Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

«Ambiente, tempi più brevi»

Appello di Confindustria: accelerare l’accordo con l’Ilva Diossina: dopo la lettera di Vendola a Berlusconi se ne parlerà a Bruxelles. L’impegno dell’on. Pittella (Pd): chiedere che l’europarlamento si occupi di rivedere i tetti massimi di emissione
5 agosto 2008
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

- La recente presa di posizione dell’Arpa - che ha ipotizzato una riduzione produttiva della cokeria Ilva - e la lettera di Vendola a Berlusconi, che chiede interventi efficaci sulla questione, hanno inevitabilmente riproposto la “querelle” ambientale in tutta la sua complessità. Situazione complessa e di non facile soluzione, sulla quale interviene anche la Confindustria ionica sottolineando la necessità di «un approccio razionale e soprattutto rispettoso di quanto è stato finora messo a punto, in termini di progetti di risanamento, dalla Regione Puglia e dalla stessa Ilva, che sulla riduzione dell’impatto ambientale ha già programmato – ed ha in itinere - una serie di
interventi».

La Confindustria ha già avuto modo di ribadire che l’ulteriore crescita dell’apparato industriale dovrà rispondere a tutte le regole che contribuiscono a realizzare la piena ecosostenibilità. «L’Ilva - dicono da via Dario Lupo - sta rispondendo alle misure previste nell’accordo con la Regione investendo cospicue risorse, e quindi l’Atto di Intesa continua a rappresentare un modello da mutuare, ma riteniamo
che, sempre in un’ottica di tutela dell’ecosistema, altrettanto importante sia tutelare il grande apparato produttivo di cui il complesso siderurgico dispone. Solo una politica capace di rendere compatibili le due facce della stessa medaglia, pertanto, potrà fornire alla città le risposte che cerca: ben vengano, dunque, a nostro parere, tutti quei correttivi che consentiranno, fermo restando gli accordi già sottoscritti, di imprimere un accelerata ai progetti di risanamento.

E’ infatti sacrosanta la richiesta di veder ridurre i tempi di “recupero” della tanto invocata ecocompatibilità ambientale; altrettanto lo sono, però, torniamo a dirlo, le forti e pressanti istanze che arrivano dal mondo del lavoro. La fabbrica deve continuare a produrre reddito, occupazione e prospettive di sviluppo».

Del caso-Ilva s’è occupato anche l'eurodeputato del Pd, Gianni Pittella, presidente della delegazione italiana del gruppo Pse al Parlamento europeo. Partendo dalle ultime analisi dell’Arpa, che confermano la presenza di alti valori di diossina nell'aria, ed evidenziando anche che il calendario degli interventi programmati dall'Ilva non sembra fissare tappe brevi, l’on. Pittella ha detto: "Alcuni recenti studi dimostrano un allarmante aumento dell'incidenza tumorale nella zona.

Altra questione riguarda la sicurezza sul posto di lavoro e le morti bianche. Solleciterò l'attuale ministro dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo, affinché intervenga immediatamente sulla questione, che porterò anche in Commissione europea".

E di Ilva si parlerà questa mattina a Taranto. Il sindaco Ippazio Stefàno e il Presidente dell’Amministrazione provinciale Gianni Florido terranno una conferenza stampa congiunta, alle ore 11 del Salone degli Specchi di Palazzo di Città, per illustrare le linee comuni di approfondimento degli interventi necessari al controllo e alla riduzione delle emissioni di diossina da parte dello stabilimento siderurgico di Taranto.

All’incontro - come riferisce anche una nota stampa della Regione - prenderanno parte l’assessore regionale all’Ambiente Michele Losappio, e il direttore generale dell’Arpa - l’agenzia regionale per la protezione ambientale - Giorgio Assennato. L’occasione servirà a fare il punto sulla cronologia degli interventi di bonifica ambientale

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • L'ARPA Puglia ha un nuovo strumento per segnalare le puzze
    Ecologia
    Il portale pugliese per le segnalazioni degli eventi odorigeni

    L'ARPA Puglia ha un nuovo strumento per segnalare le puzze

    Come funziona l'attività di monitoraggio alle emissioni odorigene in Puglia? Quello delle puzze è un fenomeno spesso segnalato dai cittadini che vivono vicino alle discariche, agli oleifici e alle fabbriche.
    21 giugno 2021 - Fulvia Gravame
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)