Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

E’ il parere del presidente dell’Ail di Taranto, Paola D’Andria

"Governanti assenti sull'inquinamento, scuotiamo l'opinione pubblica"

L’attenzione verso il problema dell’inquinamento ambientale e, conseguentemente, della salute cittadina non si ferma. Continua ad andare avanti. Una situazione che di giorno in giorno diventa sempre più insostenibile per diversi motivi.
27 novembre 2007
Fonte: Corriere del Giorno

ILVA di Taranto Dopo le due manifestazioni organizzate un mese fa dalle associazioni locali “Aiutiamo Ippocrate” e “Bambini contro l’inquinamento” per porre l’attenzione sulle numerose morti e gli altrettanti malati di tumore, nonchè sull’inquinamento ambientale che sta danneggiano gravemente l’intero territorio tarantino, il Corriere sta registrando una serie di interventi da parte di associazioni impegnate sulla difesa dell’ambiente, del settore sociale e sanitario in una città dove non esiste un reparto di Pneumologia e, almeno sino ad oggi, un registro per i tumori.

Una situazione che di giorno in giorno diventa sempre più insostenibile per diversi motivi. L’assenza dell’Amministrazione comunale su tali questioni, in particolare di funzionari e dirigenti, così come di Provincia e Regione, viene messa in evidenza da Paola D’Andria, presidente dell’Ail (Associazione italiana contro le leucemie, i linfomi e i mielomi) di Taranto.

In sintonia con le associazioni ambientaliste ed in particolare con quanto denunciato da tempo dal Comitato per Taranto, Paola D’Andria, sottolinea che ad oggi non è dato sapere se il Comune di Taranto abbia presentato la domanda per ottenere i finanziamentieuropei per il monitoraggio ambientale. Il riferimento è al progetto “Life+” che scade il 30 novembre prossimo. “Questi fondi permetterebbero a Taranto, se avessimo gli strumenti - dichiara D’Andria - di monitorare l’ambiente in modo appropriato.

Noi cittadini abbiamo il diritto di sapere di che morte dobbiamo morire, visto che non c’è un registro tumori, considerato che le istituzioni sono assenti e che i dati delle emissioni delle sostanze inquinanti non sono aggiornate”. Dopo l’infelice idea della foto sorridente con il dirigente Ilva per l’inaugurazione delle fontanine al cimitero “ci ha colpito la stretta di mano amichevole del sindaco Stefàno con Riva. Una stretta di mano che ha sancito un accordo sul nostro presente, ma soprattutto sul nostro futuro e su quello dei nostri figli. Perchè - chiede la presidente dell’Ail - parlare con Riva di Autorizzazione Integrata Ambientale (Aia), che scade il 31 marzo prossimo? Perchè parlare di obblighi disattesi del diritto della salute negata?”.

In pratica il sindaco “con un gesto unilaterale si è accontentato di un accordo verbale che promette posti di lavoro, centraline a 15 chilometri dall’Ilva (e non sulle ciminiere come dovrebbe essere, ndr) e una graduale diminuzione dell’emissione di diossine. E l’amianto, il mercurio, il benzene, le polveri di ferro che fine hanno fatto?”.

Ha dell’incredibile, almeno per noi tarantini, sentire il sindaco di Roma, Walter Veltroni, affermare in una puntata della trasmissione “Ballarò” che ha smantellato un campo Rom nella capitale perchè i fornelli usati dai nomadi per cucinare “sprigionavano diossina, sostanza dannosa per chi abita nei pressi del campo”. “La diossina dei Rom è così dannosa al punto da richiedere un intervento tempestivo del primo cittadino - asserisce ironicamente Paola D’Andria - quella della grande industria tarantina a quanto pare no. E quindi possiamo accontentarci di una promessa verbale.

Non mi sembra difficile far capire che la grande industria può rimanere, ma bisogna rendere gli impianti sostenibili con il nostro diritto alla salute. Entro marzo Riva deve adeguare gli impianti, deve mettersi in regola. Non perdiamo questo tram”.

L’obiettivo a cui mira la presidente dell’Ail è quello di scuotere l’opinione pubblica, informarla in modo adeguato, renderla più consapevole e quindi portare i governati a compiere qualcosa di concreto, a non perdere più tempo. In concomitanza con la campagna delle stelle di Natale in favore dell’Ail (prevista dal 7 al 9 dicembre prossimi) D’Andria annuncia che a Taranto, insieme con le piante ormai simbolo dell’associazione saranno distribuiti dei volantini informativi su questa grave situazione per chiedere l’adesione della cittadinanza.

Le Stelle dell’Ail, saranno distribuite in piazza Giovanni XXIII, via di Palma (antistante Coin), viale Liguria (davanti alla Banca Popolare di Puglia e Basilicata) e in viale Magna Grecia (nei pressi della Concattedrale), nonchè nelle piazze di altri paesi della provincia.

Articoli correlati

  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)