Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Sicurezza sul lavoro e morti bianche

L’associazione «12 giugno» si rivolge a Casson

Alcune proposte consegnate al senatore, già pm al processo sul Petrolchimico di Marghera, dopo l’incontro in TV. Anno tragico il 2007 con due vittime all’Ilva. Ma nasce il nucleo di vigilanza.
2 gennaio 2008
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

Morti Bianche: industria e servizi i settori più a rischio, Bari e Taranto le province più colpite Una sponda parlamentare per le proposte in materia di sicurezza sul lavoro. Le richieste dell’associazione «12 giugno» sono finite nelle mani del senatore Felice Casson, già impegnato, come magistrato, sul fronte della lotta all’inquinamento (fu pubblico ministero nel processo per le morti al Petrolchimico di Marghera). L’occasione è stata offerta, qualche settimana fa, dalla trasmissione Rai «annozero» alla quale ha partecipato, insieme allo stesso Casson, Angelo Franco uno dei leader dell’associazione che riunisce i familiari delle vittime di incidenti sul lavoro.

Proprio Franco ha consegnato al senatore Casson il documento contenente i «suggerimenti» già resi noti dall’associazione nei mesi scorsi, durante alcuni incontri pubblici. La speranza è che possano finire sotto la lente d’ingrandimento del legislatore e costituire la spina dorsale di un testo normativo destinato a rendere più stringenti i controlli in materia di sicurezza.

Le proposte sono racchiuse in quattro punti. Il primo prevede la differenziazione degli interventi di prevenzione e protezione per i lavoratori che operano nella piccola impresa rispetto a quelli da realizzare in favore dei dipendenti impiegati nelle aziende medie e grandi; il secondo punto prevede la necessità di affermare l’obbligatorietà dell’informazione e della formazione di tutti i lavoratori. L’associazione «12 giugno» guarda con particolare attenzione al ruolo dei rls, i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza e alla necessità che questi ultimi partecipino attivamente all’attuazione delle procedure di sicurezza e alla verifica delle stesse.

C’è, poi, il capitolo della vigilanza: l’associazione che riunisce i familiari delle vittime di incidenti sul lavoro insiste: bisogna stabilire una vigilanza adeguata da parte del Servizio sanitario nazionale sulle malattie professionali. Infine, proprio sulla vigilanza, va attuata una gestione integrata degli organi preposti, ritenendo ciò prioritario nell’ottica delle iniziative per migliorare la sicurezza dei lavoratori in fabbrica.

L’associazione «12 giugno» ha più volte insistito sull’attuazione della buona pratica delle «cassette di sicurezza» in ogni azienda: una bacheca contenente un avviso con i recapiti dei sindacati o delle associazioni disposti a ricevere segnalazioni riguardanti la sicurezza per prevenire incidenti e infortuni sul lavoro.

UN BILANCIO TRAGICO

Anche perché l’eredità del 2007 è, comunque, pesante. Due gli infortuni mortali. E’ il 2 giugno quando Andrea D’Alessano, 19 anni, di Oria, dipendente della ditta Modomec di Massafra, viene colpito alla testa da un grosso martello caduto dall’alto. L’incidente avviene nell’edificio «Pca». D’Alessano muore dopo una settimana di agonia.

L’1 agosto è Domenico Occhinegro, 26 anni, nato a Mottola e residente a Palagiano, a perdere la vita in un incidente sul lavoro nel reparto Tubificio 2. Il giovane rimane schiacciato tra un tubo d’acciaio e la sella di una trave facente parte del sistema di movimentazione.

Riesplode, quindi, la questione sicurezza nel Siderurgico. Un passo avanti viene compiuto con l’attivazione del Nucleo integrato di prevenzione e vigilanza sugli infortuni, composto anche da rappresentanti dei ministeri della Salute e del Lavoro.

Note: Guarda la puntata di ANNO ZERO nella quale si è parlato dell' ILVA di Taranto: "Basta con le lacrime, fine della commozione, adesso è il tempo della rabbia”, dicono i compagni degli operai morti nel rogo di Torino. La politica risponde che le leggi ci sono e bisogna farle rispettare ma la strage silenziosa continua. E a chi spetta far rispettare le leggi?

Copia e incolla questo indirizzo per seguire la puntata di Annozero:

http://www.rai.tv/mppopupvideo/0,,RaiDue-Annozero-Puntate%5E0 5E46780,0.html

Articoli correlati

  • Le motivazioni della sentenza ILVA
    Processo Ilva
    Sono state rese note oggi

    Le motivazioni della sentenza ILVA

    In oltre 3.700 pagine la Corte d’Assise di Taranto spiega la sentenza che ha condannato 26 imputati, tra i quali anche alcuni politici (compreso Nichi Vendola). Per i giudici la famiglia proprietaria dello stabilimento era a conoscenza dell’illegalità della gestione già dal momento dell'acquisto
    29 novembre 2022 - Francesco Casula e Andrea Tundo
  • Novità sul "Parco di Lulù" ora denominato "Sorrisi dei Tamburi" al quartiere Tamburi di Taranto
    Taranto Sociale
    Un aggiornamento dalla dottoressa Annamaria Moschetti

    Novità sul "Parco di Lulù" ora denominato "Sorrisi dei Tamburi" al quartiere Tamburi di Taranto

    Il parco è stato donato anni fa dal cantante Niccolò Fani. La pediatra Annamaria Moschetti rinnova la richiesta di sospendere l'immissione di sostanze cancerogene e neurotossiche provenienti dalla vicina area industriale.
    24 novembre 2022
  • Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda
    Taranto Sociale
    "La siderurgia di Taranto è un cavallo morente"

    Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda

    Secondo Peacelink, “occorre un piano B per le aree di crisi, fra cui Taranto, basato sulle bonifiche e su una riconversione economica finalizzata alla transizione ecologica. Lo stabilimento Ilva di Taranto non ha un futuro né.economico né ecologico”.
    22 novembre 2022 - AGI
  • Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva
    Laboratorio di scrittura
    Un video emozionale girato nel quartiere Tamburi di Taranto

    Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva

    Questa è la foto che suggella un lavoro fatto con passione, per documentare, con il video "La polvere negli occhi", la storia della lotta contro il disastro ambientale di Taranto e per tentare di salvare una comunità da una tragedia che ha segnato la storia di tante persone, di tante famiglie.
    23 novembre 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)