Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

ILVA ancora sotto accusa: 3 indagati

Chiuse le indagini su episodi verificatisi fra luglio e settembre di due anni fa Contestate dal PM. Accuse di getto pericoloso di cose e danneggiamento e scarico diretto nel sottosuolo di sostanza inquinante Ad aver messo nero su bianco le contestazioni è stato il pubblico ministero Antonella Montanaro
19 marzo 2008
Fonte: Corriere del Giorno

- Danneggiamento, getto pericoloso di cose, scarico diretto nel sottosuolo di sostanza inquinante: sono queste le accuse che portano alla ribalta l’ennesimo presunto caso di inquinamento ambientale che vede coinvolta l’ILVA.

Sono queste le accuse che tirano in ballo tre responsabili dello stabilimento siderurgico per distinti episodi registratisi fra il mese di luglio e settembre di due anni fa. Episodi su cui la Procura tarantina ritiene di aver fatto piena luce, come del resto dimostrano gli avvisi di garanzia che, notificati ai diretti interessati nei giorni scorsi, hanno segnato la chiusura delle indagini preliminari.

Ad aver messo nero su bianco le contestazioni è stato il pubblico ministero inquirente dott.ssa Antonella Montanaro, che preso atto dei risultati di consulenze tecniche e degli esiti di mirati accertamenti ha puntato l’indice contro il direttore dell’azienda, l’ing. Luigi Capogrosso, il procuratore dello stabilimento, dott. Giuseppe Sansone, ed il dirigente dei Parchi Primari e Rifornimenti dell’ILVA, dott. Marco Andelmi.

A risultare gravati da tutte le ipotesi di reato formulate sono i primi due, entrambi chiamati a rispondere sia dello sversamento di una sostanza oleosa (costituita da idrocarburi) nella zona di mare antistante la calata IV del Porto cittadino, sia dello scarico nel terreno (l’area è quella sottostante la “Torre n. 3” di congiunzione dei nastri trasportatori del minerale di ferro) di liquido sversato precedentemente all’interno di un canale in muratura a cielo aperto, il tutto, come si legge nel capo d’imputazione “a causa della mancata realizzazione di strutture di contenimento del minerale di ferro nell’ambito di pertinenza ILVA.” Che è poi l’unica ipotesi delittuosa (quella dello scarico nel sottosuolo della sostanza inquinante) che riguarda il dott. Andelmi.

I primi episodi finiti nel mirino della magistratura risalgono all’8 luglio, al 5, 10 e 13 agosto del 2006, epoca in cui fu segnalata la presenza di sostanza oleosa in prossimità dello specchio di acqua antistante il porto. Sulle prime si ipotizzò che il fenomeno potesse essere addebitato a qualche nave di passaggio, ma solo al termine di meticolosi accertamenti è stato possibile per la magistratura fissare il quadro della situazione.

I risultati investigativi hanno consentito di appurare che un cospicuo flusso di olio puro in uscita dall’ILVA transitava nel collettore SISRI per poi essere riversato in mare. Una situazione che, a giudizio della Procura, avrebbe determinato l’inquinamento dello specchio d’acqua interessato dallo sversamento, tenuto conto che la sostanza in questione è risultata in grado di “offendere, imbrattare e molestare le persone”.

Preso atto della ricostruzione dell’accaduto, il p.m. ha individuato i presunti responsabili di quanto successo nel direttore e nel procuratore dello stabilimento, gli stessi che (attraverso i propri legali avv. Cesare Mattesi ed Egidio Albanese) adesso hanno venti giorni di tempo per tentare di confutare il quadro accusatorio o chiedendo di essere interrogati, o producendo documentazione o depositando una memoria difensiva.

E la stessa scelta dovrà fare pure il terzo dirigente dell’ILVA raggiunto dall’informazione di garanzia solo in ordine all’ipotizzato scarico nel sottosuolo di acqua frammista a minerale di ferro, circostanza che secondo l’accusa si sarebbe verificata fra il 5 ed il 6 settembre sempre di due anni fa.

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)