Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Comunicato stampa

La Regione Puglia vuole rassicurare veramente la popolazione? Pubblichi i dati della diossina negli alimenti

E' necessario che la Regione pubblichi al più presto e continuamente su Internet tutti i dati relativi a diossina e PCB degli alimenti analizzati. Ci riferiamo sia ai rapporti di prova delle analisi in corso, sia ai rapporti degli scorsi anni (sempre che ce ne siano stati) e di cui i cittadini non sanno nulla.
24 marzo 2008

SI PUBBLICHINO I DATI SULLA DIOSSINA NEGLI ALIMENTI PER RASSICURARE DAVVERO LE POPOLAZIONI

- Il Presidente Vendola, durante il vertice convocato a Bari a seguito delle conferme della Asl di Taranto alla segnalazione del movimento PeaceLink, che aveva dimostrato eccessi di diossine e PCB in un campione di formaggio prodotto a Taranto, ha dichiarato: "Non siamo a Caserta, la produzione di latte e derivati nelle aziende del tarantino è assolutamente normale; per i dati da inquinamento da diossina stiamo monitorando in maniera continua tutta la produzione zootecnica della provincia di Taranto e abbiamo chiesto un aiuto all'Istituto Superiore di Sanità".

Il Ministro per le politiche agricole, Paolo De Castro, ha a sua volta rassicurato: "Si tratta di un episodio isolato che dimostra quanto i controlli siano importantissimi e quanto in Puglia siano applicati con attenzione e regolarità".

E ancora l'Arpa Puglia e il Dipartimento Prevenzione della Asl di Taranto assicurano: "Il monitoraggio ora verrà esteso a 360 gradi, sebbene controlli periodici vengano già effettuati sugli alimenti per gli animali in tutti gli allevamenti".

Prendiamo atto di queste rassicuranti dichiarazioni ma non possiamo non evidenziare la loro intrinseca contraddittorietà. Non si comprende se i controlli sulla diossina negli alimenti venivano cioè eseguiti prima che PeaceLink li facesse fare per suo conto e prima che la Procura della Repubblica di Taranto li disponesse a seguito, sembra, di una segnalazione della stampa. E inoltre, visto che solo adesso verranno estesi "a 360 gradi", ci chiediamo "a quanti gradi" era estesa l'attività ispettiva sinora effettuata.

E poi ci chiediamo e chiediamo alle ASL della Puglia che cosa si intenda fare per le malattie ambientali conclamate, non solo quelle tumorali, ma anche quelle neurologiche come dettagliate nella drammatica segnalazione di una cittadina dei Tamburi che denuncia, sul sito del Ministero dell'Ambiente, una paralisi da metalli pesanti.

Per rassicurare davvero i cittadini, oltre che sulla normalità dei dati anche sull'effettivo svolgimento dei controlli, è necessario che la Regione Puglia pubblichi al più presto e continuamente su Internet tutti i dati relativi a diossina e PCB degli alimenti analizzati. Ci riferiamo sia ai rapporti di prova delle analisi in corso, sia ai rapporti degli scorsi anni (sempre che ce ne siano stati) e di cui i cittadini non sanno nulla.

Diversamente le rassicurazioni istituzionali non avrebbero molto di rassicurante.

Consideriamo meritorio ogni sforzo che si sta conducendo in queste ore per estendere le analisi e individuare le fonti dell'inquinamento le quali hanno effetti contaminanti che non conoscono confini di provincia. Chiediamo che venga reso immediatamente operativo lo spettrometro di massa ad alta risoluzione di cui l'Arpa Puglia si è dotata.

Ci sembra importante la strada imboccata anche perché realisticamente non crediamo che in passato ci sia stato un analogo investimento nell'acquisizione e nella condivisione di informazioni per la tutela della salute. Ecco perché occorre ora mettere la popolazione pugliese nelle condizioni di controllare direttamente alla fonte le analisi effettuate. Tutto l'archivio di analisi su diossina e PCB (ma anche di metalli pesanti e agenti cancerogeni) negli alimenti pugliesi dovrebbe essere reso pubblico.

Dobbiamo poter giudicare ciò che si è fatto (o non si è fatto) in passato.

Condividere su Internet ogni dato scientifico è la strategia che chiediamo di attuare per consentire ai cittadini di formarsi una propria opinione autonoma, informata e consapevole.

Gino Stasi - Medicina Democratica Brindisi
Paola D'Andria - presidente AIL Taranto
Espedito Alfarano - Amici di Beppe Grillo di Taranto
Luigi Oliva e Antonietta Podda - Comitato per Taranto
Alessandro Marescotti e Biagio De Marzo - PeaceLink

Brindisi - Taranto 24.3.2008

Note: Se si va adesso sul Portale ambientale della Regione Puglia e si cerca con la parola "diossina"... non appare neppure una pagina web.

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Taranto, cronaca di un disastro ambientale
    PeaceLink
    Relazione sul webinar di PeaceLink

    Taranto, cronaca di un disastro ambientale

    Di fronte all'inquinamento del polo industriale e in particolare dello stabilimento siderurgico vi è stata, dal 2008 in poi, una crescita della cittadinanza attiva. La società civile organizzata, supportata dai dati scientifici dell'Arpa Puglia, ha saputo contrastare lo strapotere dei Riva.
    10 giugno 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)