Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Una decisione storica del Consiglio Comunale di Taranto

Rigassificatore, storico il NO

TarantoViva desidera aggiungere che la decisione presa in Consiglio Comunale è una decisione storica: storica perché non è frequente che la volontà e il benessere della popolazione vengano contemplati come fattori di primaria importanza da parte dei decisori politici, e invece questa volta siamo orgogliosi di constatare che, a Taranto, questo è avvenuto.
22 gennaio 2008
Girolamo Albano (Ass. TarantoViVa)
Fonte: Corriere del Giorno

No al Rigassificatore a Taranto L’Associazione TarantoViva esprime soddisfazione a seguito del parere contrario espresso dal Consiglio Comunale di Taranto il 15 gennaio scorso in merito alla costruzione di un impianto di rigassificazione nel territorio tarantino.

Insieme ad altre associazioni locali, TarantoViva ha condiviso fin dall’inizio la battaglia per il no al rigassificatore, impianto dichiarato in base alla Direttiva Seveso a rischio di incidente rilevante; un no motivato non da ragioni aprioristiche e da quell’estremismo ideologico che in tanti si sono premurati di attribuire al Comitato per il no al rigassificatore, ma supportato da motivazioni concrete e tangibili.

Stando al progetto di Gas Natural, il rigassificatore andrebbe a insediarsi tra la raffineria Agip e l’Ilva, con conseguenti rischi di un effetto domino qualora dovesse verificarsi un incidente a uno degli impianti. Inoltre, Taranto annovera sul suo territorio ben 9 impianti a rischio di incidente rilevante, e nessuna logica politica, economica, umana, può ritenere verosimilmente accettabile la realizzazione di un ulteriore impianto così impattante sul territorio.

Come già ricordato dal prof. Marescotti nei giorni scorsi, e come sottolineato dalla stessa Commissione Ecologia e Ambiente del Comune di Taranto, il principio di precauzione deve essere la linea direttrice principale, se non l’unica, a guidare la valutazione dell’ipotesi di un rigassificatore sul nostro territorio, già talmente provato dal punto di vista ambientale e sanitario che sempre più spesso il nome della nostra città viene collocato ai vertici non invidiabili delle classifiche nazionali per patologie tumorali connesse all’inquinamento, per morti sul lavoro, per quantità di emissioni nocive, e di conseguenza al fondo di quelle che valutano la qualità della vita.

TarantoViva desidera aggiungere che la decisione presa in Consiglio Comunale è una decisione storica: storica perché non è frequente che la volontà e il benessere della popolazione vengano contemplati come fattori di primaria importanza da parte dei decisori politici, e invece questa volta siamo orgogliosi di constatare che, a Taranto, questo è avvenuto. Storica anche per la contingenza che Taranto affronta dall’ottobre del 2006: il dissesto finanziario ci ha resi più poveri, più dipendenti dal Governo centrale, e questo, secondo le logiche di un’Italia che non ci piace, più
ricattabili. Invece i nostri rappresentanti hanno scelto per il bene del territorio e di una popolazione abituata a non essere ascoltata.

Questo è bello, è bene, è nuovo. Questo, soprattutto, ci dà speranza e assicuriamo che, per chi quotidianamente si impegna per un cambiamento reale dello stato di grande difficoltà in cui versa Taranto, è una sensazione rara e per questo più preziosa”.

Girolamo Albano
Presidente TarantoViva
www. tarantoviva. it

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    Ci costituiamo in base all'art. 11 della nostra Carta Costituzionale: "L'Italia ripudia la guerra"

    Documento del Comitato per la Pace di Taranto

    Sabato 26 febbraio saremo in presidio a Taranto esprimendo la nostra preoccupazione per l'escalation militare. Chiediamo all'Italia e all’Europa di adoperarsi diplomaticamente per evitare il conflitto. Diciamo no all'estensione della Nato all'Ucraina e a nuove armi nucleari Usa in Europa.
    21 febbraio 2022 - Comitato per la Pace di Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)