Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Federico Pirro risponde alla missiva di TarantoViva

«Scienza e ambiente convivono bene»

"Non possiamo tornare al Medioevo ma puntare sulla ricerca. Su Taranto tutti gli accordi sinora sottoscritti e in via di realizzazione per ridurre l'impatto del Siderurgico sulla città stanno dando i loro risultati e nessuno dei tanti soggetti sottoscrittori ha denunciato quegli accordi".
27 dicembre 2007
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

- Rispondo a Stefano De Pace che sabato 22 dicembre si è chiesto su queste colonne il perché di una difesa da lui definita «forsennata» dell'Ilva a Taranto e dell'Enel a Brindisi. Lo rassicuro: nessuna sconsiderata difesa da parte mia di un grande patrimonio tecnologico nella città bimare e della centrale elettrica di Cerano, proprio perché sono d'accordo con lui sulla necessità di uno sviluppo industriale ecocompatibile nelle due aree.

Su Taranto: tutti gli accordi sinora sottoscritti e in via di realizzazione per ridurre l'impatto del Siderurgico sulla città stanno dando i loro risultati e nessuno dei tanti soggetti sottoscrittori ha denunciato quegli accordi. Si può fare ancora di più? Si deve fare, ma nel pieno rispetto di norme e procedure vigenti e con il consenso di Istituzioni, azienda e parti sociali.

Fiom, Fim e Uilm inoltre hanno dichiarato ufficialmente che - nel battersi per ridurre gli infortuni sul lavoro e i danni per l'ambiente e la salute - difenderanno però con determinazione l'impianto contro l'antindustrialismo che di tanto in tanto riaffiora in città. E con loro sono le Istituzioni, i grandi partiti, la Confindustria ionica, il Politecnico e tutti coloro che vogliono unire produzione di acciaio ed ecosostenibilità.

Sono allora tutti difensori «forsennati» di 17.000 posti di lavoro fra diretti e indotto, cui sono da aggiungersi le altre centinaia di persone impegnate al porto, nei trasporti, e nelle banche che gravitano sulla produzione siderurgica?

Su Brindisi: l'Enel ha dato il benvenuto a Greenpeace. Goliardia? Nient'affatto. L'Enel sta investendo altri 300 milioni di euro per contenere al massimo la ricaduta sull'ecosistema della grande centrale di Cerano. Ora procederà anche alla copertura del carbonile, ed è disposta a costruire per l'attracco delle carboniere anche un nuovo molo fuori dal porto, ove pure ha introdotto sistemi più ecologici di scarico del combustibile. Perché tutto questo non si vuole riconoscere, quando anche le Istituzioni regionali lo fanno ? Chi è a questo punto il «forsennato»? Chi apprezza le proposte dell'Enel, o chi vi si oppone «a prescindere»?

Ma c'è dell'altro: perché non si parla della diossina sprigionata dalla bruciatura (spesso clandestina) dei teli di pacciamatura nelle campagne? E l'uso (a volte eccessivo) di anticrittogamici nelle coltivazioni chi lo controlla? E delle emissioni di CO2 da circolazione delle auto e da impianti di riscaldamento non dobbiamo discutere? Chiederemo allora il blocco della produzione di auto e il ritorno ai vecchi bracieri? Assolutamente no, ma lavoreremo tutti insieme (con la scienza) per produrre motori a minor impatto ambientale, per la cattura della CO2 con le tecnologie già disponibili, per il risparmio energetico «intelligente», per la produzione sempre più pulita di acciaio e di altri beni intermedi irrinunciabili.

Non c'è alternativa - se non una paurosa regressione al Medioevo - all'impiego della scienza per salvare l'ambiente e la salute nelle nostre città e nell'intero pianeta

Articoli correlati

  • Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda
    Taranto Sociale
    "La siderurgia di Taranto è un cavallo morente"

    Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda

    Secondo Peacelink, “occorre un piano B per le aree di crisi, fra cui Taranto, basato sulle bonifiche e su una riconversione economica finalizzata alla transizione ecologica. Lo stabilimento Ilva di Taranto non ha un futuro né.economico né ecologico”.
    22 novembre 2022 - AGI
  • Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva
    Laboratorio di scrittura
    Un video emozionale girato nel quartiere Tamburi di Taranto

    Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva

    Questa è la foto che suggella un lavoro fatto con passione, per documentare, con il video "La polvere negli occhi", la storia della lotta contro il disastro ambientale di Taranto e per tentare di salvare una comunità da una tragedia che ha segnato la storia di tante persone, di tante famiglie.
    23 novembre 2022 - Alessandro Marescotti
  • Crisi nerissima per l'ILVA, scoppia la protesta dei lavoratori
    Ecologia
    Le dichiarazioni di Alessandro Marescotti presidente di PeaceLink

    Crisi nerissima per l'ILVA, scoppia la protesta dei lavoratori

    "Siamo solidali con le preoccupazioni dei lavoratori ILVA ma occorre una riconversione ecologica dell'economia. Lottiamo insieme per fermare la guerra che ha generato un disastro economico"
    22 novembre 2022 - Redazione PeaceLink
  • Inquinamento e violazioni dei diritti umani in Italia
    Ecologia
    Il Rapporto ONU sull'inquinamento in Italia

    Inquinamento e violazioni dei diritti umani in Italia

    Il Relatore Speciale delle Nazioni Unite ha visitato l'Italia dal 30 novembre al 13 dicembre 2021. Il Rapporto tocca Porto Marghera, l'inquinamento da PFAS in Veneto, la terra dei Fuochi, l'ILVA di Taranto, Livorno, i pesticidi, i rifiuti e altro ancora.
    14 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)