Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

«Sull'ILVA conosceremo il parere dei Tarantini»

È quanto sostiene l'europarlamentare Vernola a proposito del referendum sullo stabilimento siderurgico. La posizione di Sinistra democratica per Stefàno
7 ottobre 2008
Michele Tursi
Fonte: Corriere del Giorno

- «Il referendum è l'espressione civile ma estrema conseguenza del malessere popolare. Della disperazione di una città avvelenata. Bisogna realizzare la consultazione: al di là del suo carattere solo consultivo, conosceremo il pensiero dei tarantini. Così come prevede la Costituzione all'articolo 21 che si riferisce alla libertà di espressione, richiamato dal Tar Lecce nel condannare il Comune di Taranto».

L'europarlamentare Marcello Vernola plaude alla sentenza del Tar che ha condannato il Comune di Taranto a dotarsi del Regolamento sui referendum. «Va peraltro sottolineato - aggiunge l'europarlamentare - che il referendum rappresenta una sconfitta, fin da ora, per chi non ha voluto mettersi in regola. Una sconfitta per chi non ha saputo controllare, come ha fatto la Regione con il suo atteggiamento dilatorio che ha colpevolmente contribuito a portare una città a porsi il drammatico dilemma lavoro-salute.

Inutile ora - è il parere di Vernola - che l'assessore regionale all'ambiente dica di voler condurre la produzione Ilva a livelli ecocompatibili. Ha avuto tempo, ha perso tempo. Lavoro e salute: entrambi fanno parte della qualità della vita ma ai cittadini di Taranto si è tentato di imporre, o si è finito per imporre con l'immobilismo, una scelta fra le due opportunità. Io, che da molti mesi ho dapprima richiamato al rispetto dei tempi poi ho sottolineato i ritardi per il rilascio della certificazione Aia in cui la Regione ha responsabilità specifiche, sono - conclude Vernola - perché la qualità della vita sia complessiva, lavoro e salute, o anche salute e lavoro, insieme.

E che il referendum sia un nuovo, forte segnale da parte di una città che ormai, fortunatamente, sul caso Ilva, non vuole più rimanere a subire. Né i soprusi né i silenzi né i ritardi». Di importante e utile fase di confronto cittadino «sulla questione del rapporto con la grande industria, cruciale per il presente ed il futuro della città» parla la segreteria provinciale di Sinistra democratica per Stefàno che, ritenendo ogni forma di democrazia partecipata come fatto positivo, guardano con favore al quesito referendario «come metodo di consultazione della cittadinanza e come strumento utile ad arricchire il dibattito politico attraverso il confronto con la società civile».

In quanto Lista civica, gli Sds «non possono che condividere l’opinione del sindaco Stefàno quando afferma che finalmente sapremo cosa Taranto pensa dell’Ilva. Ciò con l’auspicio, prima ancora che arrivi il momento delle urne, che la città riesca a trovare nel quesito referendario l’ideale luogo in cui animarsi di un serio dibattito, scegliendo con coscienza il proprio destino, magari senza quelle strumentalizzazioni della vecchia politica che, da qualche parte, cominciano già a piovere sul referendum».

Dal canto loro, gli Sds assicureranno all’amministrazione comunale «il massimo impegno nella predisposizione di quanto necessario alla regolamentazione dello strumento referendario ad oggi ancora non normato».

Articoli correlati

  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)