Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Rinnovabili: Vendola scrive al Ministro Prestigiacomo

Questo il testo della lettera inviata dal Presidente Vendola al Ministro Prestigiacomo in merito agli accordi di programma quadro sull’energia solare termodinamica e sull’idrogeno, per i quali da parte del Ministro sono state ventilate difficoltà finanziare nell’attuazione degli stessi.
18 novembre 2008
Nichi Vendola

“Gentile Ministro,
Idrogeno la Sua nota, con la quale sono prospettate serie difficoltà nell’attuazione dell’accordo di programma sull’energia solare termodinamica proposto dal Prof. Carlo Rubbia, non incoraggia di certo la prosecuzione di un progetto di così alto livello e strategico per una Regione che ha deciso di investire rilevanti risorse sulle energie rinnovabili.Vorrei ricordare che il progetto di ricerca condotto dal premio Nobel Rubbia è stato giudicato fra i più avanzati nel mondo.

E’ un progetto che dovrà tracciare la strada ad una nuova generazione di impianti che trasformano l’energia solare in produzione elettrica. Anche per questo l’accordo di programma definito e sottoscritto nello scorso aprile con il Suo predecessore, finanziato con 9 milioni di euro (5 del Ministero e 4 della Regione) e già in fase di attuazione con l’avvenuto insediamento di una ‘cabina di regia’ che ha già operato, costituisce un fatto di grande rilevanza e qualità, che per questo va portato alla sua conclusione.

Altrettanto dovrebbe accadere per il secondo Accordo di Programma dell’aprile 2008, quello finalizzato all’utilizzo di energia da idrogeno, secondo il progetto del Prof. Jeremy Rifkin, finanziato con 5 milioni di euro (3 del Ministero e 2 della Regione) ed al momento congelato nella sua attuazione senza che ci sia pervenuta alcuna spiegazione. Mi vengono invece da Lei comunicate “alcune criticità concernenti la definizione, valutazione e copertura finanziaria degli interventi”, difficoltà individuate forse tardivamente dalla Direzione per la Salvaguardia Ambientale che le riconduce ad un articolo ed a un comma della legge finanziaria 2008 (articolo 1, comma 322), che tuttavia sembra non avere attinenza con l’argomento.

Sarebbe dunque opportuno un chiarimento per poter fornire il più rapidamente possibile alla Puglia ed al Paese impianti di avanguardia lungo la frontiera delle rinnovabili che Lei, come me, considera strategica per l’Italia e per l’Europa.Con la speranza di poter inaugurare insieme quegli impianti previsti nella nostra Regione, Le chiedo un incontro, confidando nella Sua sensibilità e cortesia.

La saluto cordialmente, ricambiando gli auguri di buon lavoro”.

Bari, 18 Novembre 2008

Articoli correlati

  • L'introduzione dell’idrogeno nel processo produttivo dell’acciaio
    Ecodidattica
    La produzione di DRI (direct reduced iron)

    L'introduzione dell’idrogeno nel processo produttivo dell’acciaio

    Ad Amburgo ArcelorMittal costruirà un impianto pilota che utilizzerà idrogeno su scala industriale per la riduzione diretta del minerale di ferro (DRI o preridotto), tagliando le emissioni di CO2. Attualmente la produzione di DRI avviene utilizzando gas naturale.
    Elisa Bonomelli
  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Taranto, cronaca di un disastro ambientale
    PeaceLink
    Relazione sul webinar di PeaceLink

    Taranto, cronaca di un disastro ambientale

    Di fronte all'inquinamento del polo industriale e in particolare dello stabilimento siderurgico vi è stata, dal 2008 in poi, una crescita della cittadinanza attiva. La società civile organizzata, supportata dai dati scientifici dell'Arpa Puglia, ha saputo contrastare lo strapotere dei Riva.
    10 giugno 2021 - Laura Tussi
  • Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA
    Editoriale
    Condanne durissime, condannati anche i politici

    Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA

    Nessuno aveva mai parlato della diossina a Taranto prima del 2005. Fummo noi a prenderci la responsabilità e i rischi di denunciarlo pubblicamente. Oggi è una grande giornata di liberazione dopo una lunga resistenza e tante vittime. Venivamo chiamati "allarmisti" ma avevamo ragione noi.
    31 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)