Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

L´emergenza sicurezza esiste, è quella delle stragi sul lavoro

Il presidente della Regione commenta gli ultimi incidenti alla Bridgestone e all´Ilva. Vendola accusa: situazione grave, governo inetto. «Questo è un governo inetto sul tema della sicurezza sul lavoro»: il governatore pugliese Nichi Vendola, questa volta, usa le parole come fossero una clava.
3 luglio 2008
Piero Ricci
Fonte: Repubblica

Morti Bianche L´attacco al governo Berlusconi è duro, diretto, violento. La conferenza stampa sul riconoscimento dei bollini rosa a quattro ospedali della Asl Bari per l´attenzione che mostra nella cura delle donne, sta per cominciare quando il governatore apprende dell´incidente mortale nella zona industriale di Bari, a meno di 24 ore dall´altro incidente mortale, quello all´interno dell´Ilva, martedì, a Taranto. «Sì, è vero: in Italia c´è un´emergenza sicurezza ma non è certo quella ci vuole far credere il governo Berlusconi».

Ma il tema della sicurezza è molto sentito dai cittadini. E l´esito delle elezioni politiche lo hanno in qualche modo anche certificato, non le pare?

«Vorrei dire una cosa che non è stata detta ancora da nessuno in Italia. C´è un´emergenza sicurezza in Italia, è una gravissima emergenza sicurezza che viene occultata dal dibattito politico e messa anche in ombra, complessivamente, dalla discussione pubblica. Qualche momento fa, nella città di Bari, c´è stato un morto nella Bridgestone e un ferito. Questo incidente viene dopo l´incidente di ieri all´Ilva e non so quanti stupri ci saranno oggi in Italia. Il fatto che, a fronte della recrudescenza degli incidenti e della mortalità sul lavoro e della violazione dei diritti della dignità delle donne, il governo Berlusconi si permetta di allargare le maglie che riguardano la normativa recente sulla sicurezza sul lavoro e si permetta di cancellare i costi che dovevano sostenere le iniziative di contrasto alla violenza alle donne, significa che il centrodestra sta dando un contributo rilevante all´accrescimento dell´insicurezza materiale, reale dei cittadini».

Rapine, violenze, aggressioni sono all´ordine del giorno e l´idea di spedire l´esercito nelle zone a rischio di alcune città non ha scatenato tante proteste.

«Non dico che la rapina a un tabaccaio non meriti attenzione. Sappiamo, purtroppo, che sulla rapina a un tabaccaio si possono anche determinare le condizioni per convocare un Consiglio dei Ministri, o su una vicenda di cronaca nera si può interrompere l´ordinaria vita parlamentare e chiedere un dibattito straordinario. Bene, noi non siamo di fronte a vicende straordinarie: la morte sul lavoro e la violenza alle donne sono due pilastri fondamentali dell´insicurezza collettiva oggi in Italia».

Due pesi, due misure.

«Si gioca molto sull´insicurezza percepita. Un microscopico fatto di cronaca nera diventa mille volte più importante di 1.300 morti sul lavoro, un microscopico fatto di cronaca nera diventa mille volte più rilevante della fisiologica riproduzione della realtà degli stupri, come di una realtà in crescita».

Come se ne esce?

«Allora noi pensiamo che la sicurezza dei cittadini si garantisca in maniera concreta nominando ciò che rende insicuro il cittadino: il cittadino è insicuro quando è di sesso femminile nella giungla delle culture maschiliste e dell´attitudine alla violenza. Il cittadino è insicuro quando varca i cancelli di una fabbrica e diventa lavoratore e lavoratrice, soprattutto se di un sub appalto e soprattutto se ha una contrattualizzazione atipica. Due incidenti mortali sui cantieri pugliesi nel giro di 24 ore dimostrano tragicamente l´inettitudine del governo sul tema della sicurezza sul lavoro. Un´inettitudine che è alla base di una strage senza fine. Mi aspetto che ora il governo intervenga. Mi aspetto che dall´intero Parlamento, maggioranza e opposizione, si alzi forte la voce dell´indignazione, ponendo subito in agenda una seduta monotematica dei lavori dedicata ad una questione che non si può più rinviare».

Articoli correlati

  • Le motivazioni della sentenza ILVA
    Processo Ilva
    Sono state rese note oggi

    Le motivazioni della sentenza ILVA

    In oltre 3.700 pagine la Corte d’Assise di Taranto spiega la sentenza che ha condannato 26 imputati, tra i quali anche alcuni politici (compreso Nichi Vendola). Per i giudici la famiglia proprietaria dello stabilimento era a conoscenza dell’illegalità della gestione già dal momento dell'acquisto
    29 novembre 2022 - Francesco Casula e Andrea Tundo
  • Novità sul "Parco di Lulù" ora denominato "Sorrisi dei Tamburi" al quartiere Tamburi di Taranto
    Taranto Sociale
    Un aggiornamento dalla dottoressa Annamaria Moschetti

    Novità sul "Parco di Lulù" ora denominato "Sorrisi dei Tamburi" al quartiere Tamburi di Taranto

    Il parco è stato donato anni fa dal cantante Niccolò Fani. La pediatra Annamaria Moschetti rinnova la richiesta di sospendere l'immissione di sostanze cancerogene e neurotossiche provenienti dalla vicina area industriale.
    24 novembre 2022
  • Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda
    Taranto Sociale
    "La siderurgia di Taranto è un cavallo morente"

    Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda

    Secondo Peacelink, “occorre un piano B per le aree di crisi, fra cui Taranto, basato sulle bonifiche e su una riconversione economica finalizzata alla transizione ecologica. Lo stabilimento Ilva di Taranto non ha un futuro né.economico né ecologico”.
    22 novembre 2022 - AGI
  • Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva
    Laboratorio di scrittura
    Un video emozionale girato nel quartiere Tamburi di Taranto

    Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva

    Questa è la foto che suggella un lavoro fatto con passione, per documentare, con il video "La polvere negli occhi", la storia della lotta contro il disastro ambientale di Taranto e per tentare di salvare una comunità da una tragedia che ha segnato la storia di tante persone, di tante famiglie.
    23 novembre 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)