Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Benedetto inquinatore

Il padrone dell'Ilva di Taranto ristruttura una chiesa e l'arcivescovo ringrazia. Non dice però l’arcivescovo che il quartiere dei Tamburi, proprio grazie “all’attenzione costante” del Gruppo Riva, è anche il quartiere più inquinato d’Italia
11 maggio 2009
Luca Kocci (Redazione di Adista)

Pubblici ringraziamenti dell’arcivescovo di Taranto, mons. Benigno Papa, ad Emilio Riva, padrone dell’Ilva – ex Italsider, l’acciaieria più grande e più inquinante d’Italia –, perché si farà carico dei lavori di ristrutturazione della chiesa parrocchiale “Gesù Divin Lavoratore” che sorge nello stesso quartiere della fabbrica.

“Ho la gioia di annunciarvi che ho ricevuto una missiva del presidente dell’Ilva, l’ing. Emilio Riva”, scrive mons. Papa, lo scorso primo maggio, ai fedeli della parrocchia. “Vogliamo ringraziare Dio – scrive l’arcivescovo – per questo dono della Sua Provvidenza, che ci giunge proprio nell’occasione della vostra festa”. “Il presidente Riva mi ha espresso le motivazioni che hanno indotto il suo Gruppo a tale atto di generosa attenzione. Egli – prosegue – mi scrive di aver aderito volentieri alla mia richiesta perché riconosce alla nostra comunità ecclesiale e a questa comunità, in particolare, il merito di prestare un’indispensabile e disinteressata opera di promozione umana e sociale; attesta inoltre gratitudine ai Padri Giuseppini del Murialdo che da tanti anni sono presenti all’Ilva come cappellani ed, infine, vuole esprimere così l’attenzione costante che il suo gruppo riserva a questo quartiere dei Tamburi”.

Emilio Riva, patron dell'Ilva

Non dice però l’arcivescovo che il quartiere dei Tamburi, proprio grazie “all’attenzione costante” del Gruppo Riva, è anche il quartiere più inquinato d’Italia, con una percentuale altissima di incidenza dei tumori: i camini dell’Ilva infatti – sulla base dei dati stimati dell’Ines (Inventario Nazionale Emissioni e loro Sorgenti) – disperdono nel cielo di Taranto il 92% di tutta la diossina che si produce in Italia e quasi il 9% di quella europea; e nel 2005 l’Ilva ha stimato di aver sversato nell’acqua e nell’aria pugliese oltre due tonnellate di mercurio. Nel febbraio del 2007 Emilio Riva è stato condannato a tre anni di reclusione, e il figlio Claudio Riva a 18 mesi, per violazione di norme antinquinamento, con riferimento alla gestione della cokeria dell'impianto di Taranto (condanna poi confermata in secondo grado) e omissione di cautele contro gli infortuni sul lavoro.

Mons. Benigno Papa, Arcivescovo di Taranto


Ma su tali questioni da parte dell’arcivescovo – che a Natale e a Pasqua ha anche celebrato la messa nella fabbrica tarantina – nemmeno una parola. Anzi, invitato alla grande manifestazione ambientalista del 29 novembre 2008, a cui parteciparono oltre 20mila persone, così motivò agli organizzatori la sua decisione di non prendervi parte: “Quello che non dovrebbe accadere è cavalcare la giusta tematica della salvaguardia dell'ambiente per motivazioni strumentali, cioè non tanto perché stia veramente a cuore questo problema, ma perché dalla protesta si possa ricavare un qualche utile personale o di gruppo. Qualora dovesse accadere questo, dovrei pensare che ci sia un inquinamento spirituale che è peggiore dell'inquinamento ambientale”.

Articoli correlati

  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)