Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Lettera al direttore del Corriere del Giorno

Inceneritore a Taranto: accenderlo o no?

Il problema delle nanopatologie, ossia delle malattie determinate da polveri sottili, fini ed ultrafini (si veda, ad esempio, http://www.nanodiagnostics.it del prof. Montanari), non può più essere trascurato, soprattutto in una città come Taranto
13 gennaio 2008
Giulio Farella

Egregio Direttore,
sono felice che Lei e il Suo giornale ancora una volta abbiate dimostrato una grande apertura verso opinioni differenti, lasciando spazio al dibattito. Se me lo consente, vorrei approfondire le motivazioni della mia contrarietà alla riaccensione dell'inceneritore di Taranto.

Nella Sua risposta alla mia precedente lettera lei dice "inceneritori ovviamente ad alta e moderna tecnologia". L'impianto tarantino è, però, realizzato con una tecnologia tutt'altro che moderna, chiamata "a griglia", che veniva utilizzata già dai primi anni 80.
Nanoparticelle


Il problema, inoltre, non è nelle tecnologie accessorie che possono essere applicate all'inceneritore ma nell'evidenza che qualsiasi processo di combustione genera diossine e nanoparticelle (non filtrabili con le tecnologie attualmente disponibili), in concentrazioni variabili a seconda della sostanza bruciata. Il problema delle nanopatologie, ossia delle malattie determinate da polveri sottili, fini ed ultrafini (si veda, ad esempio, http://www.nanodiagnostics.it del prof. Montanari), non può più essere trascurato, soprattutto in una città malata come Taranto.

"Nulla si crea e nulla si distrugge", affermò Lavoisier più di un secolo fa, e le sigarette non sono cancerogene da spente, ma quando se ne respirano i fumi...

La gestione economica degli inceneritori, inoltre, va nella direzione opposta rispetto alla raccolta differenziata ed alle esigenze vitali dei cittadini. Infatti per abbassare le emissioni di diossine e polveri ultrafini è necessario che il rifiuto incenerito sia estremamente differenziato, privo di plastiche, metalli, vetro, ecc. Ma per rendere economicamente vantaggioso un inceneritore è necessario tenerlo a pieno regime, incenerendo tutto il rifiuto e, come succede, ad esempio, a Brescia, importandone altro. Fino ad arrivare a casi estremi: a Terni l'incenerimento di balle di rifiuti indifferenziati provenienti dalla Campania ha causato una gravissima contaminazione da elementi radioattivi, che non bruciano e vengono dispersi con i fumi.

Un'altra inesattezza frequente è l'affermazione che gli inceneritori forniscano energia: gli inceneritori producono energia ma in quantità inferiore rispetto a quella che consumano. Quindi il bilancio energetico è negativo, e questa è una delle cause degli altissimi costi dell'incenerimento, che noi cittadini pagheremmo sia con la Tarsu che con i famigerati Cip6 della bolletta dell'Enel.

L'unica possibile via di risoluzione del problema dei rifiuti è l'attivazione di una capillare ed efficiente raccolta differenziata, separando la sostanza organica, la plastica, il vetro, l'alluminio e tutto ciò che è riciclabile.

Le soluzioni ad alta e moderna tecnologia per lo smaltimento dei rifiuti residuali esistono, e nessuna di esse passa attraverso l'incenerimento: si tratta di procedure di smaltimento bio-meccanico a freddo, in grado di recuperare gran parte del rifiuto indifferenziato in modo da dover conferire in discarica solo il 10-15% del rifiuto prodotto. Tale frazione, inoltre, viene compattata e resa inerte. Qui non si parla di soluzioni utopistiche ma di impianti che funzionano già da anni in Australia e negli Stati uniti (una metropoli come San Francisco recupera oggi più del 70% dei rifiuti) e che in Germania stanno gradualmente sostituendo gli inceneritori, permettendo pure un notevole risparmio.

La ringrazio per lo spazio che vorrà concedermi e La saluto.

Dott. Giulio Farella

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta
    Taranto Sociale
    L'Arpa Puglia scrive nuovamente a Ministero dell'Ambiente e Ispra

    "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta

    L'Agenzia regionale sollecita la revisione dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e coinvolge il sindaco Melucci, già firmatario dell'ordinanza ferma al Consiglio di Stato.
    24 aprile 2021 - Mimmo Mazza
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)