebbero essere ancora di più. Piccola e dolce quanto determinata ed austera, i lunghi capelli neri raccolti sotto il cappellino - uno dei pochi simboli colorati della manifestazione che veste di grigio il cielo, le strade e l’anima, e ricarica di antracite i fumi della fabbrica - Caterina Vozza è una delle tante mamme che ci sono. Lungo quella lingua di strada che ad un certo punto mischia il flusso di andata con quello di ritorno, mentre sullo sfondo il «camino» incriminato continua a sbuffare in cielo diossina e veleni, lei alza la mano.

Punta l’indice. Indica il «mostro». Poi volta l’indice verso quelle mamme che sono affacciate ai balconi dietro i panni stesi ad assorbire puzza e fumi. E quasi intima loro: «Scendete, venite qui. Cosa state a fare lì? Dobbiamo farci sentire». Ma soprattutto agita i suoi pensieri che rapidi vanno al binomio inquinamento-occupazione e, con semplici argomentazioni, delinea i grandi problemi di Taranto e del suo futuro.

Dalla sua ha la forza della semplicità. Da far impallidire i politici, quelli che alla manifestazione sono venuti e quelli che non ci sono. «Ha visto quella terra nei sacchetti donati ai nostri amministratori?» chiede con l’aria di chi ne ha raccolti a chili nella sua vita. «Sono vent'anni che abito qui, mi sono fatta una casa, pago ancora il mutuo. So io i sacrifici che abbiamo fatto. Ed ora cosa dovrei fare? Andar via? Quella terra, io la raccolgo ogni giorno, sui balconi, in casa. Da tanti anni. Da sempre. Ecco cosa respiriamo. Se non pulisci ogni giorno, te la trovi sotto i piedi, ti fa scivolare. E quello è ciò che vediamo. Non sappiamo cos'altro respiriamo ed ingeriamo senza neanche saperlo. Sa cosa dico? Noi l’acqua non dovremmo pagarla perché ogni giorno devi lavare tutto. Non basta mai lavare e rilavare. Perché, sa, noi vogliamo essere gente pulita. Invece, l’acqua ce la fanno pagare. Dobbiamo pagare, pagare e morire. Quei minerali dovrebbero metterli sotto terra, invece. Noi non diciamo che l’Ilva deve chiudere. I nostri padri, i nostri mariti lavorano lì. Ma almeno che si prendano seri provvedimenti. Non possiamo più andare avanti così.

Taranto muore. Senza dire quanti di noi si ammalano, ogni giorno, sempre di più. Per non parlare delle morti bianche. Quanti ragazzi, vanno lì a lavorare e in due o tre mesi se ne vanno. I nostri figli lo percepiscono. Mio figlio a 15 anni mi ha detto: “Mamma, io un lavoro all’Ilva non lo voglio mai”. Lui dice vuole andare via da Taranto. Qui non resiste». Poi Caterina torna a guardarsi intorno. Il mare di gente sta dissolvendosi ormai, troppo pochi e troppo poco tempo. «Bisognava essere di più, insistere ancora, la gente deve farsi sentire. Qualcosa deve pur accadere», aggiunge.

«La gente è sfiduciata perché, dopo la protesta, non succede mai niente. Non è che questa sia la prima manifestazione. E’ già accaduto», le fa eco un papà, Tommaso Ciccolella, molfettese di origine e tarantino per scelta, mitilicoltore. Conosce il mare lui e dice: «Se Taranto fosse altrove, questa città avrebbe turismo. A Mar Piccolo si potrebbe fare di tutto, dalle gare di vela a quelle di canottaggio. E le spiagge? Perché non danno a noi lavoratori in gestione pezzetti di spiaggia? Non pensa che non sapremmo tutelare bene il nostro ambiente?»

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)