Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Taranto si mobilita: sabato grande marcia per l'ambiente

Gli organizzatori della manifestazione hanno tenuto una conferenza stampa di presentazione dell'iniziativa. E Peacelink annuncia un rapporto shock sulla inalazione di fumi cancerogeni nel quartiere Tamburi
26 novembre 2008
Daniele Marescotti
Fonte: Redattore sociale

- TARANTO – Gli organizzatori della manifestazione per l'ambiente che si svolgerà a Taranto il 29 novembre hanno tenuto oggi una conferenza stampa di presentazione dell'iniziativa.

Giuseppe Merico, pediatra e promotore dell'associazione “Bambini contro l'inquinamento”, si è soffermato sugli scopi della manifestazione che mira in primo luogo a fermare il raddoppio della raffineria Eni, previsto per fine anno. "Vi è poi il problema dei limiti di emissione europei da inserire nell'Autorizzazione integrata ambientale (Aia) dell'Ilva e della altre aziende dell'area industriale. Il mio lavoro di pediatra mi fa constatare ogni giorno come la salute dei bambini sia particolarmente a rischio in questa che è ormai nota come la città più inquinata d'Italia".

Nella conferenza stampa ha preso la parola Leo Corvace (Legambiente) per soffermarsi sui dati tecnici dell'Aia e sul recente disegno di legge regionale che mira ad abbassare i livelli di emissione di diossina industriale a 0,4 nanogrammi (tossicità equivalente) a metro cubo entro il 31 dicembre 2010. Paola D'Andria (Ail) ha dichiarato che i parlamentari "hanno il dovere di dare una risposta urgente alla domanda di salute e di sicurezza ambientale dei cittadini, è un dovere a cui non può sottrarsi alcun rappresentante delle istituzioni". E ha invitato i sindaci a formare un fronte comune con i cittadini nella procedura di Autorizzazione integrata ambientale.

Alessandro Marescotti (PeaceLink) ha annunciato la presentazione di un rapporto shock sulla inalazione di fumi cancerogeni nel quartiere Tamburi, il più vicino all'area industriale. Sarà reso noto prima della marcia. "Lì fumano anche i neonati - ha dichiarato - e stiamo calcolando la quantità di sigarette sulla base di equivalenze basate su rapporti scientifici".

Il raggruppamento di associazioni che promuove la manifestazione del 29 novembre fa deciso di darsi un nome comune: Altamarea. (dm)

Articoli correlati

  • Processo Ilva
    Dalle carte dell'indagine Ambiente Svenduto

    Perché Altamarea e PeaceLink erano temute dall'ILVA

    Un breve passaggio che evidenzia l'importanza e l'efficacia dei comunicati stampa "numerosi e costanti"
    31 luglio 2016
  • Altamarea incontra il garante Esposito
    Taranto Sociale
    Comunicato stampa

    Altamarea incontra il garante Esposito

    Chiediamo che il Garante faccia mettere a disposizione del pubblico relazioni, progettazioni, pareri, comunicazioni e pretenda, nel contempo, che le osservazioni che scaturiranno dal pubblico siano esaminate seriamente e debitamente valorizzate. Il Garante deve far sì che gli uffici tecnici degli enti locali si aprano ai cittadini anziché opporre pretestuosi “segreti d’ufficio”
    15 febbraio 2013 - Biagio De Marzo
  • Legambiente: “I nuovi dati confermano la drammaticità della situazione"
    Taranto Sociale
    Ilva, studio Sentieri, a Taranto aumentata la mortalità

    Legambiente: “I nuovi dati confermano la drammaticità della situazione"

    Necessari provvedimenti urgenti e una valutazione dell’impatto sanitario che orienti le prescrizioni dell’Aia
    22 ottobre 2012 - Legambiente Taranto
  • ILVA: A Vendola piace l'AIA (ma non l'ha letta)
    Taranto Sociale
    Comunicato stampa

    ILVA: A Vendola piace l'AIA (ma non l'ha letta)

    Vendola legga le carte prima di fare affermazioni di pura fantasia. Anche perché la prescrizione della magistratura all'ILVA è quella di non produrre e non inquinare mentre l'AIA concessa è l'autorizzazione a continuare a produrre e a inquinare
    22 ottobre 2012 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)